skip to Main Content

Ecco come i Paesi Ue si dividono sulle regole fiscali post Covid

Ue Regole

Le divisioni fra Stati Ue su come riformare le regole sulla finanza pubblica. L’approfondimento del quotidiano El Pais

Il Nord, guidato da Austria e Paesi Bassi, sottolinea che i cambiamenti non implicano un rilassamento della sostenibilità delle finanze pubbliche.

Lo tsunami economico del coronavirus innesca strane reazioni: se finora gli integralisti dell’UE avevano mostrato gli artigli affilati per mantenere a tutti i costi regole fiscali rigide, ora sembrano aperti a negoziare una loro modifica. Ma con dei vincoli e delle linee rosse tracciate in fretta e furia. I falchi, precedentemente conosciuti come frugali, sono “aperti a un dibattito sul miglioramento della governance economica e fiscale, incluso il Patto di stabilità e crescita”, secondo un documento a cui EL PAÍS ha avuto accesso, in cui otto paesi dell’UE, guidati da Austria e Paesi Bassi, hanno esposto la loro posizione prima della riunione informale dei ministri dell’economia e delle finanze che si terrà questo venerdì e sabato in Slovenia.

Tuttavia, e qui ci sono le linee rosse, sono disposti a entrare in questi negoziati solo se “le nuove proposte non mettono in pericolo la sostenibilità fiscale degli stati membri, la zona euro o l’Unione nel suo complesso”. E a condizione che le due grandi questioni economiche attualmente sul tavolo per l’UE-27 siano svincolate: la cessazione della clausola generale di salvaguardia (alla quale si è fatto ricorso con il primo impatto della pandemia per alleggerire le economie e che è stata prorogata fino alla fine del 2022) e la possibile riforma del Patto di stabilità e crescita, un’idea nata prima del coronavirus e accantonata per un anno e mezzo che è stata riesumata con forza dall’UE per uscire dalla più grande recessione dalla seconda guerra mondiale. Le conseguenze di tutto questo sono lì: il debito pubblico è a livelli record, essendo salito dal 79% nel 2019 al 94% nel 2021. La soglia del 90% è un anatema per i falchi, i paesi più ortodossi nel dibattito fiscale.

Tuttavia, e qui ci sono le linee rosse, sono disposti a entrare in questi negoziati solo se “le nuove proposte non mettono in pericolo la sostenibilità fiscale degli stati membri, la zona euro o l’Unione nel suo complesso”. E a condizione che le due grandi questioni economiche attualmente sul tavolo per l’UE-27 siano svincolate: la cessazione della clausola generale di salvaguardia (alla quale si è fatto ricorso con il primo impatto della pandemia per alleggerire le economie e che è stata prorogata fino alla fine del 2022) e la possibile riforma del Patto di stabilità e crescita, un’idea nata prima del coronavirus, è stata messa in attesa per un anno e mezzo, ed è stata riesumata con più forza che mai ora che l’UE sta uscendo dalla più grande recessione dalla seconda guerra mondiale. Le conseguenze, nel frattempo, sono ancora lì: il debito pubblico è a livelli record, essendo salito dal 79% nel 2019 al 94% nel 2021. La soglia del 90% è un anatema per i falchi, i paesi più ortodossi nel dibattito fiscale.

L’incontro a Brdo (Slovenia) sarà un primo contatto tra le capitali. Ma il Nord colpisce per primo: oltre all’Austria e ai Paesi Bassi, i paesi nordici (Svezia, Danimarca e Finlandia), così come diversi partner orientali (Lettonia, Slovacchia e Repubblica Ceca) hanno firmato questa missiva. La crème de la crème dei falchi.

Il Sud è su un’altra lunghezza d’onda. Alcuni paesi, come la Francia e la Spagna, vogliono che le discussioni sulle nuove regole fiscali procedano rapidamente in modo che quando arriverà il momento di staccare la spina della clausola di salvaguardia – nel 2023, secondo fonti consultate a Bruxelles – non sarà necessario tornare allo status quo di austerità, ma a un nuovo regime che sperano sia più flessibile. Il ruolo del Nord è, per il momento, raffreddare queste aspirazioni: “La qualità è più importante della velocità”, dicono gli otto paesi, che anticipano così un duro dibattito. Il testo aggiunge alcune frasi del manuale dei leader dell’austerità: “La riduzione dei rapporti di debito eccessivi deve rimanere un obiettivo comune […] La sostenibilità fiscale combinata con le riforme che sostengono la crescita economica deve rimanere la base”.

Le regole fiscali risalgono agli anni ’90: sono state concepite per un mondo che è scomparso e c’è un ampio consenso a Bruxelles per riformularle. Passare dalle muse al teatro sarà un vero e proprio mal di denti. L’UE ha cercato di ritardare il dibattito fino a dopo le elezioni tedesche tra poco più di due settimane: un governo conservatore a Berlino non è la stessa cosa di una coalizione in cui i socialdemocratici governano o i verdi hanno potere (o anche un ministro delle finanze).

La Commissione, inoltre, preferisce aspettare la Francia: la presidenza francese dell’UE inizierà nel 2022, e Parigi (insieme a Roma e Madrid) è molto favorevole a una riforma delle regole che fornirebbe più spazio di manovra. Fin dall’inizio, i falchi cercano di imporre i loro confini: “Misure fiscali senza precedenti per combattere gli effetti negativi della crisi hanno colpito la sostenibilità delle finanze pubbliche in molti paesi, soprattutto nei partner in cui le misure hanno aumentato permanentemente il bilancio e dove i livelli di debito pubblico sono al loro massimo”, dice il testo. Quel paragrafo sembra direttamente rivolto a paesi come la Spagna: il debito pubblico è intorno al 125% del PIL, a livelli massimi, a causa di misure anti-crisi – come gli ERTE o le linee di liquidità, che hanno funzionato bene – ma anche a causa di misure più discutibili come l’aumento delle pensioni e dei salari del settore pubblico.

Il contrattacco del Sud potrebbe impiegare qualche mese per arrivare: la Commissione europea ritiene che questo dibattito sia ancora “prematuro”. Ma il primo colpo è già lì, in attesa della riunione dei ministri in Slovacchia. I più duri avevano avvertito: già a giugno il ministro delle finanze austriaco aveva inviato una lettera alle sue controparti dell’eurozona per avvertire del forte aumento del debito pubblico e dei problemi di sostenibilità delle finanze pubbliche. In primavera, all’OCSE, Berlino ha chiesto una riduzione delle tasse in Spagna “il prima possibile”.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore