skip to Main Content

Perché Cina, India, Indonesia, Giappone e Vietnam andranno a carbone

Carbone Cina India
Cina, India, Indonesia, Giappone e Vietnam rappresentano l’80% dei nuovi investimenti in carbone. L’approfondimento del Guardian

 

Cinque paesi asiatici stanno mettendo in pericolo le ambizioni climatiche globali investendo nell’80% delle nuove centrali a carbone previste nel mondo.

Carbon Tracker, un thinktank finanziario, ha scoperto che Cina, India, Indonesia, Giappone e Vietnam hanno in programma di costruire più di 600 centrali a carbone, anche se l’energia rinnovabile è più economica della maggior parte delle nuove centrali a carbone – riporta The Guardian.

Gli investimenti in una delle fonti di energia più dannose per l’ambiente potrebbero generare un totale di 300 gigawatt di energia – abbastanza per alimentare il Regno Unito più di tre volte – nonostante gli appelli degli esperti del clima alle Nazioni Unite per la cancellazione di tutte le nuove centrali a carbone.

Catharina Hillenbrand von der Neyen, l’autrice del rapporto, ha detto: “Questi ultimi bastioni dell’energia da carbone stanno nuotando controcorrente, quando le rinnovabili offrono una soluzione più economica che supporta gli obiettivi climatici globali. Gli investitori dovrebbero stare alla larga dai nuovi progetti a carbone, molti dei quali probabilmente genereranno rendimenti negativi fin dall’inizio”.
Mentre l’Asia continua a investire denaro nelle centrali a carbone, i paesi del mondo sviluppato stanno accelerando i piani per eliminarle gradualmente. Il governo britannico ha annunciato piani per anticipare la scadenza per la disattivazione delle centrali a carbone di un anno prima del previsto, al 2024.

La nuova scadenza per l’energia a carbone, che ha costituito l’1,5% dell’elettricità nell’ultimo trimestre del 2020, ha ricevuto una risposta in sordina dai gruppi verdi perché costringerà alla chiusura di un solo impianto a carbone, a Ratcliffe-on-Soar nel Nottinghamshire, dopo che la centrale di West Burton A chiuderà nel settembre 2022.

Alok Sharma, il presidente designato dei colloqui sul clima delle Nazioni Unite Cop26 a Glasgow alla fine di quest’anno, ha detto che il “passo decisivo” del governo invierà un “chiaro segnale agli amici di tutto il mondo che l’energia pulita è la strada da seguire”.

“L’impatto di questo passo sarà molto maggiore se riusciremo a portare il mondo con noi, e quindi il nostro desiderio di sostenere una transizione energetica pulita e giusta è centrale nelle mie discussioni sulla strada verso Cop26”, ha detto.

La Cina è il principale investitore di carbone del mondo, con piani per aumentare il suo attuale parco di 1.100 gigawatt di centrali a carbone di altri 187 gigawatt, secondo il rapporto. Carbon Tracker sostiene che i parchi solari ed eolici potrebbero già generare elettricità più economica di oltre l’85% delle attuali centrali a carbone del paese, e che entro il 2024 l’energia rinnovabile sarà in grado di superare tutta l’energia a carbone.

In India, il secondo più grande produttore di energia a carbone del mondo, e in Indonesia, l’energia rinnovabile sarà anche in grado di superare il carbone entro il 2024, mentre in Giappone e Vietnam il carbone sarà antieconomico rispetto alle rinnovabili entro il 2022.

(Estratto dalla rassegna stampa estera di Epr)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore