Energia

Come Facebook gestisce la disinformazione sul clima. Report Nyt

di

Facebook CLIMA diritti civili

Facebook, dall’inizio dell’anno, è entrato in azione per combattere la disinformazione potenzialmente pericolosa sul suo sito, anche sul clima. Ma non mancano le critiche al sistema

Mentre il Covid-19 si è diffuso in tutto il mondo all’inizio di quest’anno, Facebook è entrato in azione per combattere la disinformazione potenzialmente pericolosa sul suo sito. L’azienda ha etichettato e soppresso i contenuti fuorvianti, ha rimosso la disinformazione e ha indirizzato gli utenti verso fonti attendibili, tra cui il sito web dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Questa rapida azione è stata in netto contrasto con la posizione di Facebook su un altro pericoloso e complesso pericolo che divide: il cambiamento climatico. Questo perché, secondo le linee guida dell’azienda, i contenuti climatici possono essere classificati come opinioni e quindi esentati dalle procedure di controllo dei fatti – scrive il NYT.

Questa politica significa che la scienza sottoposta a revisione tra pari può essere classificata nella stessa categoria delle dichiarazioni del settore e anche della disinformazione palese. A settembre, ad esempio, la CO2 Coalition, un gruppo no-profit che afferma che l’aumento delle emissioni di carbonio è positivo per il pianeta, ha ribaltato con successo un fact-check quando Facebook ha pacatamente etichettato il suo post come “opinione”.

Alla luce del recente boicottaggio pubblicitario contro Facebook e dell’audit indipendente reso pubblico questo mese che ha messo in cattiva luce la piattaforma per aver permesso che i discorsi di odio e la disinformazione prosperassero, abbiamo parlato con l’azienda e con diversi esperti esterni della sua posizione sulla disinformazione sul clima. Ecco cosa hanno avuto da dire.

QUALI SONO LE REGOLE DI FACEBOOK?

Tutti i contenuti di opinione sulla piattaforma – compresi gli articoli o i post op-ed che esprimono le opinioni o le agende di politici, imprese e organizzazioni non governative – sono esenti dal controllo dei fatti. Questa politica è in vigore dal 2016, secondo quanto affermato da Andy Stone, direttore della comunicazione della politica di Facebook.

CHI EFFETTUA IL FACT-CHECKING?

Facebook non controlla i contenuti. Al contrario, esso stipula contratti con almeno 50 organizzazioni indipendenti che hanno accesso ai post segnalati come potenziali disinformazioni da parte di Facebook o degli utenti.

Uno dei verificatori dei cambiamenti climatici della piattaforma è Climate Feedback, un’organizzazione che recluta esperti in materia per analizzare i post. Il processo può richiedere settimane per un singolo articolo.

Secondo Scott Johnson, il redattore scientifico di Climate Feedback, i fact checker possono anche analizzare i post che non sono ancora stati segnalati o classificati da Facebook.

Dopo una revisione, la società di fact-checking può applicare uno degli otto avvisi di contenuto al post. Le etichette includono, “Titolo falso”, “Ingannevole” e “Falso”. Quando il contenuto è etichettato come falso o parzialmente falso, gli utenti ricevono un avviso a comparsa sul contenuto se fanno clic su di esso per condividerlo. I messaggi falsi sono anche classificati per apparire più bassi nei news feed.

COSA CONTA COME OPINIONE?

Decidere quale sia l’opinione è a discrezione di Facebook, non dei fact checker.

In agosto, questa politica ha attirato l’attenzione quando la CO2 Coalition ha condiviso un articolo dell’Examiner di Washington che contestava l’accuratezza dei modelli di cambiamento climatico. Il Climate Feedback ha etichettato il post come “falso”.

La CO2 Coalition ha fatto appello alla decisione e, secondo Climate Feedback, Facebook ha risposto informando i fact checker che il post era un contenuto di opinione, e quindi esonerato dal controllo da parte dei fact checker esterni.

“Collocare dichiarazioni che sono verificate come false in una sezione di opinione non dovrebbe garantire l’immunità dal controllo dei fatti”, ha detto Johnson.

John Podesta, un consulente del presidente Barack Obama che ha coordinato la politica climatica dell’amministrazione, ha definito la politica di opinione di Facebook “una scappatoia attraverso la quale si può guidare un camion Mack”.

SCAPPATOIA O LIBERTA’ DI PAROLA?

Secondo Stone, Facebook si preoccupa soprattutto di segnalare o rimuovere contenuti che rappresentano una minaccia immediata per la salute e la sicurezza umana, compresa la disinformazione sul coronavirus o i discorsi di odio che incitano alla violenza. I contenuti sul cambiamento climatico, ha detto, non rientrano in questa categoria.

Stone ha detto che il post del Washington Examiner, originariamente pubblicato come op-ed, si allineava chiaramente alla definizione di contenuto di opinione di Facebook e ha aggiunto che i fact checker avrebbero dovuto essere a conoscenza di tale classificazione.

Podesta ha affermato che la politica equivale a una scappatoia per la disinformazione. Ha detto che alcuni pezzi di opinione sono “pieni di menzogne fattuali”.

“Non ci opponiamo alle persone che hanno opinioni”, ha detto. “Ci opponiamo alla diffusione della disinformazione e delle bugie sotto la copertura di opinioni”.

Andrew Dessler, un professore di scienze atmosferiche della Texas A&M che ha aiutato a verificare i fatti del Washington Examiner, ha accettato. Ha detto di essere favorevole al dibattito su questioni politiche, come la quantità di emissioni di carbonio da ridurre, ma non sui decenni di ricerche tra pari che hanno stabilito fatti scientifici sul cambiamento climatico. “Non sono in discussione”, ha detto Dessler. “Non tutte le opinioni sono uguali su questo punto”.

(Tratto dalla rassegna stampa estera di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati