skip to Main Content

Da Venezia alla Nuova Zelanda, come cambierà il turismo

Turismo

Evoluzioni e scenari sul turismo mondiale secondo un approfondimento di Le Monde

Diverse destinazioni – leggiamo su Le Monde – hanno approfittato dell’arresto obbligato dei viaggi dovuto alla crisi della Covid-19 per ricostruire una pratica più sostenibile, mettendo da parte la corsa ai numeri.

Key West, località balneare della Florida, punta meridionale degli Stati Uniti, non ha nulla, a priori, contro il turismo. Nel 2019, 1,2 milioni di crocieristi sono sbarcati in questa città di 25.000 abitanti. È per loro che limita il posto delle automobili in centro, ripulisce le sue case caraibiche, mantiene l’ex casa di Ernest Hemingway, tollera gli artisti di strada sulle banchine al tramonto. È grazie a loro che ha uno dei tassi di disoccupazione più bassi degli Stati Uniti.

Ma quando i turisti hanno smesso di venire nella primavera del 2020, alcuni residenti di Key West hanno reagito in modo inaspettato: hanno chiesto un referendum sul futuro delle crociere. Nel novembre 2020, più del 60 per cento degli elettori ha detto “sì” alla limitazione del numero di crociere giornaliere, al divieto di navi marittime giganti – con più di 1.300 persone a bordo – e alla priorità delle navi meno inquinanti.

Le motivazioni sono state soprattutto ambientali: l’arrivo delle grandi navi da crociera sta danneggiando la barriera corallina, una delle principali attrazioni dell’arcipelago delle Keys. Ma l’economia era al centro della campagna: dopo un anno senza crociere, vietate negli Stati Uniti a causa dell’epidemia di Covid-19, i risultati dei principali attori turistici sono rimasti molto soddisfacenti. L’apocalisse promessa dall’industria delle crociere al minimo tentativo di mettere dei freni non è avvenuta.

Questa è una delle conseguenze della sospensione del turismo: da una piccola località delle Alpi a uno dei paesi più visitati al mondo, la Thailandia, diversi territori ne hanno approfittato per rivedere la loro politica di sviluppo turistico. È come se il Covid-19 fosse servito da elettroshock e da incentivo per agire su un fenomeno che si pensava fosse incontrollabile; quando si pensava che lo fosse.

TURISMO E IMPATTO CLIMATICO

Ovunque, la preoccupazione a breve termine è naturalmente quella di riportare i turisti per rianimare una parte dell’economia che è fonte di occupazione. Ma in alcuni luoghi, questo non impedisce la preoccupazione per il medio e lungo termine. È come se il turismo, finora una fonte di denaro magico, si fosse improvvisamente manifestato agli occhi dei poteri pubblici in tutte le sue dimensioni.

“Il turismo sembrava scontato ovunque”, nota Stéphane Durand, dello studio specializzato Voltere by Egis. “La pandemia ha messo in evidenza il suo impatto assolutamente enorme sull’economia dell’Ile-de-France ma anche sull’atmosfera stessa di Parigi; allo stesso tempo, le autorità locali hanno preso coscienza degli impatti derivanti dal turismo che dovevano essere affrontati.”

Il sovraturismo e il suo effetto sul clima sono i due elementi maggiormente identificati come causa di problemi. Molto spesso, gli attori pubblici hanno preferito ignorarlo. Fino ad ora. “C’è una consapevolezza generale che il turismo deve fare la sua parte per ridurre la sua impronta di carbonio, che deve risolvere i suoi problemi, contro i quali non c’è mai stata veramente la volontà di agire”, analizza il signor Durand.

L’esempio delle navi da crociera a Venezia è il più eclatante: per anni, l’indecisione politica ha impedito la rimozione delle navi da crociera dal Canal Grande, nonostante i rischi ampiamente documentati per la laguna. A marzo, il governo di Mario Draghi ha reindirizzato le navi al porto industriale di Marghera. La scomparsa delle navi e l’aumento delle preoccupazioni ambientali hanno creato le condizioni per agire.

ISOLE IN PRIMA LINEA

In assenza di turisti, anche la vita quotidiana degli operatori turistici pubblici e privati è cambiata radicalmente. I primi hanno avuto il tempo di riflettere, dato che la pandemia ha impedito l’azione. Questi ultimi si sono dovuti concentrare sulla ricerca di finanziamenti, e molto spesso hanno dovuto chiedere prestiti allo Stato. “Possiamo vedere una messa in discussione delle basi su cui potremmo ripartire da questo terribile shock. Siamo all’inizio”, dice Rémy Knafou, professore emerito di geografia all’Università di Parigi-I-Panthéon-Sorbonne e autore di Réinventer le tourisme.

Islanda, Hawaii, Nuova Zelanda: bisogna guardare alle isole il cui sviluppo turistico si basa sulle risorse naturali per trovare i dibattiti più evoluti. La questione di come preservare la gallina dalle uova d’oro – la natura – e i benefici concreti per la popolazione locale è presente ovunque. In Thailandia, il ministro dell’ambiente sta pensando di chiudere i suoi parchi nazionali più volte all’anno “in modo che la natura possa essere rivitalizzata e che i ranger dei parchi possano prendersi cura dei parchi”.

In Nuova Zelanda, una task force governativa sta raccomandando che la politica del turismo sia diretta a migliorare gli ecosistemi, fornire un’occupazione significativa, arricchire le comunità locali e rispettare la cultura Maori. In Giamaica, il ministro del turismo, Edmund Bartlett, vuole convincere gli operatori privati a farne “un’industria più inclusiva e che il turismo si riversi davvero sull’intera economia”.

IMPERATIVI CONTRASTANTI

L’accettazione del turismo da parte degli abitanti è diventata una preoccupazione politica. Per migliorarlo, è necessario evitare che la maggior parte della spesa turistica vada alle catene straniere e distribuire meglio i flussi nel tempo e sul territorio. Su questo punto, il progresso fulmineo della digitalizzazione dell’offerta e l’abitudine di prenotare online potrebbero essere le principali conquiste della pandemia.

“Le destinazioni devono essere più digitalizzate e gli attori meglio coordinati, con un’unica applicazione per tutto il turismo in città”, commenta Doug Lansky, docente sulle questioni legate al sovraturismo. “È paradossale, ma perché una città affollata sia autentica e piacevole da visitare, deve essere digitale come un parco Disney. Se tutto è collegato in modo intelligente, come a Disney, allora quella città sembrerà meno un parco a tema.”

Il problema, aggiunge, è che le agenzie turistiche devono spesso combinare imperativi contrastanti: i politici chiedono loro sia di gestire il turismo che di portare più visitatori possibile. E solo le autorità politiche hanno i mezzi per imporre vincoli agli operatori, il cui interesse immediato, dopo la pandemia, sarà quello di far rivivere le entrate che prima erano così redditizie.

Storicamente, i governi hanno avuto la tendenza a lasciare lo sviluppo del turismo agli operatori privati e a imporre il minor numero possibile di vincoli. A Key West, il referendum sul futuro delle crociere non sarà preso in considerazione: i repubblicani della Florida hanno manovrato in Parlamento per impedirne l’applicazione. E il proprietario del porto di Key West è diventato un generoso donatore del governatore Ron DeSantis.

(Estratto dalla rassegna stampa di Epr)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore