Advertisement skip to Main Content

Acciaierie

Tutti i piani di H2 Green Steel per l’acciaio pulito

H2 Green Steel, una startup svedese, ha grossi piani per la decarbonizzazione delle acciaierie. L'approfondimento dell'Economist.

Nelle acciaierie vicino alla città tedesca di Salzgitter, la produzione di ferro è un processo impressionante. Il metallo fuso e rovente sgorga dal fondo di imponenti altiforni. Il rumore è assordante. Le scintille volano ovunque. Presto le cose saranno molto più tranquille. Sette turbine eoliche sovrastano già il sito, gestite da un’azienda chiamata Salzgitter ag. Tra qualche anno l’elettricità che generano alimenterà banchi di elettrolizzatori, macchine grandi come un container che dividono l’acqua in ossigeno e idrogeno. L’idrogeno sostituirà il coke nella riduzione del minerale di ferro in ferro in un nuovo tipo di forno, che funzionerà a temperature molto più basse. Invece di CO2, il processo emetterà H2O – scrive The Economist.

L’IMPATTO CLIMATICO DELLE ACCIAIERIE

I fuochi d’artificio non ci saranno più, ma il clima ringrazierà. L’industria siderurgica convenzionale emette anidride carbonica due volte: prima per generare l’intenso calore necessario a far reagire il coke con il minerale nell’altoforno; poi nella reazione chimica stessa, quando il coke sottrae atomi di ossigeno al minerale per formare ferro e CO2 come sottoprodotto. Di conseguenza, le acciaierie sono responsabili di una percentuale compresa tra il 7% e il 9% delle emissioni annuali di carbonio a livello globale, circa quanto l’India e non molto meno del trasporto su strada. Le acciaierie di Salzgitter contribuiscono da sole a circa l’1% delle emissioni totali della Germania. Non sarà possibile raggiungere l’obiettivo globale di zero emissioni se non si ridurranno radicalmente le emissioni dell’industria, afferma Julia Reinaud di Breakthrough Energy, un fondo che investe in tecnologie rispettose del clima.

È una buona notizia, quindi, che la domanda globale di acciaio verde stia crescendo. I consumatori del mondo ricco si aspettano sempre più che i produttori puntino alla neutralità del carbonio. I produttori di automobili, elettrodomestici e altri prodotti che utilizzano l’acciaio hanno quindi iniziato a cercare seriamente modi per decarbonizzare le loro catene di approvvigionamento e sono disposti a pagare di più per il materiale pulito. Gli accordi di prevendita di H2 Green Steel, una startup svedese, implicano un premio del 20% e del 30% rispetto al metallo sporco.

GLI AIUTI PUBBLICI ALL’ACCIAIO VERDE

Molti governi stanno cercando di stimolare la transizione dell’acciaio. Per ridurre il costo dell’idrogeno, la cui produzione contribuisce per due terzi al costo dell’acciaio verde, l’America’s Inflation Reduction Act, un’enorme legge sul clima approvata l’anno scorso, offre un credito d’imposta sulla produzione di 3 dollari per chilogrammo di gas. Inoltre, sostiene le energie rinnovabili. Per non essere da meno, i governi europei stanno pagando parte del conto per le nuove attrezzature delle loro aziende siderurgiche, che ammonterebbe a 130 miliardi di dollari se tutti gli altiforni del continente dovessero essere sostituiti, secondo la banca Morgan Stanley. La trasformazione di Salzgitter è sovvenzionata per 1 miliardo di euro (1,1 miliardi di dollari). Thyssenkrupp, un grande rivale tedesco, potrebbe ricevere una somma simile.

Altri aiuti potrebbero essere in arrivo. Il 5 maggio il ministero dell’Economia tedesco ha annunciato l’intenzione di sovvenzionare l’80% del costo dell’elettricità per le aziende ad alta intensità energetica, un gruppo che comprende le acciaierie, se si impegnano a diventare nette a zero entro il 2045. Gruppi di riflessione come Agora Industrie suggeriscono di favorire l’acciaio verde negli appalti pubblici. Nelle capitali europee si stanno diffondendo idee come i “contratti di carbonio” per pagare alle imprese la differenza tra i costi di produzione dell’acciaio grigio e di quello verde.

IL RUOLO DEL MERCATO EUROPEO DELLA CO2

Le acciaierie europee hanno un altro forte incentivo alla decarbonizzazione. Nell’ambito del sistema di scambio di quote di emissioni dell’UE, attualmente ricevono gratuitamente l’80% delle loro quote di emissioni di CO2 per rimanere competitivi rispetto ai produttori più inquinanti di Cina e India. Nei prossimi dieci anni, l’UE eliminerà gradualmente questi incentivi e li sostituirà con una tariffa sulle importazioni di prodotti sporchi. Se le acciaierie dell’UE rimarranno grigie, calcola Morgan Stanley, i loro profitti potrebbero diminuire fino al 70%.

Se si considera tutto questo, spiega la signora Reinaud, diventa chiaro perché le aziende siderurgiche europee stanno parlando di aggiornare i loro impianti. Oltre a Salzgitter e Thyssenkrupp, un’altra azienda tedesca, Stahl-Holding-Saar, vuole rendere verdi alcune delle sue acciaierie. ArcelorMittal, la seconda azienda siderurgica al mondo, con sede in Lussemburgo, ha in programma sette progetti di questo tipo, soprattutto in Europa. Almeno quattro nuove acciaierie – H2 Green Steel, Hybrit, un’altra azienda svedese, GravitHy, francese, e Blastr, norvegese – vogliono dare filo da torcere agli operatori storici.

La Energy Transitions Commission (etc), un think tank, ha recentemente identificato 28 progetti di acciaio verde a livello globale. La maggior parte di essi, come quello di Salzgitter, prevede lo smantellamento di vecchi forni e la loro sostituzione con nuovi per la produzione di “ferro a riduzione diretta” utilizzando l’idrogeno. Insieme, produrrebbero 60 milioni di tonnellate di acciaio verde all’anno.

Sebbene non ci sia nulla da storcere il naso, si tratta di una quantità di gran lunga inferiore alle 190 milioni di tonnellate all’anno necessarie entro il 2030 perché l’industria siderurgica europea sia sulla buona strada per raggiungere le emissioni nette zero entro la metà del secolo, e una goccia nel mare rispetto ai quasi 2 miliardi di tonnellate prodotti ogni anno nel mondo. Inoltre, finora solo tre aziende dell’etc sono passate dalla fase di discussione a quella di investimento vero e proprio: H2 Green Steel, Salzgitter e ArcelorMittal, che sta costruendo un acciaieria verde in Canada.

Per far decollare altre iniziative di questo tipo è necessario superare una serie di ostacoli. La sostituzione dei vecchi altiforni con impianti più puliti è la parte più semplice. La trasformazione richiede alle aziende di trovare investitori, di placare le autorità di regolamentazione e di assicurarsi energia e risorse sufficienti. Devono inoltre attrarre un numero sufficiente di lavoratori qualificati per le loro acciaierie e, cosa fondamentale, un numero sufficiente di acquirenti disposti a comprare i loro prodotti.

COSA FA H2 GREEN STEEL

H2 Green Steel ne è un esempio. Il finanziamento del progetto ha comportato una serie di accorgimenti. Gli accordi di pre-vendita servono come garanzia per raccogliere 5 miliardi di euro di debito e di capitale proprio necessari per coprire i costi dell’impianto. In aprile l’azienda ha confermato di essere alla ricerca di 1,5 miliardi di euro di finanziamenti. Pur avendo preparato il terreno per la costruzione, l’azienda attende ancora il via libera definitivo da parte delle autorità locali per iniziare a costruire. Il via libera è previsto per l’inizio di giugno.

Il fabbisogno di energia, risorse e manodopera non sarà meno arduo. Secondo una stima, la riduzione diretta con l’idrogeno consuma 15 volte più elettricità della cokizzazione. A pieno regime, gli impianti svedesi di H2 Green Steel e Hybrit avranno bisogno di una quantità di energia pari a quella generata oggi dall’intero Paese. Inoltre, avranno bisogno di minerale di ferro più puro, perché non si scioglie completamente nei forni a idrogeno, rendendo più difficile l’eliminazione dei contaminanti. Con l’idrogeno verde ancora poco disponibile e l’assenza di condotte che lo portino nel nord della Svezia, H2 Green Steel sta costruendo quello che, a suo dire, sarà uno dei più grandi impianti di idrogeno del mondo. Ma trovare un numero sufficiente di elettrolizzatori, che stanno iniziando a essere prodotti in serie, è difficile.

E sebbene il nord della Svezia sia un punto di partenza ideale per progetti di questo tipo, grazie alla vicinanza di molte dighe idroelettriche e miniere, non è l’ideale per attirare una forza lavoro di 2.000 professionisti e le loro famiglie. H2 Green Steel sta prendendo spunto da Krupp, un pioniere tedesco dell’acciaio che nel XIX secolo costruì intere città per ospitare i suoi lavoratori. Ma questo aumenta i costi e la complessità del progetto.

C’è poi il lato della domanda. Secondo le stime di Morgan Stanley, i produttori di acciaio verde avranno bisogno di un premio di 115 dollari per tonnellata per raggiungere il pareggio, quasi il 20% dell’attuale prezzo di mercato dell’acciaio convenzionale. Sebbene H2 Green Steel affermi che i suoi accordi di pre-vendita prevedono che i prezzi saranno più alti nella prossima tornata di contratti, gli acquirenti non saranno disposti a pagare per sempre un sovrapprezzo così elevato.

Spesso le industrie hanno bisogno di tempo per affermarsi, a quel punto accelerano, prima di rallentare nuovamente con la maturità. L’acciaieria verde si trova ancora nella prima fase di questa “curva a S” di maturazione, afferma Marc van Gerven, consulente di grandi utility e minatori per la transizione energetica. Ma il punto di flessione potrebbe essere vicino. Le fonti di energia rinnovabile si stanno moltiplicando. L’UE prevede che la capacità produttiva locale di elettrolizzatori si decuplicherà entro il 2025.

Man mano che l’industria sale lungo la curva a S, il processo di produzione dell’acciaio potrebbe essere disaccoppiato, con le fasi iniziali ad alto consumo energetico realizzate vicino a fonti di energia rinnovabile a basso costo e il resto più vicino a dove si trovano gli acquirenti. H2 Green Steel intende già costruire un’altra acciaieria, probabilmente vicino a Sines, una città del Portogallo. Questo sito non produrrebbe principalmente acciaio finito, ma un prodotto intermedio chiamato ferro spugnoso, da spedire ai centri industriali europei per la raffinazione. Se altri produttori di acciaio seguiranno l’esempio, si tratterà di una vera e propria rivoluzione industriale.

(Estratto dalla rassegna stampa di eprcomunicazione)

Back To Top