Economia

Riserve oro, ecco perché M5S e Lega non hanno tirato tanti lingotti contro la Banca d’Italia

di

riserve auree BITCOIN

Ok del Senato ieri alla mozione di Lega e M5S sulle riserve auree. Ecco dettagli, commenti e analisi

 

Movimento 5 Stelle e Lega concorsi sull’oro della Banca d’Italia.

CHE COSA E’ STATO APPROVATO SULL’ORO DELLA BANCA D’ITALIA

I due partiti di maggioranza ieri hanno votato compatti la loro mozione (141 sì, 83 no e 12 astenuti) nella quale chiedono al governo le «opportune iniziative al fine di definire l’assetto della proprietà delle riserve auree » detenute da via Nazionale, sempre però «nel rispetto della normativa europea» e di «acquisire le notizie» su quelle attualmente all’estero e sulle «modalità per l’eventuale loro rimpatrio» (qui il testo integrale della mozione).

LE PAROLE DI BAGNAI (LEGA)

Un chiarimento che tuttavia non costituisce la premessa a un uso delle riserve a sostegno di questa o quella iniziativa del governo. Lo conferma il leghista Alberto Bagnai, presidente della commissione Finanze e primo firmatario della mozione assieme alla pentastellata Laura Bottici: «L’indipendenza della Banca centrale non è assolutamente in discussione, è un principio che noi rispettiamo perché iscritto nel nostro ordinamento. La gestione dell’oro è assolutamente indiscussa, nessuno pensa di darla al governo».

 

https://twitter.com/icebergfinanza/status/1113536522261864448

«Non capisco neppure di che cosa stiamo discutendo, mi sembra una questione puramente tautologica: è ovvio che l’oro se è dello Stato – sottolinea ancora Bagnai -. È degli italiani». Certo, come ha sottolineato la sua collega di partito Cinzia Bonfrisco, «oggi i soci di Via Nazionale sono dei privati e, dunque, un chiarimento è necessario» ma come ha già ricordato lo stesso premier Giuseppe Conte il 21 febbraio scorso intervenendo proprio al Senato in una risposta a un’interrogazione parlamentare, non sembra possibile che le riserve auree possano essere rivendicate dai partecipanti al capitale di Banca d’Italia, i cui diritti patrimoniali sono limitati al valore del capitale e agli utili netti annuali».

L’ANALISI DI BAGNAI (LEGA)

Ecco che cosa ha scritto due giorni fa l’economista della Lega, Alberto Bagnai, perorando la bontà della mozione ieri approvata: “L’esigenza di adeguare le nostre istituzioni a quelle dei nostri partner di maggiore successo mi sembra non necessiti di spiegazioni: è tautologica, come è tautologico dire che le riserve dello Stato sono dello Stato (peraltro, questo principio basilare lo troverete affermato negli ordinamenti di qualsiasi paese civile: ad esempio, all’art. 9-bis dello Statuto della Banca centrale belga, o alle Sezioni 3 e 16 dello Statuto della Banca centrale olandese,  o all’art. 7, comma 3, lettera c, dello Statuto della Banca centrale spagnola”.

LO SCENARIO E IL TWEET PUNTUTO DI LITURRI

Su quanto avverrà però in un prossimo futuro – ha scritto oggi il Sole 24 Ore – nessuno è pronto a scommettere e le preoccupazioni restano alte come conferma anche il commento del Wall Street Journal: «I populisti vanno avanti per prendere il controllo» della Banca d’Italia.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati