Energia

Chi sono i Caschi gialli pro Triv e pro Air gun per la ricerca energetica

di

Il post di Filippo Onoranti, blogger di Start Magazine

Vale davvero la pena dare uno sguardo più da vicino a questa unione di lavoratori: i caschi gialli, chiamati a raccolta su di un fronte comune contro l’ennesimo attacco – dall’interno – all’industria italiana.

Sono quello che si definisce un’organizzazione effimera, cioè un peculiare modello sociale caratterizzato da confini indefiniti, appartenenza fluida e gerarchia distribuita. Prendono forma e corpo quando le circostanze lo richiedono, aggregandosi in maniera spontanea ed informale entro un contesto determinato. L’anima di questo tipo di gruppo ha le due facce dell’urgenza e della solidarietà. Ne fanno parte tutti quei volontari che fronteggiano un bisogno prima dell’arrivo delle autorità e – come in questo caso – ne stimolano un’azione istituzionale. Nella storia d’Italia ne abbiamo viste più d’una, e la mia preferita sono stati gli angeli del fango – come vengono chiamati dal ’66 coloro che accorrono a sostegno delle popolazioni colpite da alluvione.

Come in quel caso c’è un’eredità di appartenenza anche per i caschi gialli, che con altri nomi avevano già creato un fronte comune in difesa dalla minaccia del referendum anti trivelle del 2016. Nessun colore politico, nessun interesse esterno o fine utilitaristico. Ad aggregare il popolo dei caschi gialli – come di ogni organizzazione effimera – è solo la spontanea volontà di opporsi ad un pericolo concreto, specifico ed imminente, di fronteggiare un’urgenza per poi riacquietarsi nel momento in cui la stessa è sconfitta. Sono una prova di quanto efficaci siano le motivazioni, quelle vere. E finchè queste persistono non c’è modo che si demorda. L’organizzazione effimera riemerge grazie a un appello su Startmag. Prende forma in una rivolta socialmediatica e migliaia di condivisioni prorompono con sdegno per essere paragonati a inquinatori o lavoratori desueti; mentre al contrario proprio sicurezza e formazione sono la cifra di un comparto industriale strategico. Se l’evento scatenante persiste tuttavia mutano forma, offrendosi come militanti di prima fila a qualsiasi istituzione credibile ne prenda in carico la missione e diventano detonatori della mossa di rappresentanze che escono da un letargo di iniziative.

In questo caso la manifestazione del 9 febbraio a Roma sarà il teatro di tale metamorfosi, che vedrà operai ed imprenditori vestire insieme la divisa della protesta. Parafrasando un celebre adagio matematico: un consigliere regionale – “tal Bessi” – batte le ali a Ravenna e a Roma scoppia la tempesta…

APP Intesa Sanpaolo Mobile

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati