skip to Main Content

Auto elettrica, Obama vuole la svolta

Litio

L’amministrazione Obama ha approvato un piano per la realizzazione di una grande rete di ricarica per auto elettrica

Gli Usa puntano sull’auto elettrica. La Casa Bianca ha approvato un piano per la realizzazione di 48 corridoi di ricarica, per consentire viaggi in auto elettrica coast-to-coast.

I percorsi, in base al progetto del Dipartimento dei Trasporti statunitense, copriranno 25.000 miglia stradali, in 35 stati. I proprietari dei veicoli elettrici avranno accesso a un punto di ricarica ogni 50 miglia percorse, circa. La Federal Highway Administration si occuperà della segnaletica che dovrà indicare ai conducenti la giusta direzione per le ricarica, in tutto il Paese.

Per la realizzazione del progetto, il Governo si affiderà a gran numero di partner pubblici e privati, tra cui le case automobilistiche come BMW, Nissan e General Motors e ad attori come Pacific Gas & Electric e Southern California Edison.

La Casa Bianca ha promesso un investimento di 4,5miliardi di dollari per la realizzazione delle nuove stazioni di ricarica. Il progetto si inquadra all’interno di una serie di iniziative, del Presidente Obama, per ridurre le emissioni di gas a effetto serra nel settore dei trasporti.

Auto elettrica: necessaria rete di ricarica coast-to-coast

auto elettricaSecondo lo studio di Gtm Research, “The impact of electric vehicles on the grid: customer adoption, grid load and outlook”, nel 2025, circoleranno negli Usa ben 11,4 milioni di auto a batteria. La crescita del volume di veicoli elettrici in circolazione rende necessario dunque un intervento serio e omogeneo, da parte di regolatori e operatori.

Ad oggi, infatti, circa 3 miliardi di dollari di incentivi federali hanno sostenuto la crescita del mercato EV, ma non tutti gli Stati americani sono pronti alla rivoluzione elettrica. Policy, incentivi e quote di energie rinnovabili presentano scenari diversi nelle varie aree geografiche degli Stati Uniti e nelle rispettive operazioni di rete. Il nuovo progetto Federale potrebbe rappresentare, per tutti gli Stati, l’occasione per avviare la rivoluzione della mobilità.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore