Energia

Per convertirsi all’elettrico, l’America ha bisogno di più miniere. Può costruirle? Report Reuters

di

america miniere
Tutti le mosse in America di Rio Tinto, BHP, Glencore e non solo sulle miniere di litio per le batterie delle auto elettriche

Lo scorso settembre, nelle aride colline del Nevada settentrionale, un gruppo di fiori che non si trova da nessun’altra parte sulla terra è morto misteriosamente durante la notte.

Gli ambientalisti si sono affrettati a sospettare di ioneer Ltd, una società australiana che vuole estrarre il litio che si trova sotto i fiori per utilizzarlo nelle batterie dei veicoli elettrici (EV).

Ioneer nega di aver danneggiato i fiori. La causa della loro morte rimane fortemente dibattuta, così come il destino della miniera di litio.

Lo scontro di priorità ambientali che sta alla base della battaglia sul grano saraceno di Tiehm – conservazione contro energia verde – è un microcosmo di un dilemma politico molto più grande per la nuova amministrazione del presidente Joe Biden, che ha fatto grandi promesse agli ambientalisti, così come ai gruppi di lavoro e ad altri che si trovano a beneficiare della promozione delle miniere.

Per compiacere gli ambientalisti, Biden ha giurato di conservare almeno il 30% delle terre federali e delle aree costiere degli Stati Uniti, triplicando i livelli attuali – scrive Reuters.

Ma questo obiettivo potrebbe entrare in conflitto con le sue promesse di accelerare l’elettrificazione dei veicoli e di ridurre la dipendenza del paese dalla Cina per le terre rare, il litio e altri minerali necessari per le batterie EV. L’amministrazione ha chiamato la dipendenza dalla Cina una minaccia alla sicurezza nazionale.

L’amministrazione sarà costretta a scelte difficili che faranno arrabbiare un gruppo elettorale o un altro.

“Non si può avere energia verde senza l’estrazione mineraria”, ha detto Mark Senti, amministratore delegato della società di magneti di terre rare Advanced Magnet Lab Inc. “Questa è solo la realtà”.

I magneti di terre rare sono usati tanto per fare una gamma di beni di consumo elettronici come missili a guida di precisione e altre armi.

Due fonti che hanno familiarità con le decisioni della Casa Bianca sull’estrazione mineraria nazionale hanno detto a Reuters che Biden prevede di consentire alle miniere che producono metalli EV di essere sviluppate sotto gli standard ambientali esistenti, piuttosto che affrontare un processo più stretto che si applicherebbe all’estrazione di altri materiali, come il carbone.

Biden è aperto a permettere più miniere su terreni federali, hanno detto le fonti, ma non darà all’industria carta bianca per scavare ovunque. Questo significherà probabilmente l’approvazione di miniere per le terre rare e il litio, anche se alcuni progetti sul rame – tra cui una miniera di rame proposta in Arizona da Rio Tinto Plc e osteggiata dai nativi americani – probabilmente affronteranno un controllo extra, hanno detto le fonti.

La Casa Bianca ha rifiutato di rilasciare un commento.

BISOGNO DI SCAVARE

La domanda di metalli utilizzati nelle batterie EV è destinata ad aumentare bruscamente mentre le case automobilistiche tra cui Tesla Inc, BMW e General Motors pianificano grandi espansioni della produzione EV. La California, il più grande mercato automobilistico degli Stati Uniti, mira a vietare completamente i motori alimentati da combustibili fossili entro il 2035.

Biden ha promesso di convertire l’intera flotta del governo degli Stati Uniti – circa 640.000 veicoli – in EV. Questo piano da solo potrebbe richiedere un aumento di 12 volte nella produzione di litio degli Stati Uniti entro il 2030, secondo Benchmark Minerals Intelligence, così come aumenti nella produzione di rame, nichel e cobalto nazionali. I terreni federali pullulano di molti di questi metalli EV, secondo l’U.S. Geological Survey.

“Non c’è modo di produrre abbastanza materie prime in questo momento per iniziare a sostituire milioni di veicoli a motore a benzina con i veicoli elettrici”, ha detto Lewis Black, CEO di Almonty Industries Inc, che estrae il metallo indurente tungsteno in Portogallo e Corea del Sud.

Nonostante questa carenza, le miniere statunitensi proposte da Rio Tinto Ltd, BHP Group Ltd, Antofagasta Plc, Lithium Americas Corp, Glencore Plc e altri stanno attirando la dura opposizione dei gruppi di conservazione ambientale. I progetti fornirebbero abbastanza litio per più di 5 milioni di batterie EV e abbastanza rame per più di 10.000 EV ogni anno.

Le compagnie minerarie insistono che le terre federali possono ancora essere protette mentre gli Stati Uniti aumentano la produzione di minerali necessari per accelerare la transizione EV.

L’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump e l’industria mineraria “hanno spinto la narrativa che abbiamo bisogno di estrarre ovunque e tagliare le tutele ambientali per costruire più batterie”, ha detto Drew McConville di The Wilderness Society, un gruppo di tutela ambientale. “Abbiamo fiducia che l’amministrazione Biden andrà oltre questa falsa narrazione”.

Earthworks e altri gruppi ambientalisti stanno ora facendo pressione sulle case automobilistiche per acquistare solo metalli da miniere ritenute ecologiche dall’Initiative for Responsible Mining Assurance (IRMA), un gruppo no-profit. BMW, Ford Motor Co e Daimler hanno accettato di rispettare le linee guida dell’IRMA, e altre case automobilistiche potrebbero seguirne l’esempio.

PROGETTI A RISCHIO

Biden non si è espresso su due controversi progetti di miniere di rame nella regione ecologicamente sensibile delle Boundary Waters del Minnesota da parte della PolyMet Mining Corp e della filiale Twin Metals di Antofagasta Plc.

Tom Vilsack – il segretario all’agricoltura, il dipartimento che supervisiona le Boundary Waters – si è opposto in passato al progetto Twin Metals, sostenendo che minacciava la natura selvaggia e le paludi.

Deb Haaland, il nuovo segretario degli interni, il dipartimento che controlla la maggior parte delle terre federali, ha precedentemente votato per una legge che avrebbe vietato l’estrazione di solfuro di rame nel nord del Minnesota. Quel disegno di legge, di cui è autrice la rappresentante degli Stati Uniti Betty McCollum, una democratica del Minnesota, sarà reintrodotto questo mese, hanno detto a Reuters i suoi aiutanti.

Gli ambientalisti rimangono comunque preoccupati che il fascino del rame per i veicoli elettrici e altri dispositivi di energia rinnovabile possa aiutare le miniere ad essere approvate.

“Se queste fossero miniere di carbone, mi sentirei molto più tranquillo sapendo che non sarebbero approvate”, ha detto Pete Marshall di Friends of the Boundary Waters.

PREOCCUPAZIONI PER LA FAUNA SELVATICA, I TERRENI SACRI, I FIORI

In Arizona, Biden ha promesso ai nativi americani – i cui voti l’hanno aiutato a vincere lo stato battleground – che avrebbero avuto un “posto al tavolo” se avesse sconfitto Trump. Ma deve ancora incontrarsi con loro per discutere le preoccupazioni che la miniera di rame proposta da Rio Tinto distruggerebbe i siti sacri considerati sede di divinità religiose.

Altri progetti controversi includono la proposta di miniera Stibnite dell’Idaho, della Perpetua Resources Corp, sostenuta da John Paulson, che è sotto un nuovo esame da parte dello staff dell’Agenzia per la Protezione dell’Ambiente degli Stati Uniti per paura che inquini le zone di pesca dei nativi americani. La miniera produrrebbe oro e antimonio, usato per fare leghe per batterie EV.

In Nevada, il dipartimento della fauna selvatica teme che le miniere di litio pianificate da ioneer e Lithium Americas danneggerebbero gli habitat di trote e cervi . La miniera Lithium Americas ha ricevuto l’approvazione federale il mese scorso, ma gli allevatori hanno fatto causa al governo degli Stati Uniti per ribaltare quella decisione.

“L’energia rinnovabile e le auto elettriche non sono verdi se distruggono un habitat importante e fanno estinguere la fauna selvatica”, ha detto Kelly Fuller, del Western Watersheds Project, che si oppone al progetto Lithium Americas.

In Nevada, la morte dei fiori di grano saraceno del Tiehm nel sito proposto per la miniera di ioneer rimane un punto di contesa. L’U.S. Fish and Wildlife Service ha teorizzato che gli scoiattoli assetati possono aver rosicchiato le radici di più di 17.000 fiori per l’acqua in un periodo di siccità nello stato.

Il Fish and Wildlife Service dovrà decidere questa estate se il fiore è una specie in pericolo – una designazione che impedirebbe lo sviluppo su gran parte della terra che Ioneer sta cercando di estrarre.

Ioneer ha assunto degli scienziati per spostare i fiori in un nuovo sito, anche se non è chiaro se questo processo avrà successo. “Possiamo estrarre questo litio e anche salvare questo fiore”, ha detto James Calaway, presidente di Ioneer.

(Estratto dalla rassegna stampa di Eprcomunicazione)

Articoli correlati