Energia

BP, Shell, Chevron ed Exxon: le big oil si scontrano sulla transizione energetica

di

decarbonizzare big oil giganti petroliferi

Le big oil europee e americane affrontano il cambiamento climatico in modo diverso. L’approfondimento del New York Times

Con il crollo dei prezzi del petrolio e l’aumento delle preoccupazioni per il cambiamento climatico, BP, Royal Dutch Shell e altre società energetiche europee stanno vendendo i giacimenti petroliferi, pianificando una drastica riduzione delle emissioni e investendo miliardi in energie rinnovabili. I giganti americani del petrolio Chevron ed Exxon Mobil stanno andando in una direzione molto diversa. Stanno raddoppiando i loro investimenti nel petrolio e nel gas naturale e investendo quanto basta per ottenere una piccola quantità di denaro in iniziative innovative orientate al clima, come piccole centrali nucleari e dispositivi che catturano il carbonio dall’aria- scrive il NYT.

La disparità riflette le grandi differenze nel modo in cui l’Europa e gli Stati Uniti si stanno avvicinando al cambiamento climatico, una minaccia globale che secondo molti scienziati sta aumentando la frequenza e la gravità di disastri come incendi e uragani.

Mentre i leader mondiali lottano per adottare politiche climatiche coordinate ed efficaci, le scelte fatte dalle compagnie petrolifere, con le loro tasche profonde, la loro abilità scientifica, l’esperienza nella gestione di grandi progetti di ingegneria e la loro forza di pressione possono essere fondamentali. Quello che fanno potrebbe aiutare a determinare se il mondo può raggiungere gli obiettivi dell’accordo di Parigi per limitare l’aumento delle temperature globali al di sotto dei 3,6 gradi Fahrenheit al di sopra dei livelli preindustriali.

Le grandi compagnie petrolifere e del gas americane ed europee concordano pubblicamente sul fatto che il cambiamento climatico è una minaccia e che devono svolgere un ruolo nel tipo di transizione energetica che il mondo ha visto l’ultima volta durante la rivoluzione industriale. Ma l’urgenza con cui le aziende stanno progettando di trasformare il loro business non potrebbe essere più diversa.

“Nonostante l’aumento delle emissioni e della domanda sociale di azione per il clima, le major petrolifere statunitensi scommettono su un futuro a lungo termine per il petrolio e il gas, mentre le major europee scommettono su un futuro come fornitori di energia elettrica”, ha detto David Goldwyn, un funzionario del Dipartimento di Stato per l’energia dell’amministrazione Obama. “Il modo in cui il mercato reagisce alle loro strategie e i risultati delle elezioni del 2020 determineranno se l’una o l’altra strategia funzionerà”.

Per gli ambientalisti e anche per alcuni investitori di Wall Street, i giganti americani del petrolio stanno chiaramente facendo la scelta sbagliata. Ad agosto, ad esempio, Storebrand Asset Management, il più grande gestore privato norvegese di denaro, ha ceduto la Exxon Mobil e la Chevron. E Larry Fink, che guida il più grande gestore di investimenti al mondo, BlackRock, ha definito il cambiamento climatico “un fattore determinante per le prospettive a lungo termine delle aziende”.

I dirigenti europei del settore petrolifero, al contrario, hanno detto che l’era dei combustibili fossili si sta attenuando e che stanno pianificando di lasciare molte delle loro riserve sepolte per sempre. Essi sostengono anche che devono proteggere i loro azionisti preparandosi per un futuro in cui i governi attuino politiche ambientali più severe.

La BP è il portabandiera della strategia di cambiamento rapido. L’azienda ha annunciato che nel prossimo decennio aumenterà di dieci volte gli investimenti in imprese a basse emissioni, fino a 5 miliardi di dollari all’anno, riducendo al contempo del 40% la produzione di petrolio e gas. La Royal Dutch Shell, l’italiana Eni, la francese Total of France, la spagnola Repsol e la norvegese Equinor hanno fissato obiettivi simili. Molte di queste società hanno tagliato i dividendi per investire in nuove energie. BP ha tentato una transizione alla fine degli anni ’90 e all’inizio del 2000 sotto la guida di John Browne, allora amministratore delegato, ma i risultati finanziari delle energie rinnovabili sono stati deludenti e la società ha infine abbandonato il suo soprannome “Beyond Petroleum”.

In un’intervista, Browne ha detto che questa volta sarà diverso. “Ci sono molte più voci ora”, ha detto, aggiungendo che l’accordo di Parigi è stato uno spartiacque, l’economia delle rinnovabili è migliorata e la pressione degli investitori è aumentata.

Questo mese BP ed Equinor hanno annunciato una partnership per costruire e gestire progetti eolici lungo le coste di New York e del Massachusetts. I governatori di questi stati vogliono ridurre la loro dipendenza dal gas naturale e dal carbone, che questo sforzo aiuterà.

I dirigenti americani del settore petrolifero affermano che sarebbe una follia passare alle energie rinnovabili, sostenendo che si tratta di un’attività a basso profitto che i servizi pubblici e le aziende di energia alternativa possono perseguire in modo più efficace. Dicono che è solo una questione di tempo prima che i prezzi del petrolio e del gas si riprendano con l’allontanarsi della pandemia.

Per ora, Exxon e Chevron si stanno attenendo a ciò che conoscono meglio, la trivellazione di scisti nel bacino permiano del Texas e del New Mexico, la produzione offshore in acque profonde e il commercio di gas naturale. Infatti, la Chevron sta acquisendo una compagnia petrolifera più piccola, la Noble Energy, per aumentare le sue riserve.

“La nostra strategia non è quella di seguire gli europei”, ha detto Daniel Droog, vice presidente della Chevron per la transizione energetica. “La nostra strategia è quella di decarbonizzare le nostre risorse esistenti nel modo più efficiente in termini di costi e di portare costantemente nuove tecnologie e nuove forme di energia”. Ma non chiediamo ai nostri investitori di sacrificare il rendimento o di andare avanti con tre decenni di incertezza sui dividendi”.

Chevron afferma che sta aumentando il proprio uso di energia rinnovabile per alimentare le proprie attività. Dice anche che sta riducendo le emissioni di metano, un potente gas serra. E l’azienda ha investito più di 1,1 miliardi di dollari in vari progetti per catturare e sequestrare il carbonio in modo che non venga rilasciato nell’atmosfera.

Il suo braccio di venture capital, Chevron Technology Ventures, sta investendo in start-up di nuova energia come Zap Energy, che sta sviluppando reattori nucleari a fusione modulare che non rilasciano gas serra e limitano le scorie radioattive. Un altro, Carbon Engineering, rimuove l’anidride carbonica dall’atmosfera per convertirla in combustibile.

Chevron Technology Ventures ha due fondi per un totale di 200 milioni di dollari, circa l’1% del capitale della società e del budget per l’esplorazione dell’anno scorso. L’azienda ha un fondo separato di 100 milioni di dollari per sostenere un consorzio di investimento di 1 miliardo di dollari che mira a ridurre le emissioni nell’industria del petrolio e del gas.

“Abbiamo bisogno di una tecnologia all’avanguardia e il mio lavoro è andare a cercarla”, ha detto Barbara Burger, presidente di Chevron Technology Ventures, che impiega 60 dei 44.000 dipendenti della Chevron. “La transizione non è un evento dall’oggi al domani. Sarà graduale, in evoluzione continua per decenni”.

La Exxon si è anche ampiamente allontanata dalle energie rinnovabili e ha invece investito in circa un terzo della limitata capacità di cattura del carbonio del mondo, che è stata così costosa e ad alta intensità energetica che poche aziende sono state disposte a sottoscrivere progetti su larga scala.

Spende circa 1 miliardo di dollari all’anno in ricerca e sviluppo, gran parte dei quali va a sviluppare nuove tecnologie energetiche e miglioramenti dell’efficienza che riducono le emissioni. Un progetto consiste nell’indirizzare il carbonio emesso dalle operazioni industriali in una cella a combustibile in grado di generare energia. Questo dovrebbe ridurre le emissioni e allo stesso tempo aumentare la produzione di energia.

L’azienda sta anche lavorando su  alghe i cui oli possono produrre biocarburante per camion e aerei. Le piante assorbono carbonio anche attraverso la fotosintesi, che gli scienziati della Exxon stanno cercando di accelerare mentre producono più petrolio.

“Passo 1, bisogna fare la scienza, ed è impossibile fissare una scadenza per la scoperta”, ha detto Vijay Swarup, vice presidente della Exxon per la ricerca e lo sviluppo. La ricerca sulla fusione, sulle alghe e sulla cattura del carbonio è in corso da decenni, e molti esperti di clima dicono che queste tecnologie potrebbero richiedere decenni in più per essere commercializzate.

Ecco perché molti studiosi e ambientalisti ritengono che le compagnie petrolifere americane non siano serie nell’affrontare il cambiamento climatico.

“Le compagnie petrolifere non fanno cose che si mettono fuori dal mercato”, ha detto David Keith, un professore di fisica applicata di Harvard che ha fondato Carbon Engineering. “Non è così che funziona il mondo”. Ma alcuni analisti dell’energia sostengono che le compagnie petrolifere americane hanno ragione a non affrettarsi a cambiare il loro business. Essi sostengono che i legislatori americani semplicemente non hanno dato loro abbastanza incentivi per fare una rottura radicale.

“Se questo è il momento del tramonto per il petrolio e il gas, qualcuno ha dimenticato di dirlo ai consumatori”, ha detto Raoul LeBlanc, un vicepresidente della IHS Markit, una società di ricerca e consulenza. Ha detto che mentre le vendite di auto elettriche potrebbero essere aumentate, ci vorranno decenni per sostituire gli oltre un miliardo di auto a combustione interna in circolazione. Probabilmente ci vorrà altrettanto tempo, se non di più, per sostituire le grandi flotte di camion, aerei e navi che funzionano a combustibili fossili. Ci dovrebbe essere una domanda di petrolio sufficiente nei prossimi 30-40 anni per la Exxon e la Chevron per sfruttare le loro riserve e fare soldi, anche se i profitti diminuiranno nel tempo, ha detto Dieter Helm, un economista di Oxford che studia la politica energetica.

“Gli investitori possono investire in Tesla o in qualsiasi società rinnovabile o elettrica”, ha detto. “Perché un’azienda petrolifera con le competenze per lo sviluppo di idrocarburi su larga scala dovrebbe essere in grado di competere con questi nuovi attori?
Ma Helm, che ha pubblicato il libro “Burn Out: The End Game for Fossil Fuels” nel 2017, ha detto di credere che tutte le compagnie petrolifere abbiano un futuro fioco oltre i prossimi decenni, perché i progressi tecnologici le renderanno obsolete in un’economia mondiale dominata dall’elettricità, dalla conservazione delle batterie, dalla stampa tridimensionale, dalla robotica e da altre innovazioni. “Queste compagnie, alla fine, moriranno”.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati