skip to Main Content

Vi spiego i problemi di Condé Nast

Condè Nast

Che cosa succede in Condé Nast? Lo spiega su Senza Bavaglio il giornalista Andrea Montanari, presidente del Collegio dei Revisori dei Conti dell’Ordine della Lombardia e consigliere generale dell’Inpgi

 

CHE COSA STA SUCCEDENDO IN CONDE’ NAST

Che succede in Condé Nast? Il grande gruppo americano da tempo ha una visione non ordinaria, o se vogliamo ortodossa, del concetto di editoria e informazione. Perché, come sanno i tanti colleghi che negli ultimi anni se ne sono andati, anche con lauti e dorati scivoli (fino a 36 mesi se non 40), ma anche per forti “pressioni” dall’alto, la mission della società è drasticamente cambiata.

I NUMERI DI CONDE’ NAST

Ma senza centrare gli obiettivi imposti da Oltreoceano e avviati dal management. Basti dire che lo scorso anno, la branch nazionale di Condé Nast è scesa sotto la soglia dei 100 milioni di ricavi (99 milioni. -6,4%) e ha registrato una perdita di oltre 13 milioni rispetto a un rosso di 3,67 milioni dell’anno precedente. Una drastica inversione di tendenza rispetto agli esercizi precedenti quando dall’Italia fioccavano dividendi milionari alla casa-madre.

LE PERFORMANCE DI USAI

Artefice, per modo di dire, di queste performance non certo brillanti è stato l’ad Fedele Usai, in azienda dal 2011 e dal giugno del 2017 amministratore delegato, al posto dello storico top manager Giampaolo Grandi, il “costruttore” dell’azienda italiana di fatto. Usai, in teoria, aveva appreso dal maestro Grandi le strategie, essendo entrato in Condé Nast con i galloni di direttore generale, non certo quindi un rincalzo. Ma nonostante i roboanti e plurimi annunci non ha mai portato a casa i risultati promessi.

IL TAGLIO MASSICCIO DI GIORNALISTI

Eccezione fatta per il taglio, massiccio, di personale, in particolare giornalistico: decine e decine di colleghi lasciati senza un futuro ma solo con qualche assegno più o meno robusto. Una parabola particolarmente discendente quella di Usai che ha completato il percorso con l’uscita di scena di questi giorni. L’ex, a questo punto, enfant prodige di Condé Nast, con un trascorso che di editoriale e giornalistico non ha nulla – era nelle agenzie pubblicitarie Tbwa, Bgs, Bates e Leo Burnett – per poi assumere il ruolo di responsabile worldwide della comunicazione di Fiat Automobiles, ha evidente sbagliato la strategia industriale.

IBRIDO SOCIAL-COMMERCIALE

Del resto era inevitabile. Lo si intuiva già dalle linee programmatiche, definite al momento del passaggio di consegne Grandi-Usai: si esaltava la strategia “Reinvent the business”. E lui lo ha fatto. Ha ridisegnato un’azienda che era un esempio di profittabilità e l’ha trasformata in un ibrido social-commerciale che nessuno ha mai capito. Del resto uno dei fiori all’occhiello del gruppo è stata la Talent Social Agency. Reclamizzata in pompa magna nell’autunno del 2018, già a pochi mesi di distanza nessuno ne sapeva più nulla.

DA GIORNALISTI A INFLUENCER

Si voleva – e forse si è fatto – sostituire i giornalisti con gli influencer, figure che invece di essere regolarmente pagate e contrattualizzate, molto probabilmente venivano omaggiate con gadget. Una scelta che aveva provocato dure reazioni da parte delle redazioni e dei Cdr. Ci sono state svariate manifestazioni sotto la sede del Gruppo, spesso non gradite all’azienda che non si è mai palesata in strada per cercare un dialogo. Preferivano tagliare, tagliare e tagliare ancora. Fino a che non è stato tagliato il tagliatore, cioè il capo operativo.

IL FUTURO DEL GRUPPO

Quello che è invece tutto da capire e definire è il futuro del business di una azienda che, come accade anche per l’altro player internazionale dei periodici, Hearst, è costretta a restare in Italia: abbandonare il mercato e in particolare Milano significherebbe volere dire addio ai robusti budget delle maison di moda che periodicamente affollano – certo non in tempi pandemici – le passerelle e le vie dello shopping. Ed è quello che al momento resta oscuro. Per i dipendenti e per il mercato. E non è certo un bel segnale.

Andrea Montanari
Presidente del Collegio dei Revisori dei Conti dell’Ordine della Lombardia
Consigliere generale dell’INPGI
twitter @ilmontanari

(Estratto di un articolo pubblicato su Senza Bavaglio; qui la versione integrale)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore