Advertisement
skip to Main Content

Che cosa è stato deciso davvero alla Cop26?

Cop26

Stati Uniti e Cina si impegnano a intensificare gli sforzi per combattere il cambiamento climatico alla Cop26. L’approfondimento del Wall Street Journal


Gli Stati Uniti e la Cina hanno promesso congiuntamente al vertice delle Nazioni Unite sul clima di intensificare le azioni per combattere il cambiamento climatico nel prossimo decennio, arricchendo i colloqui con uno spettacolo a sorpresa di cooperazione tra i due rivali e i due maggiori emettitori di gas serra del mondo. Scrive il The Wall Street Journal.

Ma i due non hanno approvato una proposta del Regno Unito, avanzata all’inizio della giornata, per far aggiornare loro i piani di riduzione delle emissioni entro la fine del prossimo anno. Questa proposta da parte dell’ospite del summit è stata vista come un modo per colmare il divario tra quanto i governi si sono impegnati a tagliare e quanto gli scienziati pensano sia necessario per evitare i peggiori effetti del cambiamento climatico.

In un’insolita dichiarazione congiunta, Washington e Pechino si sono impegnati a lavorare insieme su una serie di fronti, compresa la riduzione delle emissioni di metano. La Cina non ha firmato un accordo promosso dagli Stati Uniti che si è impegnata la scorsa settimana a ridurre le emissioni di metano.

“Ogni passo è importante in questo momento, e abbiamo un lungo viaggio davanti a noi”, ha detto l’inviato degli Stati Uniti per il clima John Kerry. Il lancio di una dichiarazione congiunta “dimostra che la cooperazione è l’unica scelta tra Cina e Stati Uniti”, ha detto Xie Zhenhua, inviato speciale della Cina per il clima.

La manovra bilaterale arriva nel periodo finale delle due settimane di vertice sul clima a Glasgow. Gli Stati Uniti e la Cina sono sotto pressione da parte dei paesi più poveri per portare i loro piani di riduzione delle emissioni in linea con ciò che gli scienziati dicono che è necessario per soddisfare l’accordo di Parigi. L’accordo, firmato nel 2015, chiede ai governi di sforzarsi di limitare il riscaldamento globale a ben meno di 2 gradi Celsius, preferibilmente 1,5 gradi, rispetto alle temperature dell’era preindustriale, entro la fine del secolo. L’Onu dice che i piani presentati finora secondo l’accordo mettono il mondo sulla buona strada per 2,7 gradi di riscaldamento.

“La dichiarazione non è sufficiente per chiudere l’accordo”, ha detto Bernice Lee, direttore di ricerca alla Chatham House, un think tank di Londra. “Il vero test di Washington e Pechino è quanto duramente spingeranno per un accordo allineato a 1,5 Celsius qui a Glasgow”.

La proposta del Regno Unito esorta i governi del mondo a impegnarsi entro la fine del prossimo anno a tagli più consistenti delle emissioni di gas serra, in quella che sarebbe un’importante accelerazione dei loro programmi di riduzione delle emissioni. La proposta, tuttavia, non è andata abbastanza lontano per alcune nazioni più vulnerabili al cambiamento climatico perché sono povere e hanno grandi popolazioni che vivono vicino alla costa.

“Sollecitare, incoraggiare e invitare non è un linguaggio decisivo”, ha detto Aubrey Webson, un diplomatico di Antigua e Barbuda che presiede l’Alleanza dei piccoli Stati insulari.

Chiudere il divario delle emissioni non è l’unico ostacolo che i negoziatori devono affrontare negli ultimi giorni di colloqui al vertice. I paesi in via di sviluppo stanno cercando impegni forti da parte delle nazioni ricche per fornire più fondi per adottare l’energia rinnovabile e proteggersi dagli effetti del cambiamento climatico, come la siccità e l’aumento del livello del mare.

“Restiamo estremamente preoccupati per la mancanza di progressi sulle questioni finanziarie”, ha detto Diego Pacheco, un negoziatore boliviano e portavoce del gruppo dei Like-Minded Developing Countries, che include Cina e India. “Non c’è nessun appetito nei nostri partner, i paesi sviluppati, per impegnarsi in una discussione fruttuosa riguardo alla finanza a lungo termine”.

Bozze separate di accordi rilasciate dal Regno Unito martedì e mercoledì hanno anche delineato un possibile trattato sulle regole dell’accordo di Parigi del 2015, uno degli obiettivi chiave del vertice. I testi, tuttavia, hanno suggerito ampie differenze tra i governi su queste questioni che sono cruciali per raggiungere gli obiettivi dell’accordo di Parigi.

Il testo di una bozza rilasciata dal Regno Unito mercoledì chiede ai governi di accelerare l’eliminazione graduale dei sussidi per i combustibili fossili e del carbone. Tale linguaggio ha suscitato in passato forti obiezioni da parte dei grandi esportatori di combustibili fossili come l’Arabia Saudita e la Russia, e non è stato inserito nei precedenti accordi sul clima.

Un testo rilasciato mercoledì è una bozza di “copertura” del summit, o headline deal, previsto per essere firmato da più di 190 nazioni. Mette su carta quello che era essenzialmente un piano B per raggiungere gli obiettivi climatici dell’accordo di Parigi, dopo che tutti i principali emettitori hanno presentato i loro piani climatici e, secondo le Nazioni Unite, sono venuti meno.

Il Regno Unito ha proposto di richiedere all’Onu di valutare più regolarmente i piani di emissione dei governi nella speranza di ottenere presto impegni più freschi per la riduzione delle emissioni. La bozza sollecita i paesi ad aggiornare i loro piani sulle emissioni entro la fine del prossimo anno per portarli in linea con l’ambizione di 1,5 gradi; l’accordo di Parigi richiederebbe normalmente aggiornamenti intorno al 2025.

L’Onu sostiene che il riscaldamento potrebbe essere limitato a 2,2 gradi se si tiene conto degli impegni a lungo termine dei governi – tuttora vaghi – di raggiungere emissioni nette zero. L’Agenzia Internazionale dell’Energia prevede che se si tiene conto dei piani non ancora presentati ufficialmente all’Onu – soprattutto dell’India – il riscaldamento sarebbe di circa 1,8 gradi.

L’amministrazione Biden e le nazioni dell’Unione Europea hanno intrapreso lunghi processi per trasformare i loro piani climatici in leggi, e sono cauti nel rivedere i loro obiettivi di emissioni così presto, secondo i funzionari che hanno familiarità con il loro pensiero. La Cina, il più grande emettitore del mondo, e l’India hanno precedentemente respinto le pressioni dell’Occidente per tagliare le emissioni prima, dicendo che le emissioni pro-capite degli Stati Uniti e della maggior parte delle nazioni europee sono ancora ben al di sopra di quelle del mondo in via di sviluppo.

Le bozze proposte dal Regno Unito includono un regolamento su come riportare sia i gas serra che i finanziamenti per il clima alle Nazioni Unite, un’altra questione controversa che i negoziatori dicono essere ancora irrisolta nei colloqui. I paesi sviluppati vogliono che le nazioni in via di sviluppo accettino gli stessi requisiti per rendicontare queste emissioni di gas serra il più presto possibile; I trattati dell’Onu hanno finora esentato le nazioni in via di sviluppo da tali regole. I paesi in via di sviluppo, a loro volta, vogliono che i paesi sviluppati accettino le regole sul rendiconto dei finanziamenti per il clima che concedono ai paesi in via di sviluppo.

 

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore