Economia

Reddito di cittadinanza? Al Sud i centri per l’impiego non hanno Internet. Parola del prof. Tridico (consigliere di Di Maio)

di

Obiettivi, sfide e incognite del reddito di cittadinanza secondo il consigliere economico di Luigi Di Maio, il professor Pasquale Tridico

Le risorse finanziarie previste per il reddito di cittadinanza serviranno anche per “adeguare tecnologicamente queste strutture soprattutto nel mezzogiorno perché alcuni centri dell’impiego non hanno nemmeno Internet”. Parola dell’economista Pasquale Tridico, consigliere economico del vicepremier Luigi Di Maio.

ECCO IL DECRETO SUL REDDITO DI CITTADINANZA

LE INCOGNITE SUI CENTRI PER L’IMPIEGO

Saranno proprio i centri per l’impiego, specie nel Mezzogiorno, una delle incognite della misura fortemente voluta dal Movimento 5 Stelle e approvata ieri con un decreto del governo insieme con quota 100 per le pensioni (qui il decreto integrale e gli approfondimenti in uno speciale di Start Magazine).

LE PROSSIME TAPPE PER IL REDDITO DI CITTADINANZA

Nei prossimi giorni il governo avvierà un tavolo con l’Inps che per testare quei dettagli “che abbiamo già stabilito cioè la predisposizione, il collaudo della piattaforma e i 5 giorni di operazione di controllo da parte dell’Inps. E questi 5 giorni non sono assolutamente pochi. Anche il Rei prevedeva che l’Inps elaborasse in 5 giorni chi avesse effettivamente diritto. Non è una novità”, ha detto il consigliere del ministro Luigi Di Maio in tema di lavoro, Pasquale Tridico, in un’intervista a InBlu Radio, il network delle radio cattoliche della Cei, in merito al Reddito di Cittadinanza.

IL RUOLO DELL’INPS SECONDO IL CONSIGLIERE DI DI MAIO

“Se la domanda è telematica – ha proseguito Tridico – l’Inps i dati già li ha per fare tutti i controlli. È un controllo telematico quasi immediato per cui la macchina ti dice se stai sopra o sotto la soglia. Il problema è la predisposizione di un software che filtri in breve tempo i dati. Tutto questo c’era già ma mancava una spinta politica come il Reddito di Cittadinanza che mette a sistema tutto questo”.

OBIETTIVI E SFIDE PER I CENTRI PER L’IMPIEGO E L’ESEMPIO TEDESCO

“Abbiamo per la prima volta previsto, siccome siamo consapevoli del grave stato in cui versano i centri dell’impiego, – ha spiegato Tridico – risorse vere cioè tanti soldi per cui abbiamo dovuto fare una battaglia a livello politico. Questi soldi serviranno a tre cose: 1) adeguare tecnologicamente queste strutture soprattutto nel mezzogiorno perché alcuni centri dell’impiego non hanno nemmeno internet 2) incrementare gli organici: nel nostro Paese ci sono solo 9 mila dipendenti per i centri dell’impiego quando Paesi come la Germania ne ha 130 mila. Quindi tendiamo in questa direzione. 3) Rafforzare la condizionalità perché tutti i programmi degli anni precedenti avevano una tenue condizionalità”.

GLI AUSPICI DI TRIDICO

“Un’economia per avere una crescita dell’occupazione – ha aggiunto Tridico – deve avere investimenti e una domanda aggregata che funzionano, deve avere dunque una congiuntura positiva. Se questa manca le politiche attive non fanno miracoli, funzionerà invece la parte di sostegno perché altrimenti si cadrebbe nelle trappole di povertà. Un governo infatti deve avere come obiettivo la stabilità sociale e quella economica”. Tridico ha infine risposto a una domanda sulle clausole di spesa: “Questa norma esisteva già nel Rei, esiste in tutte le misure di politiche sociali”.

LO SPECIALE DI START MAGAZINE SU REDDITO DI CITTADINANZA E QUOTA 100 SULLE PENSIONI

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati