Energia

Come Amazon, Google, Microsoft e Facebook fanno shopping di energie rinnovabili. Report Ft

di

aziende tecnologiche rinnovabili

Come le aziende tecnologiche sono diventate grandi con l’energia verde. L’approfondimento del Financial Times

In piedi sulla cima di una turbina eolica gigante in Texas, a 300 piedi dal suolo, l’amministratore delegato di Amazon Jeff Bezos ha alzato una bottiglia di champagne sopra la sua testa, e l’ha sbattuta contro la macchina. Stava battezzando Amazon Wind Farm Texas, un impianto da 253MW vicino alla città di Snyder – e non ha potuto resistere a un leggero sorriso alla telecamera, mentre lo champagne gocciolava sulla turbina.

L’anno era il 2017, e il battesimo del parco eolico di Bezos, trasmesso su Twitter, ha segnato un punto di svolta per l’azienda, riflettendo un’ondata di investimenti nelle energie rinnovabili. A quel tempo Amazon non era un peso massimo nel mondo dell’energia verde, ma questo è cambiato: l’anno scorso è stato il più grande dealmaker di energia pulita aziendale negli Stati Uniti, secondo i nuovi dati, così come a livello globale.

Non è solo Amazon: le aziende tecnologiche tra cui Google, Microsoft e Facebook sono diventate i più grandi acquirenti di energia pulita del mondo. “La loro influenza è enorme”, dice Eduardo Gaminde, direttore dei clienti strategici globali dell’utility Iberdrola. “Questi ragazzi hanno un sacco di potere di mercato”, aggiunge.

Le aziende tecnologiche sono grandi consumatori di elettricità a causa dei loro data center, che hanno bisogno di grandi quantità di energia per mantenere i server freschi. Il consumo combinato di Amazon, Google, Microsoft, Facebook e Apple è più di 45 terawatt-ore all’anno, circa quanto la Nuova Zelanda. Questa quantità è destinata a crescere, dato che l’aumento dell’intelligenza artificiale e dell’apprendimento automatico richiede più potenza di calcolo scrive il FT.

Insieme a questa richiesta, le aziende tecnologiche hanno adottato alcuni degli obiettivi climatici più ambiziosi del mondo. Mentre diventano verdi loro stesse, stanno anche accelerando la trasformazione dell’intero sistema elettrico.

Il modo in cui questo è successo viene spesso fatto risalire al 2010, quando Google ha firmato il suo primo accordo all’ingrosso di energia pulita.

“Una volta che uno di loro ha iniziato, tutti gli altri hanno seguito, si guardano sempre l’un l’altro, e vanno avanti”, dice Gaminde. I contratti a lungo termine per acquistare energia pulita avevano senso per le grandi aziende tecnologiche, perché costruiscono centri dati che operano per decenni. “Avevano anche la capacità finanziaria, quindi potevano accettare la sfida”, aggiunge.

Gli accordi sull’energia pulita e gli obiettivi climatici sono ora una fonte di rivalità tra le aziende tecnologiche, con implicazioni significative per il pianeta.

QUESTIONE DI URGENZA

Il presidente di Microsoft Brad Smith ammette che c’è un po’ di competizione tra le aziende tecnologiche sui loro impegni per il clima. “Penso che di tutte le dinamiche competitive nel settore tecnologico, questa è probabilmente la migliore”, dice con una risatina. “Ogni giorno che tiriamo fuori questo… è un buon giorno per il clima”. Aggiunge che l’azienda è stata influenzata dal suo fondatore Bill Gates, che ha assunto il cambiamento climatico come parte del suo lavoro filantropico. “Parlo regolarmente con Bill di questo lavoro, e lui è bravissimo a sfidarci”, dice Smith.

A Microsoft, l’azienda ha promesso di essere “carbon negative” entro il 2030, il che significa che tirerà fuori dall’atmosfera più anidride carbonica di quanta ne emette ogni anno, in parte utilizzando tecnologie come la cattura diretta, che aspira l’anidride carbonica dal cielo. L’azienda utilizza anche un prezzo interno del carbonio di 15 dollari a tonnellata e fattura ogni squadra per le sue emissioni, il che incentiva il personale a usare meno.

È una gara serrata con Google su quale sia l’obiettivo più difficile: il gruppo del motore di ricerca si è impegnato a far funzionare tutti i suoi data center con elettricità senza carbonio (come l’energia idroelettrica, eolica e solare) 24 ore al giorno, entro il 2030.

L’amministratore delegato di Google, Sundar Pichai, dice che è un’impresa “significativa” operare in data center senza carbonio, in particolare quando “si tiene conto della crescita di queste cose”. Il consumo annuale di elettricità di Google è quasi triplicato tra il 2013 e il 2018.

Ma Pichai dice che vedere gli incendi della California dello scorso anno – che hanno oscurato i cieli della Silicon Valley con fumo e cenere per giorni – lo ha convinto dell’urgenza. Quando si tratta di cambiamento climatico, “abbiamo avuto segnali di avvertimento per un po’, e i segnali di avvertimento stanno diventando sempre più frequenti”, ha detto al FT a settembre. “A livello globale abbiamo bisogno di prepararci… le nostre azioni sono un piccolo pezzo di questo”.

Il settore IT rappresenta direttamente l’1,8%-2,8% delle emissioni globali di gas serra (questo include i data center, le reti di telecomunicazione e i dispositivi degli utenti), secondo un rapporto pubblicato questo mese dalla Lancaster University e Small World Consulting. Questo è più o meno lo stesso delle emissioni del settore dell’aviazione. In paesi come gli Stati Uniti, dove l’uso dell’elettricità è abbastanza piatto, i data center sono tra le fonti di nuova domanda in più rapida crescita.

“Le aziende tecnologiche dominano davvero l’intero mercato dal punto di vista delle dimensioni”, dice Miranda Ballentine, amministratore delegato della Renewable Energy Buyers Alliance, sottolineando che rappresentano il 38% di tutta la nuova capacità contrattuale negli ultimi cinque anni. I dati di Reba mostrano che gli acquisti aziendali di energia pulita negli Stati Uniti sono saliti a un record di 10,6 GW l’anno scorso, che è equivalente alla capacità dell’intera flotta eolica offshore del Regno Unito.

Mantenere i dipendenti felici è anche parte della logica. In un ambiente competitivo di assunzioni, le aziende tecnologiche non possono permettersi di essere viste come ritardatari del clima – e i loro lavoratori sono stati molto attenti su questo. Nel settembre 2019, centinaia di lavoratori di Google, Amazon e Microsoft hanno inscenato un walkout climatico, in coincidenza con le manifestazioni guidate da Greta Thunberg a New York. Una delle richieste chiave dei dipendenti era che le aziende tecnologiche smettessero di fornire alle compagnie petrolifere e del gas servizi di apprendimento automatico; una richiesta che nessuno di loro ha ancora rispettato.

Ad Amazon, la portata del movimento dei dipendenti ha fatto suonare un campanello d’allarme con la direzione. “Abbiamo saputo da fonti interne che una volta che abbiamo iniziato a organizzarci e a parlare, Jeff [Bezos] ha liberato due giorni interi del suo calendario per incontrare gli scienziati del clima nel [team] di sostenibilità di Amazon”, dice Maren Costa, un membro fondatore di Amazon Employees for Climate Justice. “Penso che avesse dei punti ciechi prima di questo, e che abbia fatto un cambiamento in buona fede”.

Un giorno prima della protesta, Bezos è passato all’offensiva con un nuovo impegno per il clima per Amazon – puntando a zero emissioni nette entro il 2040, e ad abbinare il 100 per cento della sua energia con acquisti rinnovabili entro il 2025. Ma i dipendenti hanno notato che questo era meno ambizioso dei suoi colleghi. Un portavoce di Amazon ha detto che le discussioni su un obiettivo netto zero erano iniziate anni prima, nel 2016. “Amazon ha un impegno di lunga data per la sostenibilità”, ha detto.

Amazon si è unita alla corsa al clima più tardi dei suoi pari, e ha anche più distanza da percorrere: è un consumatore di elettricità molto più grande di Google o Microsoft. Per Amazon, la sfida delle emissioni non riguarda solo i suoi data center – che sono aumentati sotto Amazon Web Services – ma anche i suoi magazzini e i camion di consegna. Anche se è il più grande acquirente aziendale di energia pulita nel mondo, questi accordi hanno coperto solo il 42% del suo consumo di energia nel 2019. Per raggiungere lo zero netto entro il 2040, l’azienda aumenterà gli acquisti di energia pulita, investirà in veicoli elettrici e acquisterà “compensazioni” di carbonio o crediti, per compensare eventuali emissioni rimanenti. Sta anche correndo per espandere il suo team di sostenibilità, con più di due dozzine di offerte di lavoro elencate sul suo sito web.

Tuttavia, Rolf Skar, un direttore di campagna di Greenpeace, dice: “Penso che ci sia una certa ipocrisia, soprattutto in alcune delle mosse di PR che Amazon ha fatto di recente. Ci sono un sacco di titoli, e una mancanza di trasparenza, e una mancanza di specifiche”. Sottolinea l’ampio uso di compensazioni di carbonio da parte di Amazon, dicendo che potrebbe essere una “falsa soluzione” affidarsi all’acquisto di crediti di carbonio, piuttosto che tagliare prima le proprie emissioni.

RENDERE VERDE LA RETE

Qualunque siano le motivazioni, il potere d’acquisto delle grandi aziende tecnologiche ha già avuto un enorme impatto nel plasmare lo sviluppo dell’energia pulita, in particolare negli Stati Uniti. Le nuove installazioni di eolico e solare hanno raggiunto livelli record negli Stati Uniti nel 2020, nonostante il limitato sostegno federale alle energie rinnovabili durante l’amministrazione Trump.

Oded Rhone, amministratore delegato di Edison Energy, dice che le aziende tech hanno accelerato “sostanzialmente” il mercato delle rinnovabili. “Ora, se non ci fossero state le aziende tecnologiche, sarebbe successo comunque? Probabilmente sì. Probabilmente ci sarebbe voluto più tempo”, ha detto.

Mentre le aziende tecnologiche perseguono i loro obiettivi verdi, questo sta anche iniziando a causare sfide per alcune reti di utilità. Nelle aree in cui la domanda di energia pulita dalla tecnologia sta aumentando, alcune aziende che possiedono centrali a gas e a carbone potrebbero doverle chiudere prima del previsto, subendo perdite finanziarie.

“C’è tensione tra la costruzione di nuovi progetti a zero emissioni di carbonio, quando abbiamo ancora asset di generazione fossile nel sistema”, dice Ballentine di Reba. “Stiamo davvero raggiungendo quel punto negli Stati Uniti [a causa della scala dell’acquisto di energia pulita] in cui dobbiamo guardare l’intero sistema”. Negli ultimi tre anni, più di 70 servizi pubblici negli Stati Uniti hanno adottato obiettivi per tagliare le loro emissioni nette dall’80 al 100 per cento, spinti in gran parte dalla richiesta dei loro clienti di farlo.

Alcune aziende tecnologiche dicono che aiutare le utility a diventare completamente rinnovabili è uno dei loro obiettivi. “Vogliamo rendere la rete più verde per tutti”, dice Amanda Peterson Corio, negoziatrice energetica dei data center di Google. “Questo è davvero l’invio di un segnale all’industria – i vostri utenti finali vogliono energia pulita, e noi vogliamo che il sistema lo capisca”, aggiunge.

Con l’acquisto di energia su questa scala, potrebbe essere solo una questione di tempo prima che le aziende tecnologiche entrino loro stesse nel business dell’energia. A Facebook – che è al terzo posto a livello globale per gli acquisti aziendali di energia pulita – la società ha preso la sua prima partecipazione diretta in un progetto solare nella contea di Andrews, in Texas, che ha iniziato a funzionare l’anno scorso.

Le aziende tecnologiche dovranno acquistare sempre più energia pulita man mano che le loro attività crescono, e investire nella capacità di stoccaggio delle batterie. Anche se i data center sono diventati più efficienti – il che significa che la stessa quantità di elettricità usata negli ultimi anni si traduce ora in più calcolo – la crescita della domanda di dati ha superato questi guadagni, in particolare per le grandi aziende tecnologiche.

“L’avvento dei video e degli usi a più alto consumo sta portando la domanda di dati più in alto, e la domanda di elettricità più in alto”, dice Urvi Parekh, responsabile delle energie rinnovabili di Facebook. Il suo utilizzo di elettricità è quadruplicato tra il 2015 e il 2019. “Siamo molto impegnati nell’efficienza energetica di questi data center, ma con i nuovi prodotti e servizi, significa che è necessario trovare nuova energia rinnovabile per sostenere questo”, aggiunge.

INCOERENZA

Ci sono due aree del lavoro sul clima in cui le aziende tecnologiche sono sotto pressione da parte di attivisti e dipendenti: una è quella dei servizi che forniscono alle compagnie petrolifere e del gas, che stanno usando l’intelligenza artificiale per migliorare l’estrazione dei combustibili fossili. “Questa è una specie di arma a doppio taglio per molte di queste aziende tecnologiche, che cercano di espandere e virtualizzare il loro “internet delle cose”, mentre allo stesso tempo cercano di essere leader nella sostenibilità”, dice Kyle Harrison, un analista di BloombergNEF.

Un altro è la loro attività di lobbying. Solo il 4% della spesa di lobbying federale riportata da Apple, Alphabet, Amazon, Facebook e Microsoft era legata al clima durante il 2019-2020, secondo un rapporto degli analisti londinesi InfluenceMap. “Non risolveremo il cambiamento climatico semplicemente con le aziende che comprano elettricità pulita”, dice Nat Keohane, vicepresidente senior dell’Environmental Defense Fund di Washington.

Mentre le aziende tecnologiche continuano a crescere – il loro valore è aumentato durante la pandemia – dovranno anche confrontarsi con la misura in cui le loro attività principali sono allineate con un mondo a basse emissioni. Alcuni attivisti hanno lanciato l’allarme sulla cultura del consumismo e della convenienza che è fondamentale per i servizi di consegna rapida di Amazon; altri hanno puntato il dito sul modo in cui i negazionisti del clima hanno ottenuto una piattaforma su Facebook per diffondere le loro opinioni. Quando Bezos ha detto la scorsa settimana che si sarebbe dimesso da amministratore delegato di Amazon, ha detto che avrebbe dedicato più tempo alla filantropia, compreso il suo Earth Fund da 10 miliardi di dollari per le cause climatiche.

Un filo comune che attraversa gli approcci delle aziende tecnologiche al cambiamento climatico è che credono che le tecnologie come l’energia rinnovabile e la cattura diretta dell’aria risolveranno il problema. Questa filosofia è stata attaccata da attivisti come Greta Thunberg, che dicono che cambiare il comportamento umano è importante quanto trovare soluzioni tecniche. Big Tech diventa verde, ma non mancheranno i problemi.

(Estratto dalla rassegna stampa di Epr)

Articoli correlati