Advertisement
skip to Main Content

Biden rottamerà la carbon tax? Report Wsj

Europa Big Oil

Carbon Tax messa da parte nell’agenda di Biden su clima e tasse, secondo un’analisi del Wall Street Journal

Non c’è modo più efficace per il presidente Biden di raggiungere i suoi aggressivi obiettivi climatici che una carbon tax. I tempi sembrano maturi: il suo segretario al Tesoro, Janet Yellen, ne è  una sostenitrice di primo piano. Le grandi imprese sono passate da oppositrici a sostenitrici. L’opposizione repubblicana non è più monolitica.

Ma una carbon tax manca di supporto dove conta di più: Biden e la base democratica. I democratici progressisti sostengono che una carbon tax e il suo parente stretto, il cap-and-trade, sono ingiusti verso i poveri e le minoranze razziali. E una carbon tax sembra essere in conflitto con la promessa di Biden di non aumentare le tasse su nessuna famiglia che guadagni meno di 400.000 dollari l’anno.

Così, mentre Biden prepara un pacchetto normativo e infrastrutturale volto a portare le emissioni nette di gas serra a zero nell’elettricità entro il 2035 e nell’intera economia entro il 2050, sta combattendo con una mano legata dietro la schiena – scrive il WSJ.

Un prezzo del carbonio incentiva i consumatori, i produttori e gli investitori a sostituire i combustibili fossili con tecnologie energetiche a basse o nulle emissioni di carbonio in modo più agevole ed economico dei sussidi e delle regole. Questo è stato a lungo evidente per gli economisti, compresa la signora Yellen. Lei è un membro fondatore del Climate Leadership Council, un gruppo bipartisan che ha presentato un piano dettagliato per una carbon tax a partire da 43 dollari per tonnellata con i proventi rimborsati alle famiglie come un “dividendo di carbonio”.

In risposta alle domande dei senatori durante la sua udienza di conferma, la Yellen ha detto: “Non possiamo risolvere la crisi climatica senza un efficace prezzo del carbonio”. Mentre una carbon tax è il modo più diretto per dare un prezzo al carbonio, non è l’unico. Con il cap and trade, le emissioni totali di gas serra sono limitate e le aziende acquistano permessi per emettere una tonnellata di gas. Più costoso è il permesso, maggiore è l’incentivo a ridurre le emissioni. Il cap and trade è stato il fulcro dell’ultimo grande sforzo per dare un prezzo al carbonio, nel 2010. Alla fine è fallito a causa dell’opposizione delle imprese, dei repubblicani e di alcuni democratici.

Da allora, l’opposizione si è ammorbidita: la Camera di Commercio degli Stati Uniti favorisce un approccio “basato sul mercato” alla riduzione del carbonio, Business Roundtable ora sostiene un prezzo sul carbonio, e anche l’American Petroleum Institute sta valutando lo stesso. La maggior parte dei repubblicani si oppone ancora a un’azione aggressiva sul clima, ma negli ultimi mesi il sen. Mitt Romney (R., Utah), Lindsey Graham (R., S.C.) e Lisa Murkowski (R., Alaska) hanno tutti espresso l’apertura al carbon pricing.
Eppure, proprio mentre altri si stanno muovendo verso un prezzo del carbonio, i democratici progressisti si stanno allontanando. Essi sostengono che i poveri, i neri e gli ispanici sono sproporzionatamente danneggiati dalle tasse sul carbonio o dagli inquinanti che le aziende possono rilasciare sulle comunità vicine sotto un sistema di cap and trade. Mary Nichols, che ha supervisionato il sistema cap and trade della California, è stata scavalcata come capo dell’Agenzia di Protezione Ambientale di Biden di fronte all’opposizione degli attivisti. Una coalizione di gruppi ambientalisti l’ha accusata di “spingere approcci basati sul mercato alla crisi climatica a spese della salute e del benessere delle comunità di colore della California”.

Ma l’evidenza empirica suggerisce il contrario. Il mercato del carbonio della California ha effettivamente ridotto le disparità nell’esposizione al particolato, agli ossidi di azoto e agli ossidi di zolfo, secondo uno studio degli economisti Danae Hernandez-Cortes e Kyle Meng della University of California, Santa Barbara. Un vecchio programma federale che permette agli impianti più inquinanti di comprare compensazioni da impianti meno inquinanti non ha sproporzionatamente spostato l’inquinamento nelle comunità a basso reddito o nelle comunità di colore, secondo uno studio separato di Joseph Shapiro e Reed Walker, economisti dell’Università della California, Berkeley.

Se le tasse sul carbonio danneggiano i poveri dipende da cosa viene fatto con le entrate. Il Climate Leadership Council stima che la sua carbon tax finanzierebbe 2.000 dollari in dividendi di carbonio all’anno per una famiglia di quattro persone, e l’80% delle famiglie a reddito più basso finisce per stare meglio. Le alternative normative non sono necessariamente migliori: i requisiti per i combustibili rinnovabili possono aumentare i prezzi dell’elettricità e danneggiare in modo sproporzionato le famiglie povere che dedicano più parte del loro budget all’energia.

Molti politici democratici hanno concluso che una carbon tax è politicamente perdente, con gli elettori che si oppongono. La domanda è: rispetto a cosa? Gli amati sondaggi del Green New Deal  dei progressisti non sono migliori. Biden e il Congresso hanno proposto una serie di incentivi, crediti d’imposta, regolamenti e investimenti volti a ridurre le emissioni, molti dei quali, individualmente, sono abbastanza popolari. Ma non sono abbastanza. Un nuovo studio del Rhodium Group stima che tutte queste misure, messe insieme, non metterebbero il settore dell’elettricità degli Stati Uniti su un percorso verso lo zero netto entro il 2035.

Quindi, se Biden vuol fare sul serio riguardo ai suoi obiettivi sulle emissioni, un prezzo del carbonio può diventare più difficile da evitare. La sua amministrazione sta già considerando di tassare le importazioni per il loro contenuto di carbonio. Senza un prelievo simile sui beni nazionali, gli Stati Uniti potrebbero affrontare ritorsioni dai partner commerciali. Ha anche intenzione di aumentare le tasse, in parte per pagare una grande spinta al credito d’imposta relativo ai figli minorenni, che tagli la povertà infantile. Se vuole una tassa che aiuti i poveri, sgravi il deficit e combatta il cambiamento climatico.

(Estratto dalla rassegna stampa di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore