Energia

Come Trump e Biden sgomitano su energia e clima

di

Biden

L’approfondimento del New York Times sulle divergenze tra Biden e Trump in materia di energia e ambiente

Mercoledì il presidente Trump si è recato sul nuovo campo di battaglia politico della Georgia per far saltare in aria una delle leggi fondamentali per la conservazione della nazione, promettendo di accelerare i progetti di costruzione limitando le revisioni ambientali obbligatorie per legge di autostrade, gasdotti e centrali elettriche.

Un giorno prima, il suo rivale presidenziale democratico, Joseph R. Biden Jr., aveva preso una strada diversa, annunciando un piano da 2.000 miliardi di dollari per affrontare il cambiamento climatico e revisionare le infrastrutture della nazione, affermando che avrebbe creato milioni di posti di lavoro costruendo un’economia basata sull’energia pulita.

Così in un articolo del NYT.

Biden sta cercando di conquistare i giovani elettori e i sostenitori del suo rivale sconfitto, il senatore Bernie Sanders del Vermont, mostrando una consapevolezza aggressiva del cambiamento climatico e promettendo di muoversi con urgenza per combatterlo. Allo stesso tempo ha cercato di mantenere il suo promesso legame con gli elettori bianchi della classe operaia, soprattutto nell’Upper Midwest, che quattro anni fa si sono rivolti a Trump e sono timorosi di ciò che vedono come una minaccia per il loro sostentamento, specialmente per i posti di lavoro nell’industria del petrolio e del gas.

Il presidente, al contrario, è praticamente dov’è stato per più di un decennio: riconoscendo a intermittenza il riscaldamento globale e definendolo una bufala; facendo false accuse che i mulini a vento causano il cancro, gli elettrodomestici ad alta efficienza energetica sono “senza valore” e gli edifici a zero emissioni “fondamentalmente non hanno finestre”. In ogni occasione e in ogni decisione di regolamentazione l’amministrazione abbraccia il business piuttosto che gli interessi ambientali.

“Biden vuole ri-regolamentare massicciamente l’economia energetica, rientrare nell’accordo di Parigi sul clima, che ucciderebbe totalmente la nostra energia, dovreste chiudere il 25 per cento delle vostre attività e uccidere lo sviluppo del petrolio e del gas”, ha detto mercoledì  Trump mentre annunciava una “revisione dall’alto verso il basso” della legge nazionale sulla politica ambientale, una legge ambientale fondamentale sin dalla sua nascita nel 1969. Non ha offerto alcuna prova a sostegno delle sue statistiche.

Quando penso al cambiamento climatico, la parola che mi viene in mente è “posti di lavoro”, posti di lavoro  ben pagati che metteranno al lavoro gli americani, rendendo l’aria più pulita per i nostri figli, ripristinando le nostre strade e i ponti e i porti che si stanno sgretolando”, ha detto martedì  Biden mentre delineava il suo piano.
Gli eventi hanno catturato le convinzioni radicalmente diverse dei due candidati sulla minaccia globale del riscaldamento del pianeta, e hanno offerto un assaggio di come porterebbero una nazione ad affrontare una crisi climatica nei prossimi quattro anni. Per Trump, affrontare il riscaldamento globale è una minaccia per l’economia. Per Biden, è un’opportunità.
“Sono gli opposti polari su quasi tutto ciò che ha a che fare con l’ambiente, ma in particolare con il cambiamento climatico”, ha detto Christine Todd Whitman, l’ex governatore repubblicano del New Jersey e amministratore della Environmental Protection Agency sotto George W. Bush.
Il piano di Biden spenderebbe 2.000 miliardi di dollari in quattro anni per mettere gli Stati Uniti su un “percorso irreversibile” verso le emissioni nette zero di gas che riscaldano il pianeta prima del 2050, il che significa che l’anidride carbonica e altri inquinanti sarebbero completamente eliminati o compensati dalla tecnologia di rimozione.

Per fare questo, ha chiesto standard di energia pulita che consentano di un settore energetico senza emissioni di carbonio entro il 2035; l’ammodernamento dell’efficienza energetica di quattro milioni di edifici in quattro anni; e la costruzione di 500.000 stazioni di ricarica per veicoli elettrici.

Trump si è già mosso per annullare praticamente tutti gli sforzi che il governo federale ha fatto sotto il presidente Barack Obama per combattere il cambiamento climatico.

L’ultima revisione dell’amministrazione Trump al National Environmental Policy Act ha evidenziato ancora di più le loro differenze.

Le modifiche, concluse mercoledì, prevedono un limite di due anni per condurre una revisione ambientale esaustiva dei progetti infrastrutturali. Hanno anche revocato l’obbligo per le agenzie di considerare gli effetti ambientali cumulativi dei progetti, come il loro contributo al cambiamento climatico.

Trump ha detto che l’attuale lungo processo “ha un costo di miliardi di dollari nel corso degli anni per il nostro Paese e ritardi come non ci credereste”.
Nelle campagne passate, i candidati si sono allontanati da proposte coraggiose sull’ambiente, specialmente sul cambiamento climatico, ma Patrick Murray, direttore del Monmouth University Polling Institute, ha detto che Biden ha più spazio politico per perseguire la sua agenda in mezzo alle crisi economiche e di salute pubblica che affliggono la nazione.

“Con la pandemia che scuote il cuore della vita delle persone, sono molto meno preoccupati per un cambiamento radicale e audace in questo momento”, ha detto, “perché è quello che vogliono in qualche modo”.
Queste dinamiche politiche hanno liberato Biden per perseguire politiche che i suoi alleati sperano elettrizzeranno gli elettori più giovani e liberali che erano scettici nei suoi confronti durante le primarie democratiche, senza alienare automaticamente gli elettori più moderati, ha detto Murray.

Certamente, gli alleati di Biden vedono anche dei rischi politici, se dovesse essere percepito come troppo a sinistra su questioni come la fratturazione idraulica del gas naturale, il fracking, una pratica che è legata a molti lavori in stati come la Pennsylvania. A differenza di alcuni dei suoi principali oppositori democratici, egli non è a favore di un divieto totale del fracking.

“Il fracking non sarà sulla tagliola”, ha detto in un’intervista la scorsa settimana con WNEP-TV, un’affiliata della ABC che serve il nord-est e la Pennsylvania centrale.

In una telefonata con i giornalisti di martedì, i funzionari della campagna di Biden hanno sottolineato che il suo punto di vista di lunga data sulla questione è valido: “Nessun nuovo fracking sulle terre federali.”
Trump scommette che alle sue posizioni intransigenti e immutabili si appelleranno gli elettori con una mentalità imprenditoriale e le persone che non si fidano del governo. Ma c’è un rischio anche per lui.

Carlos Curbelo, un ex membro del congresso repubblicano della Florida che ha sostenuto una carbon tax per combattere il cambiamento climatico, ha detto di credere che il disprezzo di Trump per la questione e la sua gestione del coronavirus stanno diventando parte della “questione più ampia del carattere”.

Tali questioni di carattere risuonano con “non solo i giovani elettori che hanno respinto la sua posizione sul clima da un bel po’ di tempo, ma anche gli elettori di mezza età e più anziani che ora nel contesto del Covid danno priorità ai leader che sono buoni gestori di crisi”, ha detto.

La campagna di Biden ha criticato lo sventramento  della politica ambientale del presidente come un modo per “distrarre” dall’incapacità di Trump di realizzare un piano infrastrutturale. “Non è riuscito a realizzare un vero piano per la creazione di posti di lavoro e sta invece tagliando la strada per ignorare ancora una volta la scienza, gli esperti, le comunità e le riserve che hanno diritto all’aria, all’acqua e agli ambienti puliti”, ha letto una dichiarazione della campagna.

Per certi versi, il dibattito sul clima riflette il più ampio riallineamento politico in entrambi i partiti che hanno definito la campagna del 2016: gli elettori bianchi della classe operaia, specialmente nelle aree rurali, si sono allontanati dalle loro radici democratiche per abbracciare Trump e le sue politiche energetiche, mentre gli elettori bianchi suburbani, istruiti e benestanti, un tempo repubblicani, vanno verso i Democratici e appaiono sempre più aperti a sforzi più ambiziosi per combattere il cambiamento climatico.

“Biden può giocare bene con gli elettori repubblicani tradizionalmente moderati nei sobborghi, così come le dichiarazioni politiche di Trump possono andare bene con gli elettori tradizionalmente più democratici in altre parti dello Stato, più rurali”, ha detto l’ex rappresentante Ryan Costello, un repubblicano che rappresentava i sobborghi di Filadelfia.

Ma gli elettori a favore del business possono vedere il pericolo di una vittoria di Biden altrettanto alto, ha detto Scott Jennings, uno stratega repubblicano.

“La posta in gioco è enorme”, ha detto. “Una drastica sovraregolamentazione e regolamenti anti-business potrebbero semplicemente decimare le economie rurali e medio-americane già in crisi”.

(Tratto dalla rassegna stampa estera di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati