skip to Main Content

Carbone

Perché il mondo va sempre più a carbone. Report Guardian

Nonostante la crisi climatica, nel mondo la produzione di energia dal carbone sta aumentando: la responsabilità è soprattutto della Cina. L'approfondimento del Guardian.

Lo scorso anno, per la prima volta dal 2019, la capacità di produzione di energia elettrica da carbone è cresciuta, nonostante gli avvertimenti sulla necessità di chiudere le centrali a un ritmo di almeno il 6% ogni anno per evitare un’emergenza climatica, scrive The Guardian.

L’AUMENTO DELLA CAPACITÀ A CARBONE

Un rapporto del Global Energy Monitor ha rilevato che la capacità di produzione di energia elettrica da carbone è cresciuta del 2% lo scorso anno, grazie all’aumento di nuovi impianti in Cina e al rallentamento delle chiusure di impianti in Europa e negli Stati Uniti.

Secondo il rapporto, lo scorso anno sono entrati in funzione circa 69,5 gigawatt (GW) di capacità di impianti a carbone, due terzi dei quali sono stati costruiti in Cina. Sono stati costruiti impianti anche in Indonesia, India, Vietnam, Giappone, Bangladesh, Pakistan, Corea del Sud, Grecia e Zimbabwe.

Nel frattempo, un rallentamento delle chiusure di impianti a carbone negli Stati Uniti e in Europa ha portato al ritiro di oltre 21GW l’anno scorso. Il risultato è stato un aumento netto annuale di quasi 48,5GW, il più alto dal 2016.

COSA DICONO GLI SCIENZIATI CLIMATICI

Gli autori del rapporto affermano che le centrali a carbone devono essere chiuse a un ritmo più veloce e che la Cina deve adottare controlli più severi sull’espansione della capacità.

Flora Champenois, analista del Global Energy Monitor, ha dichiarato: “Altrimenti possiamo scordarci di raggiungere gli obiettivi dell’accordo di Parigi e di raccogliere i benefici che una rapida transizione verso l’energia pulita porterà”.

Gli scienziati del clima hanno affermato che tutte le centrali a carbone dovrebbero essere chiuse entro il 2040 – a meno che non siano dotate di un’efficace tecnologia di rimozione del carbonio – se i governi sperano di limitare il riscaldamento globale entro 1,5°C rispetto ai livelli preindustriali.

Secondo il rapporto, ciò richiederebbe il ritiro di una media di 126 GW di impianti a carbone dall’attuale capacità di 2.130 GW ogni anno per i prossimi 17 anni, ovvero l’equivalente di circa due impianti a settimana.

Champenois ha descritto l’espansione degli impianti a carbone dello scorso anno come una “anomalia”, mentre altri segnali indicano una “inversione di rotta”. “Ma i Paesi che hanno impianti a carbone da dismettere devono farlo più rapidamente, e i Paesi che hanno in programma nuovi impianti a carbone devono assicurarsi che non vengano mai costruiti”.

Una ricerca di Capital Economics suggerisce che l’appetito della Cina per l’energia a carbone potrebbe ridursi con l’accelerazione delle opzioni a basse emissioni di carbonio.

Il rapporto ha rilevato che la ripresa dell’energia idroelettrica quest’anno, unita all’espansione dell’energia eolica, solare e nucleare in Cina, potrebbe segnare l’inizio di un calo costante della domanda di carbone.

LE PREVISIONI PER IL 2024

Quest’anno, in Europa e negli Stati Uniti, si prevede un’accelerazione dei ritiri delle centrali a carbone e un numero minore di Paesi sta iniziando la costruzione di nuovi impianti, ha dichiarato Champenois.

Il rapporto ha registrato che l’anno scorso sono stati avviati meno di 4GW di nuovi progetti al di fuori della Cina, un quarto della media annuale tra il 2015 e il 2022 per lo stesso gruppo di Paesi.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top