Energia

Cosa trama l’Arabia Saudita sul petrolio

di

khashoggi

L’Arabia Saudita aveva sorpreso i mercati, annunciando tagli ulteriori alla sua produzione di petrolio. Adesso prevede di invertire la scelta, vista la risalita dei prezzi

L’Arabia Saudita prevede di aumentare la sua produzione di petrolio nei prossimi mesi, invertendo un recente grande taglio di produzione, dicono i consiglieri del Regno, un segno di crescente fiducia su una ripresa dei prezzi del petrolio – scrive il WSJ.

Il più grande esportatore di petrolio del mondo ha sorpreso i mercati petroliferi il mese scorso quando ha detto che avrebbe tagliato unilateralmente 1 milione di barili al giorno di produzione di greggio a febbraio e marzo nel tentativo di aumentare i prezzi.

Ma il Regno prevede di annunciare un’inversione di questi tagli quando una coalizione di produttori di petrolio si riunirà il mese prossimo, hanno detto i consulenti, alla luce della recente ripresa dei prezzi. L’aumento della produzione non entrerà in vigore fino ad aprile, dato che i sauditi si sono già impegnati a mantenere i tagli fino a marzo.

I consiglieri hanno avvertito che i piani potrebbero ancora essere invertiti se le circostanze cambiano, e l’intenzione dei sauditi non è ancora stata comunicata all’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio, hanno detto le persone e i delegati dell’OPEC.

“Siamo in una posizione molto migliore rispetto a un anno fa, ma devo mettere in guardia, ancora una volta, contro il compiacimento”, ha detto il principe Abdulaziz bin Salman, il ministro saudita dell’energia, in una conferenza mercoledì. “L’incertezza è molto alta, e dobbiamo essere estremamente cauti”.

I prezzi del petrolio questa settimana sono tornati a livelli non visti da quando la pandemia di Covid-19 è scoppiata all’inizio del 2020, devastando la domanda di petrolio a livello globale. Il greggio Brent, il benchmark internazionale del petrolio, ha raggiunto i 64 dollari al barile, mentre il West Texas Intermediate, il principale riferimento per il greggio statunitense, ha superato i 60 dollari.

Tuttavia, i prezzi del petrolio hanno perso tutti i loro guadagni giornalieri mercoledì sulla notizia del piano saudita per ripristinare le forniture, con il Brent in calo dello 0,1% a 63,33 dollari e i futures WTI in calo dello 0,8% a 59,55 dollari al barile.

Ma hanno ripreso slancio dopo che l’American Petroleum Institute ha registrato un forte calo delle scorte di greggio negli Stati Uniti nell’ultima settimana. Il Brent ha chiuso a 64,85 dollari al barile, in rialzo del 2,4% e il WTI ha chiuso in rialzo del 2,7% a 61,66 dollari al barile.

I prezzi sono stati in costante ripresa negli ultimi mesi mentre diversi paesi occidentali fanno progressi con i programmi di vaccinazione, aumentando le speranze di una ripresa economica più avanti nell’anno. Gli analisti sottolineano anche le prove di una ripresa della domanda di petrolio in Cina e in India, e il miglioramento della mobilità e dell’occupazione negli Stati Uniti.

Questa ripresa è stata accelerata più recentemente da un’inaspettata ondata di freddo negli Stati Uniti, che ha colpito la produzione di greggio a breve termine. Gli sforzi dei produttori per ridurre l’offerta e riequilibrare i mercati del petrolio, guidati dall’Arabia Saudita, hanno anche sostenuto i futures del petrolio, dicono gli analisti.

“Un aumento saudita della produzione… ha perfettamente senso, data la ristrettezza che sta iniziando ad emergere nel mercato”, ha detto Ole Hansen, responsabile della strategia delle materie prime alla Saxo Bank di Londra. “Il mercato probabilmente lo prenderà abbastanza bene”.

Il guadagno dei prezzi nelle ultime settimane avrà più che compensato l’impatto finanziario della riduzione della produzione del Regno, ha detto Kathleen Kelley, capo di Queen Anne’s Gate Capital, una società di consulenza con sede a New York.

Nonostante la ripresa, i 13 membri dell’OPEC e un gruppo di 10 produttori guidato dalla Russia – che hanno lavorato insieme per aumentare i prezzi – probabilmente manterranno i limiti di produzione nella loro prossima riunione del 4 marzo, dicono i delegati dell’OPEC. Tuttavia, alcuni membri di questo ampio gruppo, noto collettivamente come OPEC-plus, sono pronti a spingere per un aumento delle loro quote individuali, hanno detto i delegati.

Il gruppo informale di alcuni dei più grandi produttori di petrolio del mondo ha effettivamente concordato di mantenere la loro produzione collettiva di petrolio a circa 7,1 milioni di barili al giorno fino a febbraio. Ma la Russia e il Kazakistan, che si sono opposti al mantenimento della produzione complessiva del gruppo, sono stati autorizzati ad aumentare la produzione di 75.000 barili al giorno per proteggere la loro quota di mercato.

La mossa saudita pianificata per ripristinare le forniture non dovrebbe scatenare immediatamente grandi aumenti di produzione da parte di altri grandi produttori, dicono gli analisti, dato che il regno è riconosciuto per aver portato il maggior peso nella riduzione della produzione.

Tuttavia, gli analisti si aspettano che la conformità con i limiti di produzione tra i produttori sia sempre più allentata man mano che la ripresa acquista slancio.

La mossa dell’Arabia Saudita di riaprire i rubinetti, mentre il resto del gruppo li tiene stretti, arriva mentre la domanda globale di petrolio dovrebbe riprendersi nei prossimi mesi.

L’OPEC prevede che il consumo mondiale di petrolio aumenterà di 4,72 milioni di barili al giorno nel quarto trimestre del 2021, rispetto ai primi tre mesi dell’anno, in mezzo a una ripresa economica globale.

Nel suo rapporto mensile sul mercato dell’11 febbraio, l’Agenzia Internazionale dell’Energia ha detto che una ripresa della domanda supererà la produzione nella seconda metà dell’anno, spingendo “un rapido uso delle scorte” dell’eccesso di greggio che si è accumulato dall’inizio della pandemia del coronavirus.

(Estratto dalla rassegna stampa di Eprcomunicazione)

Articoli correlati