Economia

Tutti gli ex Unicredit che giostrano fra Carige, Ubi e Sga del Tesoro

di

Chi sono gli ex manager di Unicredit che spaziano in altre banche come Carige, Ubi e Sga. Il post di Vincenzo Imperatore tratto da Fattoquotidiano.it

 

La scorsa settimana i media si sono concentrati sulla notizia della sentenza del tribunale Ue che ha annullato la decisione della Commissione europea, che aveva giudicato come aiuto di Stato l’intervento del Fondo di tutela dei depositi (Fitd) per il salvataggio di banca Tercas nel 2014. Una notizia che mi ha meravigliato, ma non stupito come invece hanno fatto due news che hanno avuto scarso rilievo mediatico (piccoli trafiletti) e che avrebbero dovuto quantomeno far nascere qualche curiosità, per effetto delle coincidenze che hanno manifestato.

CHE COSA SUCCEDERA’ IN UBI BANCA

La prima notizia riguarda la fresca nomina di Roberto Nicastro come vicepresidente di Ubi Banca che avverrà formalmente il prossimo 12 aprile. Roberto Nicastro, ex direttore generale di Unicredit, è stato presidente delle quattro banche fallite (Etruria, Chieti, Ferrara e Marche). All’indomani della nomina, Nicastro fece campagna acquisti tra tutti gli ex top manager di rete proprio della banca di piazza Gae Aulenti (Roberto Bertola sistemato in Etruria e Felice Delle Femine a capo di CariChieti). Giusto il tempo di svendere Etruria, Carichieti e Cassa Marche a Ubi Banca e tutti hanno trovato altra diversa sistemazione. Nicastro, una pura combinazione, è approdato a Ubi Banca!

COME SI E’ MOSSO UN EX UNICREDIT IN CARIGE

La seconda notizia, di qualche mese fa, riguarda invece Paolo Fiorentino, ex chief operating officer di Unicredit, assunto da Carige come amministratore delegato giusto prima del commissariamento (ora è vicepresidente della Sampdoria Calcio e ad di Banca Progetto) e che, al suo arrivo a Genova, subito cooptò come direttore finanziario Andrea Soro, a sua volta ex Unicredit. Fiorentino è stato rimosso dall’incarico in Carige (c’è una richiesta della Bce di un’azione di responsabilità) e gli è subentrata la coppia Innocenzi-Modiano, anche loro con un passato in Unicredit.

LE CRITICHE DI TESAURO ALL’EX UNICREDIT  FIORENTINO

Pochi hanno sottolineato, però, le dure accuse dell’ex presidente della banca, Giuseppe Tesauro, a Fiorentino. Tesauro ha parlato di “compensi fuori controllo”, di procedure di cessione dei crediti non trasparenti, di documentazione non consegnata al consiglio per “ragioni di riservatezza” e di contratti di consulenza stipulati con le banche e i professionisti, le une e gli altri con compensi fuori controllo per garantire l’aumento di capitale del 2017.

IL RUOLO DELLA SGA DEL TESORO

Con riferimento alle accuse di Tesauro, sono da notare altre due coincidenze. La prima riguarda il fatto che tra i potenziali acquirenti dei crediti deteriorati di Carige c’è la Sga, la bad bank statale ex Banco di Napoli, il cui amministratore delegato è Marina Natale, ex head of strategy business and M&A di Unicredit.

I RAPPORTI TRA UNICREDIT E IBM

La seconda attiene invece al fatto che Carige, nel periodo di gerenza di Fiorentino, ha realizzato il processo di esternalizzazione dei servizi informativi a Ibm creando, così come aveva fatto precedentemente Unicredit, una newco partecipata all’81% da Ibm e al 19% da Banca Carige. Quante fortuite coincidenze targate (ex) Unicredit. Sono l’unico a stupirsi?

(estratto di un articolo pubblicato sul Fattoquotidiano.it; qui la versione integrale)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati