Advertisement skip to Main Content

Cina

Perché la Cina verde turba Biden. Report Nyt

La sfida tra Stati Uniti e Cina passa anche per le tecnologie verdi, utili al contenimento del riscaldamento globale. L'approfondimento del New York Times.

In un mondo ideale, in cui la transizione energetica pulita fosse la priorità assoluta, Stati Uniti e Cina sarebbero in rapporti più amichevoli. Forse i veicoli elettrici cinesi a prezzi accessibili sarebbero ampiamente venduti in America, invece di essere visti come una minaccia economica. Oppure non ci sarebbe più bisogno di scavare una miniera di litio in un sito sensibile dal punto di vista ambientale in Nevada, perché il litio, essenziale per le batterie, potrebbe essere acquistato senza preoccupazioni dalla Cina, che ne controlla l’approvvigionamento mondiale.

Invece, nel mondo reale non ideale, gli Stati Uniti stanno bilanciando due obiettivi in competizione. L’amministrazione Biden vuole ridurre le emissioni climalteranti incoraggiando le persone ad acquistare prodotti come i veicoli elettrici e i pannelli solari, ma vuole anche che le persone acquistino prodotti americani, non cinesi. La preoccupazione è che il dominio cinese sul mercato globale di queste tecnologie essenziali possa danneggiare l’economia e la sicurezza nazionale degli Stati Uniti – scrive il NYT.

I COLLOQUI SUL CLIMA TRA STATI UNITI E CINA, E LE TENSIONI

Questi obiettivi contrastanti saranno al centro dei colloqui di mercoledì e giovedì, quando il principale inviato per il clima dell’amministrazione Biden, John Podesta, incontrerà per la prima volta a Washington il suo omologo di Pechino, Liu Zhenmin.

È probabile che le tensioni commerciali incombano sui loro incontri.

L’ondata di esportazioni cinesi, in particolare di pannelli solari e altre tecnologie per l’energia verde, è diventata un vero e proprio punto dolente per l’amministrazione Biden, che cerca di stimolare le stesse industrie sul territorio americano. Podesta ha criticato aspramente la Cina per aver “distorto il mercato globale dei prodotti a energia pulita come il solare, le batterie e i minerali critici”.

Non solo, ha istituito una task force per studiare come limitare le importazioni dai Paesi che hanno un’elevata impronta di carbonio, una pratica che ha definito “carbon dumping”. Questo è stato considerato un velato riferimento alla Cina.

Non è ancora chiaro se l’amministrazione Biden imporrà una tassa sui prodotti importati da Paesi ad alte emissioni. L’idea è stata accolta da una manciata di influenti legislatori repubblicani come un modo per proteggere i produttori americani dalla concorrenza cinese.

La Cina, da parte sua, si è lamentata presso l’Organizzazione Mondiale del Commercio per i sussidi verdi degli Stati Uniti. Podesta ha definito questa denuncia “oltremodo ironica”, dal momento che il governo cinese ha investito molto nel proprio settore manifatturiero.

Liu ha affermato che, senza la tecnologia cinese, i costi dell’energia pulita aumenterebbero e ciò rallenterebbe il passaggio globale dalla combustione dei combustibili fossili, il principale produttore delle emissioni di gas serra che stanno riscaldando il pianeta. “Dobbiamo mantenere bassi i costi, altrimenti nessuno potrà permettersi la transizione energetica”, ha dichiarato recentemente a Bloomberg.

Entrambi gli uomini sono nuovi nel loro attuale lavoro, ma non sono certo dei novellini. Podesta era responsabile dell’implementazione della legge sul clima prima di assumere il ruolo globale, dopo il pensionamento di John F. Kerry. Liu è un diplomatico di lunga data che ha lavorato come funzionario delle Nazioni Unite prima di diventare il principale inviato del presidente Xi Jinping per il clima.

LA SOVRACCAPACITÀ CINESE DI TECNOLOGIE VERDI

Gli Stati Uniti non sono i soli a mettere in guardia contro l’ondata di prodotti verdi cinesi.

L’Unione Europea sta indagando se i veicoli elettrici prodotti in Cina abbiano beneficiato di sussidi ingiusti, e Xi ha ricevuto una strigliata durante la sua visita a Parigi questa settimana, quando il presidente della Commissione Europea, Ursula von der Leyen, ha detto in una conferenza stampa lunedì che l’Europa “non può assorbire la massiccia sovrapproduzione di beni industriali cinesi che inondano il suo mercato”.

La Cina domina la produzione di pannelli solari, turbine eoliche, batterie, auto e autobus elettrici e lavora la maggior parte dei minerali utilizzati nelle tecnologie per l’energia pulita. Le aziende cinesi hanno trovato soluzioni alle barriere commerciali in Occidente, anche inviando i prodotti attraverso percorsi indiretti che evitano le tariffe sulle merci provenienti direttamente dalla Cina.

Questo rappresenta un grave dilemma per l’amministrazione Biden. L’amministrazione Biden ha puntato la sua reputazione globale su un’ambiziosa agenda per il clima, con l’obiettivo di dimezzare le emissioni di gas serra entro il 2030, rispetto ai livelli del 2005. Sta anche cercando di costruire, praticamente da zero, un’industria nazionale delle energie rinnovabili.

A questo punto, competere con la Cina nella produzione a basse emissioni di carbonio è una battaglia persa, ha affermato Li Shuo, che dirige il China climate hub presso l’Asia Society Policy Institute di Washington. “È difficile capire come gli Stati Uniti possano costruire un’intera catena di approvvigionamento solare in tempo per rispondere ai cambiamenti climatici, o come i prodotti solari fabbricati negli Stati Uniti possano mai essere competitivi dal punto di vista dei costi”. Non è “la battaglia che gli Stati Uniti dovrebbero scegliere, né quella che possono vincere”.

Questa nuova rivalità tra grandi potenze presenta due rischi per gli Stati Uniti. Rifuggire troppo dalle fabbriche di un rivale può far lievitare i costi e rallentare la transizione verso l’energia pulita. Ma affidarsi troppo alle fabbriche di un Paese rivale solleva problemi di sicurezza nazionale e può mettere a rischio le industrie e i posti di lavoro americani.

Ad esempio, un’ondata di auto cinesi a basso costo minaccerebbe l’industria automobilistica statunitense e un’ampia base sindacale e politicamente influente di lavoratori del settore. (Il Presidente Biden li ha corteggiati apertamente camminando sui loro picchetti durante un recente sciopero).

COMMERCIO, GEOPOLITICA ED ELEZIONI

Al di là del commercio, Pechino e Washington sono in disaccordo su molte questioni, tra cui lo status di Taiwan, l’invasione russa dell’Ucraina e, non da ultimo, le differenze fondamentali sul valore della democrazia.

“In un mondo libero dalla geopolitica, se la Cina volesse fornire al mondo input energetici puliti a basso costo e in abbondanza, dai pannelli solari ai minerali critici, ne trarrebbe vantaggio per tutti noi, consentendo una transizione energetica più rapida possibile”, ha dichiarato Meghan O’Sullivan, che dirige il progetto Geopolitica dell’energia presso la Harvard Kennedy School. “Ma nel mondo reale, l’imperativo di sicurezza di non essere eccessivamente dipendenti dalla Cina sta portando i Paesi, dagli Stati Uniti all’India, a duplicare le catene di approvvigionamento di energia solare e minerali critici, il che può rallentare la transizione energetica e renderla più costosa”.

La protesta contro le esportazioni cinesi arriva in un momento in cui i politici di questo Paese si trovano ad affrontare una sfida sconosciuta ai politici cinesi: le elezioni.

Nella sua corsa alla rielezione, Biden ha sottolineato gli investimenti della sua amministrazione nelle energie rinnovabili. Ha visitato nuove fabbriche sostenute da incentivi governativi, un chiaro tentativo di segnalare agli elettori i suoi sforzi per rilanciare l’industria manifatturiera americana.

Gli investimenti in energia pulita sono aumentati dopo l’approvazione dell’Inflation Reduction Act nel 2022. Tale legge ha iniziato a sbloccare 370 miliardi di dollari di incentivi per accelerare la transizione della nazione dai combustibili fossili, con l’estensione delle agevolazioni fiscali per la produzione di batterie e pannelli solari. Questo provvedimento, insieme al Chips and Science Act, che ha stanziato 39 miliardi di dollari in incentivi per i produttori di chip che investono negli Stati Uniti, mira a ridurre la dipendenza dalla Cina e a rafforzare la produzione statunitense.

Un’analisi pubblicata martedì dal gruppo di ricerca privato E2 ha rilevato che dall’approvazione dell’Inflation Reduction Act sono stati annunciati 300 progetti di energia rinnovabile. Più della metà si trovava in Stati controllati dai repubblicani.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top