skip to Main Content

Perché gli economisti prevedono un aumento dei tassi d’interesse Usa nel 2022

Tassi Usa

Che cosa emerge da un sondaggio tra i maggiori economisti accademici per il Financial Times sui tassi Usa

La Federal Reserve dovrà ridurre rapidamente il suo programma di stimolo dell’era pandemica e aumentare i tassi di interesse degli Stati Uniti nel 2022 in risposta all’aumento dell’inflazione, secondo un sondaggio dei principali economisti accademici per il Financial Times.

L’ultimo sondaggio condotto in collaborazione con il FT dall’Initiative on Global Markets dell’Università di Chicago Booth School of Business suggerisce un approccio molto più aggressivo alla stretta della politica monetaria rispetto alle più recenti proiezioni della Fed e alle aspettative del mercato.

Poco più del 70% degli intervistati crede che la Fed alzerà i tassi di almeno un quarto di punto percentuale nel 2022, e quasi il 20% si aspetta che la mossa avvenga nei primi sei mesi dell’anno. Questo è molto prima del 2023, anno in cui i funzionari della Fed avevano previsto di alzare i tassi dai livelli attuali, vicini allo zero, già a giugno.

Per essere in grado di alzare i tassi nel 2022, la maggior parte dei 49 economisti intervistati nel sondaggio FT-IGM US Macroeconomists Survey si aspetta che la Fed riveli presto i suoi piani per iniziare a ridurre o “tapering” il suo programma di 120 miliardi di dollari al mese di acquisti di obbligazioni e completare il processo entro il prossimo anno.

La banca centrale statunitense si è impegnata a mantenere l’attuale ritmo di acquisti fino a quando non vedrà “ulteriori progressi sostanziali” verso un’inflazione media del 2% e la massima occupazione. Il primo obiettivo è già stato raggiunto, hanno detto i funzionari, con un margine di miglioramento sul secondo.

Più del 40% degli economisti crede che la Fed annuncerà il tapering nella sua riunione di novembre, e il 31% se lo aspetta a dicembre. La tempistica potrebbe slittare se le infezioni da coronavirus si diffondono ulteriormente e le assunzioni si bloccano, hanno avvertito molti economisti – un quarto ha anticipato che non ci sarà alcun annuncio fino al prossimo anno.

I risultati del sondaggio, raccolti tra il 3 e l’8 settembre, corrispondono strettamente alle opinioni espresse dai membri più “falchi” del Federal Open Market Committee della Fed, che si preoccupano dell’impennata dei prezzi al consumo e sostengono che l’economia statunitense può sopportare meno sostegno.

“Nel 2022, ci sarà un mercato del lavoro sufficientemente forte con una crescita salariale sufficientemente forte e sufficienti preoccupazioni di non volere che l’inflazione rimanga a lungo sopra il 2%”, ha detto il partecipante al sondaggio Stephen Cecchetti, un economista della Brandeis University, che in precedenza ha guidato il dipartimento monetario ed economico della Banca dei Regolamenti Internazionali.

L’impennata della domanda da parte dei consumatori che hanno risparmi repressi, insieme a gravi strozzature nell’offerta e altre carenze, hanno spinto l’inflazione al ritmo più alto degli ultimi 13 anni e hanno riacceso le preoccupazioni che le pressioni sui prezzi persistano.

Gli economisti, che hanno citato ulteriori interruzioni dell’approvvigionamento come pericolo principale, hanno alzato la loro previsione mediana di fine anno per la misura dell’inflazione preferita dalla Fed – le spese di consumo personale di base, o PCE – al 3,7 per cento, dal 3 per cento di giugno. Quasi il 70% ha anche detto che è “alquanto” o “molto” probabile che questo indicatore superi ancora il 2% su base annua entro la fine del 2022.

Secondo gli economisti, il tasso d’inflazione potrebbe essere abbastanza alto da costringere la Fed a scambiare il suo obiettivo di massima occupazione e ad alzare i tassi d’interesse prima che il mercato del lavoro statunitense sia completamente guarito.

Il tasso di disoccupazione dovrebbe rimanere ostinatamente alto quest’anno, con la stima mediana degli economisti al 4,9% per dicembre. Il mese scorso ha oscillato al 5,2%. Quel ritmo di guadagni di lavoro significa che il tasso di disoccupazione non tornerebbe al suo livello pre-pandemico del 3,5 per cento fino al 2023, ha detto il 43 per cento degli intervistati, mentre il 23 per cento ha ipotizzato che potrebbe richiedere fino al 2024 o più tardi.

“Faranno un errore macro [e] aumenteranno i tassi troppo presto”, ha detto Danny Blanchflower, un economista della Dartmouth University e un ex membro del comitato di politica monetaria della Banca d’Inghilterra. Ha calcolato che il tasso di disoccupazione potrebbe scendere fino al 2,5% prima di contribuire all’inflazione, avvertendo che il rischio che il mercato del lavoro si fermi è “enormemente più alto” della prospettiva che l’occupazione migliori rapidamente.

Un altro rischio, secondo Nicholas Bloom della Stanford University, è una ripetizione del destabilizzante “taper tantrum” del 2013 che si è verificato quando la Fed ha segnalato che avrebbe ritirato gli stimoli prima del previsto. Questo punto di vista non è condiviso dalla maggioranza degli economisti, tuttavia, con pochi che prevedono un significativo sell-off delle azioni americane o dei Treasuries nei prossimi sei mesi.

Menzie Chinn dell’Università del Wisconsin-Madison, che ha previsto che la Fed terminerà i suoi acquisti di asset nella prima metà del 2022 e alzerà i tassi di interesse più avanti nello stesso anno, ha attribuito la reazione più contenuta del mercato al successo della banca centrale nel comunicare chiaramente i suoi piani politici.

Un punto di incertezza persistente è il destino del presidente Jay Powell alla Fed, dato che il suo mandato scade all’inizio del prossimo anno. Più dell’80% degli economisti intervistati si aspetta che venga rinominato, mentre il 18% crede che verrà nominato il governatore Lael Brainard.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore