Energia

Come i big Usa dell’energia giudicano il programma energetico di Biden

di

biden

L’approfondimento del New York Times sul piano energetico del candidato democratico Biden


Joseph R. Biden Jr. ha conquistato gli ambientalisti e i liberali quando ha annunciato un piano da 2.000 miliardi di dollari per promuovere i veicoli elettrici, l’efficienza energetica e altre politiche volte ad affrontare il cambiamento climatico.

Ma il piano rivelato il 14 luglio si è guadagnato anche una misura di sostegno da una fonte inaspettata: l’industria del petrolio e del gas che è strettamente allineata con l’amministrazione Trump ed è una grande fonte di contributi per la campagna elettorale del presidente – scrive il NYT.

Il che potrebbe sembrare strano se si considera che il piano mira a “azzerare” le emissioni di gas serra entro e non oltre il 2050, in parte scoraggiando l’uso di combustibili fossili. Biden vuole anche spendere di più per il trasporto di massa, espandere i parchi solari ed eolici e costruire migliaia di stazioni di ricarica per veicoli elettrici.

Tuttavia, l’industria è stata sollevata da ciò che il piano non includeva, soprattutto il divieto di fratturazione idraulica, l’approccio che ha sovralimentato la produzione nazionale di petrolio e gas negli ultimi dodici anni.

“C’è molto spazio per il petrolio e il gas”, ha detto Matt Gallagher, presidente di Parsley Energy, un produttore di petrolio del Texas occidentale, a proposito del piano Biden.

Alcuni dirigenti erano particolarmente entusiasti del fatto che  Biden volesse che il governo federale investisse nella cattura e nel sequestro del carbonio, il che significa impedire che le emissioni di gas serra raggiungano l’atmosfera e quindi permettere all’industria di continuare a bruciare combustibili fossili per decenni. Nel segno del suo approccio onnicomprensivo ed eclettico all’energia, il signor Biden propone anche di utilizzare reattori nucleari avanzati per produrre elettricità.

“C’è un terreno comune”, ha detto Mike Sommers, presidente dell’American Petroleum Institute, che rappresenta l’industria a Washington ed è vicino all’amministrazione Trump. “Apprezziamo il fatto che riconoscano che ci sarà un ruolo per il gas naturale e il petrolio nel nostro futuro”.

Condividiamo l’obiettivo generale di ridurre le emissioni e di affrontare il cambiamento climatico”.

I dirigenti del settore petrolifero e del gas hanno notato che hanno lavorato in modo produttivo con le amministrazioni democratiche. Durante l’amministrazione Obama, le compagnie petrolifere hanno goduto di notevoli profitti anche quando i regolatori federali hanno messo in atto normative ambientali più severe.

Charif Souki, un imprenditore di Houston, pioniere dell’industria dell’esportazione del gas naturale liquefatto, ha espresso entusiasmo per il piano Biden.

“Gli investimenti in infrastrutture sono grandi, 400 miliardi di dollari per la ricerca e lo sviluppo sono fenomenali e molto attesi”.

Naturalmente, la maggior parte dei dirigenti del settore petrolifero e del gas preferirebbe che il presidente Trump venisse rieletto perché ha passato gli ultimi tre anni e mezzo a rivedere i regolamenti.

Gli interessi dei combustibili fossili hanno donato alla campagna Trump sette volte di più rispetto alla campagna Biden fino a giugno, secondo il Center for Responsive Politics, un gruppo di ricerca senza scopo di lucro. Questi numeri sono in parte distorti perché Trump ha raccolto fondi da quando è entrato in carica nel 2017.

I sostenitori più accaniti del presidente nel settore dell’energia hanno detto che il piano di Biden è stato studiato per sembrare moderato, in modo da poter competere con Trump negli stati che producono petrolio e gas.

“Vuole conquistare la Pennsylvania, quindi ha attenuato la retorica per ovvie ragioni”, ha detto Kathleen Sgamma, presidente della Western Energy Alliance di Denver.
I dirigenti del settore del carbone sono assolutamente ostili nei confronti di Biden. “Il loro motivo generale è quello di eliminare i minatori e l’uso del carbone in questo paese”, ha detto Bill Raney, presidente della West Virginia Coal Association.

Tuttavia, i dirigenti del settore energetico si lamentano anche con l’amministrazione Trump. Alcuni dirigenti del settore del gas naturale sostengono privatamente che la guerra commerciale del presidente è costata loro caro perché la Cina, il più grande importatore di gas del mondo, ha acquistato solo tre carichi di gas naturale liquefatto dagli Stati Uniti negli ultimi 22 mesi.
Altri dirigenti affermano che la decisione di Trump di ritirarsi dall’accordo sul clima di Parigi ha inutilmente danneggiato l’immagine del Paese all’estero. E alcuni pensano che la gestione della pandemia di coronavirus da parte dell’amministrazione abbia inferto un duro colpo all’economia e alla domanda di energia.

“Le mascherine fanno bene all’economia”, ha detto il signor Gallagher di Parsley Energy. “Le maschere devono essere una cosa economica, non politica”.

Stef Feldman, il direttore politico della campagna di Biden, ha detto che non è sorprendente che alcuni dirigenti del settore petrolifero e del gas siano aperti ad alcune delle idee di Biden. “Sempre più aziende energetiche si stanno rendendo conto della realtà del cambiamento climatico, della direzione in cui si stanno muovendo i consumatori, della direzione in cui si stanno muovendo le altre aziende e stanno apportando cambiamenti di conseguenza”, ha detto.

Quando le è stato chiesto del fracking, la signora Feldman ha detto che Biden avrebbe posto fine ai nuovi contratti di locazione per il fracking su terreni federali, ma che “non è a favore di un divieto totale del fracking”.

“La politica di un’amministrazione Biden o di un’amministrazione Trump potrebbe non essere così diversa nel senso di sfruttare le esportazioni di gas e petrolio come strumento di politica estera”, ha detto Charlie Riedl, direttore esecutivo del Center for Liquefied Natural Gas, un gruppo industriale.

C’è anche un crescente riconoscimento da parte di alcuni nel settore del petrolio e del gas che il cambiamento climatico è un problema che l’industria deve aiutare ad affrontare.
“Tutti quelli che conosco sanno che nell’atmosfera c’è più anidride carbonica di quanta ce n’era in passato, ed è opinione comune che probabilmente non è una buona cosa e che dobbiamo fare qualcosa”, ha detto Lawrence B. Dale, presidente della Dale Operating Company, una società con sede a Dallas che ha investimenti in 5.000 pozzi di petrolio e gas.

L’Edison Electric Institute, che rappresenta le utilities di proprietà degli investitori, ha dichiarato che i suoi membri sono generalmente allineati al piano di Biden per una rete elettrica pulita.
Pedro J. Pizarro, presidente e amministratore delegato di Edison International, la società madre della Edison Southern California, ha detto che l’enfasi del piano Biden sull’occupazione di energia pulita, l’efficienza energetica e il trasporto è intelligente. Semmai, ha detto, le proposte per un maggior numero di caricabatterie per veicoli elettrici dovrebbero essere aumentate, dato che le emissioni di auto e camion continuano a contribuire in modo significativo al cambiamento climatico.

“Anche se il diavolo si nasconde nei dettagli, pensiamo che il piano sia per lo più corretto”, ha detto Pizarro.

Il piano Biden rinnoverà gli sforzi del governo federale per migliorare l’efficienza energetica che l’amministrazione Trump ha eliminato. La proposta chiede anche di estendere i crediti d’imposta per l’energia solare ed eolica, che sono diventati sempre più competitivi rispetto al gas naturale. Anche i gruppi dell’energia eolica e solare sostengono le proposte di Biden di rafforzare la rete di trasmissione dell’elettricità per aiutare le loro tecnologie.

Almeno alcuni nel settore delle energie rinnovabili accettano che il piano Biden mantenga i combustibili fossili nel mix energetico.
“Non voglio minimizzare nel breve termine che il gas naturale è un partner importante”, ha detto Tom Kiernan, amministratore delegato dell’American Wind Energy Association. “Quello che stiamo vedendo sono tutti i tipi di combinazioni”.

Che gli interessi del petrolio e del gas vanno bene con una potenziale presidenza Biden potrebbe spaventare alcuni liberali, ha detto Robert Shrum, il direttore del Centro per il futuro politico dell’Università della California del Sud che ha consigliato Al Gore, John Kerry e altri democratici. “Ci sarebbero alcune persone nel Partito Democratico che si arrabbierebbero per il fatto che ci sono persone del settore del petrolio che sostengono Biden, ma dovrebbero fare marcia indietro”, ha detto Shrum. “Non vogliamo vincere il Texas?”

 

(estratto dalla rassegna stampa estera di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati