Energia

Come la pandemia influirà sulle politiche energetiche della Cina

di

Cina

Tutti gli effetti della pandemia in Cina sull’energia secondo un approfondimento di Bloomberg

Oltre a ridurre un obiettivo numerico di crescita economica, la pandemia di coronavirus ha costretto la Cina a rinunciare a una misura chiave sul risparmio energetico, passaggio fondamentale nel progresso della battaglia contro il cambiamento climatico, scrive Bloomberg.  La Cina si impegnerà per “un ulteriore calo del consumo di energia per unità di PIL”, ha dichiarato il premier Li Keqiang al Congresso nazionale del popolo di Pechino venerdì. Ma ha lasciato da parte il calo percentuale previsto e che ha guidato la politica dal 2014.

L’omissione è coincisa con un rapporto della principale agenzia di pianificazione economica cinese, la Commissione Nazionale per lo Sviluppo e le Riforme, che ha detto che l’efficienza energetica è migliorata solo del 2,6% lo scorso anno, mancando l’obiettivo del 3% fissato da Li alla legislatura nazionale del 2019. E per l’anno a venire, la NDRC ha avvertito che sarà necessaria una quantità relativamente maggiore di energia per sostenere l’attività, in quanto “l’impatto dell’epidemia sulla crescita economica sarà probabilmente maggiore dell’impatto sul consumo totale di energia”.

L’abbandono dell’obiettivo dimostra che “le considerazioni economiche hanno chiaramente prevalso su tutte le altre questioni, compresa la protezione dell’ambiente”, ha detto Li Shuo, consulente politico globale senior di Greenpeace a Pechino. La Cina si è impegnata a ridurre la sua intensità energetica del 15% dal 2016 al 2020, nel tentativo di ridurre l’inquinamento e combattere il riscaldamento globale.

Era ampiamente sulla buona strada per raggiungere questi obiettivi nei primi tre anni. Tuttavia, alla fine del 2019, prima che il coronavirus colpisse, la misura era scesa di poco più del 13%, secondo la NDRC. L’anno scorso la Cina è rimasta appena al di sotto del suo obiettivo, poiché il rallentamento della crescita economica ha portato i responsabili politici a ridurre le restrizioni all’industria, a rallentare la transizione dal carbone e a ridurre i sussidi per l’energia più pulita. Con altre misure, tra cui le emissioni di carbonio per unità di crescita economica, la Cina ha superato i suoi impegni internazionali. Ma il rischio è che “Covid-19 potrebbe ribaltare la situazione”, ha detto  Li di Greenpeace.

(Tratto dalla rassegna stampa estera di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati