Advertisement skip to Main Content

Bond

Ecco di quanto aumenteranno ancora i tassi di interesse

"Prevediamo un ulteriore aumento dei tassi d'interesse statunitensi in occasione della riunione del FOMC del 3 maggio e ci aspettiamo che l'economia americana entri in recessione entro la fine dell'anno". L'analisi di Steven Bell, Chief Economist EMEA di Columbia Threadneedle Investments.

Gli ultimi dati economici sono risultati migliori in tutto il mondo. Il numero di “sorprese economiche” – in cui i dati rilasciati si sono discostati dalle aspettative del consenso – è stato positivo in quasi tutti i Paesi, sia sviluppati che emergenti. Inoltre, l’inflazione si è mantenuta stabile. Certo, i numeri dell’inflazione complessiva sono scesi, ma l’inflazione core è rimasta stabile o addirittura in crescita, come nel caso dell’Europa. Nel frattempo, i timori che il fallimento di tre banche statunitensi possa innescare una vera e propria crisi del credito sono diminuiti. Quali sono quindi le prospettive per i tassi d’interesse?

LE PROSPETTIVE PER I TASSI DI INTERESSE NEGLI USA

Partendo dagli Stati Uniti, ci aspettiamo un ulteriore aumento dei tassi di interesse in occasione della riunione del FOMC del 3 maggio. Le decisioni successive dipenderanno dai dati e questi ultimi potrebbero suggerire un ulteriore aumento minimo o nullo.

Il recente rafforzamento dei dati economici statunitensi è riconducibile agli aggiustamenti del costo della vita (COLAs), che a gennaio ha registrato un incremento nei pagamenti della previdenza sociale dell’8,7%. Questi effetti si stanno ora esaurendo e, sebbene sia stata evitata una contrazione del credito, è chiaramente in corso una stretta creditizia. Inoltre, il crollo delle vendite di immobili si sta ripercuotendo sul calo della spesa nei settori collegati. Le aziende statunitensi hanno subito una compressione dei margini, hanno già tagliato il CAPEX e dovrebbero seguire una riduzione delle assunzioni. Ci aspettiamo pertanto una recessione negli Stati Uniti entro la fine dell’anno.

LA SITUAZIONE NELL’UNIONE EUROPEA E NEL REGNO UNITO

L’Europa, invece, continua a godere dei benefici del calo dei prezzi dell’energia. La fiducia dei consumatori e delle imprese sta migliorando. L’inflazione core è ancora solida e con un basso tasso di disoccupazione, la BCE continuerà probabilmente ad aumentare i tassi. In effetti, potrebbero essere più alti di quelli statunitensi entro la fine dell’anno, se la nostra previsione di recessione si rivelerà corretta e la Fed si muoverà per tagliare i tassi negli Stati Uniti. Segnerebbe una grande inversione di tendenza.

Le prospettive per il Regno Unito sono interessanti. Si ritiene che il pessimismo dell’autunno e dell’inverno sia stato ampiamente superato. Il Regno Unito ha il suo equivalente del COLAs (Cost of Living Adjustments), in quanto i pagamenti della previdenza sociale aumenteranno questo mese ben del 10,1%, quindi ci aspettiamo che la spesa per i consumi si presenti solida in primavera.Chiaramente non si tratta di un boom, ma di una crescita continua e di un contesto molto diverso da quello previsto dalla Banca d’Inghilterra (BoE). Anche in questo caso, quindi, i tassi di interesse sono destinati a salire. Ma, forse, non di molto ancora. Sebbene l’inflazione rimanga molto alta, l’inflazione salariale nel settore privato ha subito un netto rallentamento, passando dal 7% annualizzato di tre mesi fa ad appena l’1,2% secondo gli ultimi dati. Questa settimana avremo altri dati e anche se dovessero salire un po’, questo incoraggerebbe la BoE a ritenere che l’inflazione – che dovrebbe calare drasticamente entro la fine dell’anno a causa degli effetti base – possa avvicinarsi in modo sostenibile all’obiettivo del 2% nel 2024. La BoE dovrebbe essere ora in grado di guardare oltre l’imminente spinta ai consumi, ben consapevole dei venti contrari derivanti dalla recessione immobiliare.

LE CONSEGUENZE SUI MERCATI FINANZIARI

Cosa significa tutto questo per i mercati finanziari?

La fine dei rialzi dei tassi d’interesse statunitensi dovrebbe favorire gli asset di rischio, ma le prospettive di recessione degli Stati Uniti vanno nella direzione opposta. Siamo quindi neutrali sulle azioni. Dati economici migliori si traducono solitamente in guadagni migliori e questo comporterà, probabilmente, che le azioni europee supereranno quelle statunitensi. Inoltre, prevediamo un ulteriore indebolimento del dollaro nei confronti dell’euro. Anche la sterlina dovrebbe beneficiarne, ma non in misura altrettanto significativa. Tuttavia, le azioni del Regno Unito, ancora relativamente a buon mercato, potrebbero sovraperformare. Inoltre, la ripresa economica e l’indebolimento del dollaro dovrebbero favorire anche le azioni dei Paesi emergenti.

Sembra uno scenario piuttosto monotono, ma rappresenterebbe un cambiamento gradito dopo tutte le agitazioni del mese di marzo.

Back To Top