Energia

Che cosa succederà all’ex Ilva

di

arcelormittal

Novità, indiscrezioni e scenari su ex Ilva e Arcelor Mittal nel post di Giuseppe Sabella

Lunedì mattina è previsto un vertice tra governo, commissari Ilva, ArcelorMittal Italia e sindacati. C’è addirittura chi parla di una possibile penale da un miliardo da chiedere all’azienda nel caso in cui Mittal esplicitasse l’abbandono. Cosa sta succedendo a Taranto?

In realtà i problemi non sono solo nella città dei due mari ma anche sotto la lanterna, a Genova, dove la situazione è complicata, per via della cassa integrazione che ha raggiunto livelli molto alti: si è passati da una media di 800 lavoratori nel periodo luglio 2019-marzo 2020 ai 3.200 attuali, considerando anche che l’attuale picco è stato raggiunto superata l’emergenza sanitaria, cosa un po’ anomala.

Dal governo negano che ci sia il rischio di perdere Mittal e lunedì si dicono pronti a presentare dettagli del nuovo piano che, secondo accordo del 4 marzo, vedrà il pubblico – attraverso qualche società controllata – affiancare Mittal nella nuova struttura societaria che nascerà e che prevede, anche, di innovare la produzione attraverso forno elettrico e tecnologia DRI (gas).

La verità è che le perdite per Mittal, che prima del lockdown si attestavano attorno ai 2 mln di euro al giorno, sono aumentate. Secondo il Sole 24Ore, oggi ArcelorMittal Italia perde 100 mln di euro al mese. Consideriamo che, a livello mondiale, il primo trimestre 2020 per ArcelorMittal ha voluto dire una perdita netta di circa 1 miliardo di euro. Inevitabile che la contrazione economica prodotta dall’emergenza sanitaria comporterà una ridiscussione delle intese di massima – che, secondo accordi, a fine maggio andrebbero dettagliate da piano industriale – raggiunte il 4 marzo.

Per quanto sia inevitabile che le contrazione dell’economia si riverberino in modo drammatico sulle industrie di queste dimensioni e sui loro lavoratori, l’aver dato la possibilità a Mittal – attraverso la revoca dello scudo penale – di ridiscutere gli accordi e gli impegni presi a settembre 2018 è stato un grande errore: la multinazionale franco indiana ha da quel momento aperto una vertenza alla quale non si riesce a mettere la parola fine.

Secondo chi scrive, Mittal non cerca il disimpegno a tutti i costi: l’interesse per le Acciaierie Speciali di Terni ne conferma la volontà a restare in Italia. Taranto, del resto, è un sito strategico per una grande fabbrica e per il suo commercio, soprattutto per l’importante presenza dell’area portuale che collega la ex Ilva in particolare ai mercati dell’Africa e del Medio Oriente. Se pensiamo, inoltre, al fatto che livelli occupazionali di settembre 2018 e piano industriale erano piuttosto ottimistici – già lo si è visto nel 2019 – e che la contrazione economica attuale non può non condurre a problemi gestionali di questo tipo, la dinamica è chiara: Mittal vuole condizioni per sé vantaggiose.

Tuttavia, la debolezza di questo governo e la gestione sin qui molto complicata della vicenda – anche per le già richiamate scelte non felici – aprono a qualsiasi scenario.

 

Twitter: @sabella_thinkin

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati