skip to Main Content

Chi sono i paesi Ue che non rispettano gli obiettivi sulle rinnovabili

Partito Unico

La Francia non ha rispettato gli obiettivi europei sulla quota di rinnovabili nel consumo energetico totale. Non è la sola. L’approfondimento del Pais

Cinque stati, guidati dai Paesi Bassi, stanno comprando quote di energia pulita da altri membri per raggiungere i loro obiettivi per il 2020.

Un colpo alla reputazione verde della Francia: è l’unico dei 27 membri dell’Unione europea che non ha fatto i suoi compiti sulle energie rinnovabili. In un modo o nell’altro – scrive El Pais – tutti i paesi dell’UE hanno raggiunto i loro obiettivi per la quota di energie rinnovabili nel consumo totale di energia entro il 2020. Tuttavia, secondo i dati finali rilasciati mercoledì dall’ufficio statistico europeo Eurostat, la seconda economia più grande d’Europa non ha raggiunto l’obiettivo del 23%. È ancora molto lontano – al 19,1% – nonostante il fatto che il Covid abbia reso più facile adeguarsi e nonostante le facilitazioni messe sul tavolo dalla Commissione europea, che qualche anno fa ha aperto la possibilità per i paesi di scambiarsi, dietro pagamento, i cosiddetti “trasferimenti statistici” per adeguarsi, una cifra a cui cinque stati, tra cui l’Olanda, hanno infine dovuto ricorrere per raggiungere i loro obiettivi. Nel complesso, l’UE ha comodamente raggiunto l’obiettivo del 2020: il 20% doveva essere raggiunto e il 22% è stato raggiunto.

L’inadempienza della Francia potrebbe in futuro portare a un’indagine della Commissione e a una possibile sanzione. Ma la Francia ha deciso di non ricorrere all’acquisto di quote da altri paesi. E le cifre di Eurostat sono un’ammaccatura nella credibilità ambientale della Francia, che è stata messa in discussione da molti gruppi ambientalisti dopo che il paese ha sostenuto con forza l’inclusione dell’energia nucleare nella cosiddetta tassonomia verde, una classificazione elaborata dalla Commissione europea che distingue ciò che è un’obbligazione verde e ciò che non lo è, e il cui scopo è di orientare le finanze dell’UE verso la transizione ecologica. Attualmente, poco più del 70% dell’elettricità francese proviene da centrali nucleari, il che ne fa il paese europeo con la più alta dipendenza da questa tecnologia, che non emette gas a effetto serra ma produce scorie complicate e costose da gestire.

Nel calcolare gli obiettivi europei per il 2020 in materia di energie rinnovabili, non è stato preso in considerazione solo il settore dell’elettricità, ma anche i trasporti e l’industria, dove il dominio dei combustibili fossili è ancora molto maggiore. L’UE nel suo complesso doveva raggiungere una quota del 20% del consumo finale di energia e ha raggiunto il 22%, secondo i dati pubblicati mercoledì. Poi, ogni paese aveva il proprio obiettivo da raggiungere in modo che la somma di tutti i membri dell’UE avrebbe contribuito a raggiungere quel 20% comune.

L’obiettivo nazionale è stato fissato tenendo conto della situazione di partenza di ogni stato più di dieci anni fa e delle sue capacità. La Francia si era prefissata una quota del 23% di energie rinnovabili, che ha mancato di quattro punti. La Spagna, per esempio, era fissata al 20% ed è riuscita a raggiungere il 21,2%. La Germania ha raggiunto il 19,3% (avrebbe dovuto raggiungere il 18%). La Svezia era il paese che aveva l’obiettivo più alto, il 49%, e ha raggiunto il 60%. Segue la Finlandia, che doveva raggiungere il 38% ed è rimasta al 43,8%.

La pandemia è stata uno dei fattori che ha fatto sì che l’UE nel suo insieme e diversi paesi siano riusciti a raggiungere comodamente questi obiettivi 2020 per le energie rinnovabili. L’avanzata di queste tecnologie pulite ha continuato ad aumentare nel settore dell’elettricità nonostante la pandemia, mentre i settori con una minore penetrazione delle rinnovabili – trasporti e industria – hanno ridotto notevolmente la loro attività a causa delle restrizioni per contenere l’avanzata del coronavirus.

Trasferimenti statistici

A questo contesto favorevole si è aggiunto uno strumento che la Commissione europea ha lanciato qualche anno fa per facilitare ai paesi il raggiungimento degli obiettivi: i cosiddetti trasferimenti statistici. Questo strumento di compensazione permette a un paese che soddisfa comodamente i suoi obiettivi – per esempio, la Danimarca – di vendere sulla carta una parte della sua energia rinnovabile a un altro con difficoltà – per esempio, i Paesi Bassi. Gli Stati non sono obbligati a rendere pubblici i prezzi a cui vendono e comprano questa energia rinnovabile, ma fonti che hanno familiarità con questi scambi li collocano in una gamma compresa tra 10 e 20 euro per MWh. Secondo i dati forniti da Eurostat, nel 2020 i paesi hanno acquistato circa 22,2 milioni di MWh per soddisfare gli obiettivi, che, prendendo un prezzo medio di 15 euro, significherebbe un esborso di più di 330 milioni.

Anche se trasferimenti di questo tipo erano già avvenuti negli anni precedenti, il grande volume di queste operazioni è stato nel 2020, l’anno che è stato preso come anno di riferimento per raggiungere gli obiettivi rinnovabili europei. Lo stato che ha dovuto fare più affidamento su questi trasferimenti statistici per conformarsi è stato l’Olanda, che avrebbe acquisito il 60% di tutti i trasferimenti nel 2020. Prendendo un prezzo di riferimento medio di 15 euro, i Paesi Bassi avrebbero dovuto spendere più di 200 milioni di euro per raggiungere il loro obiettivo del 14% di quota rinnovabile.

Il Belgio, l’Irlanda, il Lussemburgo e la Slovenia sono gli altri paesi che hanno dovuto acquistare tali trasferimenti statistici per conformarsi. E i grandi venditori sono stati Danimarca, Svezia, Finlandia ed Estonia. “In futuro, anche la Spagna potrebbe diventare un venditore”, dice Pablo del Río, un ricercatore dell’Istituto di beni e politiche pubbliche del CSIC e un esperto di energie rinnovabili. L’avanzata dell’energia solare ed eolica sta facendo crescere la quota rinnovabile in Spagna ad un buon ritmo, qualcosa che potrebbe significare che nei prossimi anni il paese potrebbe vendere questi trasferimenti ad altri paesi che hanno più complicato lo sviluppo delle rinnovabili, secondo questo ricercatore.

Entro il 2030, la Commissione europea ha proposto di raggiungere una quota del 40% di energie rinnovabili. Ogni membro dell’UE dovrà adattare i suoi piani energetici e climatici per raggiungere questo obiettivo. E, di nuovo, Bruxelles cercherà di spingere questi strumenti come trasferimenti. “Dal punto di vista dell’UE, è uno strumento per raggiungere gli obiettivi rinnovabili e per i paesi può essere un altro incentivo per installare più rinnovabili”, aggiunge Pablo del Río.

Tassonomia

Ciò che colpisce è che la Francia non ha deciso di ricorrere finalmente a questo strumento e rischia possibili richiami da parte delle istituzioni europee e un appannamento dell’immagine del paese che ha ospitato il vertice sul clima nel 2015, dove è stato firmato l’accordo di Parigi.

Il rilascio di questi dati arriva in un momento di grande tensione all’interno dell’UE sulle misure energetiche. L’ultimo giorno del 2021, Bruxelles ha lanciato una proposta in cui include l’energia nucleare (come richiesto dalla Francia) e anche il gas (come richiesto dalla Germania) tra le fonti di generazione elettrica toccate dalla bacchetta verde della tassonomia. La proposta, che è ancora in fase di consultazione, ha generato dure critiche da parte degli ambientalisti, che rimproverano il greenwashing, ed è stata criticata da diversi paesi, come la Spagna – che ha preso un forte impegno per le rinnovabili e ritiene che questa iniziativa “manderebbe i segnali sbagliati per la transizione ecologica nell’intera UE” – e l’Austria, tradizionalmente fermamente contraria all’energia nucleare.

L’attuale iniziativa della Commissione considera le centrali atomiche con un permesso di costruzione rilasciato prima del 2045 e le centrali a gas in funzione che emettono meno di 100 grammi di biossido di carbonio (CO₂) per kilowattora (kWh) o le centrali di nuova costruzione con un permesso rilasciato prima del 2030 che emettono meno di 270 grammi di CO₂ per kWh, a condizione che il fabbisogno energetico non possa essere soddisfatto da fonti rinnovabili e che l’impianto sostituisca un impianto inquinante, alla pari delle rinnovabili.

Dopo un periodo di consultazione che scade il 21 gennaio, Bruxelles prevede di presentare la sua proposta finale “il più presto possibile”, ma senza una data specifica, attraverso un atto delegato, secondo un portavoce della Commissione. Questo tipo di decisione tecnica, non legislativa, può andare avanti anche senza l’unanimità degli Stati membri: si può porre il veto solo se viene respinta da una maggioranza qualificata del Consiglio (55% dei paesi con il 65% della popolazione) o del Parlamento europeo.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore