Economia

Tutti i dettagli sul progetto anti trumpiano di Biden sul fisco

di

frigoriferi

Gli Stati Uniti hanno un nuovo piano nei colloqui globali sulle imposte societarie, nell’approfondimento del Financial Times

L’amministrazione Biden ha proposto un nuovo modello per tassare le multinazionali, chiedendo che le più grandi imprese del mondo paghino tasse ai governi nazionali in base alle loro vendite in ogni paese come parte di un accordo su una tassa minima globale.

Nei documenti inviati ai 135 paesi che stanno negoziando la tassazione internazionale all’OCSE a Parigi e ottenuti dal Financial Times mercoledì, il Tesoro degli Stati Uniti ha delineato un piano che si applicherebbe ai profitti globali delle più grandi aziende, compresi i grandi gruppi tecnologici statunitensi, indipendentemente dalla loro presenza fisica in un dato paese.

L’obiettivo del piano è quello di catalizzare i negoziati presso l’OCSE, l’organizzazione internazionale dei paesi ricchi, con la promessa di un sistema fiscale internazionale più stabile che fermerebbe la proliferazione delle tasse digitali nazionali e romperebbe lo stampo dell’evasione fiscale e dello spostamento dei profitti da parte di molte multinazionali.

La concessione degli Stati Uniti durante la settimana degli incontri primaverili del FMI e della Banca Mondiale arriva mentre la Casa Bianca ha chiesto di aumentare le tasse sulle imprese americane di circa 2,5 miliardi di dollari nei prossimi 15 anni per pagare più di 2 miliardi di dollari di investimenti in infrastrutture, energia pulita e produzione.

Dopo quasi un decennio, i negoziati fiscali dell’OCSE sono stati suddivisi in due parti. Il primo pilastro è progettato per impostare un nuovo regime di tassazione delle più grandi multinazionali, mentre il secondo pilastro è progettato per affrontare l’aliquota fiscale minima globale, che gli Stati Uniti mirano a vedere al 21 per cento.

Un accordo all’OCSE permetterebbe all’amministrazione di Joe Biden di aumentare le tasse sulle società americane senza temere di essere sottoquotata da altri paesi, perché includerebbe un’aliquota fiscale minima globale ampiamente applicata.

Washington ha minacciato di applicare tariffe a paesi come la Francia, il Regno Unito, l’Italia e la Spagna – tra gli altri – per le tasse digitali, che le aziende tecnologiche statunitensi sono chiamate a pagare, sulla base del fatto che le tasse discriminano ingiustamente le aziende statunitensi.

Se il piano degli Stati Uniti viene accettato, gli altri paesi sarebbero in grado di aumentare le entrate dei grandi gruppi tecnologici statunitensi e di altre multinazionali che operano nelle loro giurisdizioni, ma pagano poche tasse sulle imprese.

Le proposte hanno ricevuto un forte sostegno giovedì mattina da Mario Draghi, il primo ministro italiano, che quest’anno presiede anche il G20. Sostenendo le proposte degli Stati Uniti per sbloccare i negoziati, Draghi ha detto di essere “pienamente dietro la richiesta [degli Stati Uniti] di un’imposta minima globale sulle imprese”.

Come uno dei paesi che ha introdotto una tassa digitale, il sostegno dell’Italia alle proposte degli Stati Uniti sarà importante per assicurare un più ampio consenso.

Nadia Calviño, vice primo ministro spagnolo per l’Economia, ha detto alla televisione Bloomberg che era molto incoraggiante che Washington fosse “tornata” al tavolo dei negoziati, e si aspetta un accordo in estate. Ma ha aggiunto che i dettagli della proposta “molto importante” devono ancora essere esaminati.

L’offerta di Washington riflette l’obiettivo più ampio di Biden di porre fine a quella che i funzionari hanno descritto come una corsa al ribasso sulla tassazione globale che ha privato i governi delle entrate necessarie per finanziare i servizi di base e gli investimenti.

I negoziati sulla tassazione internazionale sono stati impantanati all’OCSE per anni perché gli Stati Uniti si sono opposti a quelli che hanno visto come tentativi da parte di altri paesi di mettere in atto accordi che discriminano le multinazionali statunitensi, in particolare le grandi aziende tecnologiche statunitensi.

Il Tesoro degli Stati Uniti offre ora una formula in cui solo le aziende più grandi e più redditizie del mondo sarebbero soggette alle nuove regole, indipendentemente dal loro settore, in base al loro livello di entrate e margini di profitto. Queste includeranno probabilmente un centinaio di aziende, tra cui i grandi gruppi tecnologici statunitensi e altre multinazionali estremamente grandi.

Le proposte sono già state condivise con l’OCSE, che sta convocando i negoziati e sta cercando di riunire i paesi per generare i contorni di un accordo globale entro l’estate.

Pascal Saint-Amans, capo dell’amministrazione fiscale all’OCSE, ha accolto con favore le proposte degli Stati Uniti. “Questo riavvia i negoziati ed è molto positivo”, ha detto. “È una proposta seria con una possibilità di successo sia nei [negoziati internazionali] che al Congresso degli Stati Uniti. La pace è più importante di qualsiasi altra cosa e questo stabilizzerebbe il sistema [dell’imposta internazionale sulle società] nell’ambiente post-coronavirus”.

Saint-Amans ha aggiunto che la proposta è probabile che raccolga tante entrate per gli altri paesi quanto il suggerimento dell’OCSE, mentre permette anche agli Stati Uniti di raccogliere il denaro che vogliono dalle loro più grandi aziende.

Molti attivisti fiscali internazionali hanno detto che le proposte dell’OCSE non sono andate abbastanza lontano o hanno dato sufficienti poteri di riscossione delle tasse alle economie emergenti. Le proposte degli Stati Uniti non alterano significativamente questa caratteristica, anche se i documenti statunitensi suggeriscono che gli Stati Uniti sono disposti ad essere flessibili su alcuni dettagli.

Un accordo aiuterebbe a risolvere la disputa commerciale transatlantica tra gli Stati Uniti e diversi paesi che hanno implementato tasse sui servizi digitali al posto di un accordo multilaterale più ampio.

(Estratto dalla rassegna stampa di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati