Energia

Anev: gestire i picchi dei consumi senza rinnovabili è impossibile

di

eolico ANEV

Il Presidente dell’ANEV Simone Togni: “Senza le Fonti Rinnovabili che coprono oltre il 40% dei consumi, l’Italia avrebbe difficoltà a gestire i picchi. Le centrali fossili utilizzate nel picco del 2015 sono state inferiori del -20% di quelle utilizzate nel precedente picco del 2007. Urgente un quadro certo per le rinnovabili al 2020 e al 2030 e non certo il Capacity Market chiesto dai produttori fossili.”.

L’Italia si avvia sempre più verso un sistema elettrico che da un lato vede il calo dei consumi, dovuto a crisi economica ed efficientamento dei processi produttivi e dei consumi finali, e dall’altro vede aumentare il picco dei consumi nei periodi estivi non agostani (principalmente dovuto all’incremento dei consumi dovuto all’uso dei sistemi di condizionamento). Questa situazione porta, come visto nei giorni scorsi, ad un nuovo sistema di gestione dei carichi elettrici che necessita di un sempre più avanzato controllo dei flussi fisici sulla Rete onde evitare che il nuovo profilo dei consumi possa portare a problemi di sicurezza degli approvvigionamenti elettrici.

Come evidente a tutti questo nuovo scenario necessita di un adattamento e se il Presidente dell’Associazione dei produttori fossili Chicco Testa suggerisce di risolvere la questione dando soldi agli impianti termoelettrici in difficoltà per mantenerli artificialmente in vita per qualche ora di picco, a noi sembra invece indispensabile ragionare con una visione più moderna e in linea con gli obiettivi comunitari di riduzione delle emissioni.

Ragionando infatti serenamente su quanto accaduto ci rendiamo conto che il nuovo record di consumi di 56,883 GW raggiunto il 7.7.2015 intorno alle 16 è stato di 61 MW maggiore del precedente record del 17.12.2007. Terna ci segnala poi che al momento del picco della settimana scorsa, le Fonti Rinnovabili di Energia stavano coprendo ben il 40 % di tale consumo  quindi circa 22,750 GW e quindi le fonti fossili stavano producendo 34,130 GW in quel momento, mentre nel 2007 le fossili termoelettriche coprivano circa 40,000 GW. Come evidente quindi non solo in questi 8 anni la crescita delle rinnovabili ha consentito di avere benefici economici, occupazionali e ambientali estremamente significativi, ma inoltre hanno consentito al nostro Paese di poter affrontare queste modifiche dei carichi elettrici in maggiore sicurezza rispetto al passato.

rinnovabili

rinnovabili

Concludendo oggi grazie alle rinnovabili il margine di riserva e flessibilità del sistema è aumentato del 20 % e in prospettiva solo l’ulteriore crescita delle Rinnovabili e la conseguente copertura crescente dei consumi elettrici e dei picchi estivi (periodo nel quale sole e vento sono peraltro maggiormente disponibili) potrà garantire una ulteriore maggiore sicurezza al sistema. Insomma come direbbe il comico Pezzaglia è meglio garantire la remunerazione necessaria alle rinnovabili per produrre energia elettrica pulita che sovvenzionare le fossili per restare chiuse.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati