skip to Main Content

Emissioni Agricoltura

Quanto costa dimezzare le emissioni di gas serra in agricoltura? Report Le Monde

Secondo una collaborazione di istituti di ricerca, le aziende del settore agroalimentare non sono riuscite finora a ridurre le proprie emissioni e non devono lasciare che gli agricoltori sostengano da soli i costi della transizione. L'articolo di Le Monde

 

Quando si parla dei cambiamenti che devono essere apportati alle società e alle economie mondiali per raggiungere la neutralità del carbonio, il dibattito si riduce spesso al costo della transizione: chi pagherà e quanto?

Uno studio pubblicato martedì 26 marzo, scrive Le Monde, valuta il costo della riduzione delle emissioni di gas serra del settore agricolo, che rappresenta circa un terzo delle emissioni globali. La Food and Land Use (FOLU) Coalition, una partnership di diverse organizzazioni di ricerca ed esperti (World Resources Institute, World Farmers’ Organisation, EAT, ecc.), stima che il dimezzamento di queste emissioni entro il 2030 costerebbe 205 miliardi di dollari, ovvero 189 miliardi di euro, ogni anno tra il 2025 e il 2030, per raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi di limitare il riscaldamento globale a 2°C e, se possibile, a 1,5°C. “Questa somma può sembrare colossale”, afferma la FOLU Coalition, una partnership di diverse organizzazioni di ricerca ed esperti (World Resources Institute, World Farmers’ Organisation, EAT, ecc.).

“Questa somma può sembrare colossale, ma in realtà corrisponde a meno del 2% del reddito annuale del settore agroalimentare, e parte di questa somma può generare ritorni sugli investimenti e sui risparmi”, sottolinea Morgan Gillespy, direttrice della Coalizione FOLU. “Questo importo è in linea con le precedenti stime dei costi”, osserva Mario Herrero, professore alla Cornell University (Stato di New York). Per questo specialista riconosciuto dei sistemi alimentari, che non è stato coinvolto nel lavoro della coalizione FOLU, questo nuovo studio è un promemoria che ci ricorda che “non solo non abbiamo ancora avuto gli impegni per raccogliere questi fondi, ma dobbiamo anche andare oltre le promesse per far uscire effettivamente i soldi dalla porta, e farlo ogni anno”.

Lo scopo di questo studio è quello di guardare alla catena di produzione alimentare in tutta la sua complessità e di esaminare i livelli in cui sono necessari i cambiamenti. Dall’attuazione dei principi agro-ecologici al sequestro del carbonio nel suolo e alla fertilizzazione organica, la maggior parte dei cambiamenti che devono essere apportati dipende dalle pratiche degli agricoltori stessi, osserva la coalizione FOLU. Ma “gli agricoltori sono i meno in grado di pagare la transizione”, sottolinea Gillespy. Lavorano già in un ambiente incerto, soggetto ai capricci del tempo, e se dovessero assorbire da soli il costo dei cambiamenti, molti di loro andrebbero in bancarotta”.

Il rapporto esamina una serie di casi di studio settoriali e mostra che per una piccola cooperativa di allevamento di bestiame, il costo della riduzione delle emissioni ammonterebbe al 17% del suo fatturato, rispetto ad appena l’1% per le grandi multinazionali.

Altre soluzioni da implementare sono di competenza dei consumatori, in particolare il cambiamento della dieta verso una minore quantità di carne e un maggior numero di proteine vegetali, ma queste influenzeranno anche gli agricoltori, incoraggiandoli a diversificare la produzione.

Responsabilizzare le imprese

Per ridurre le emissioni del settore agricolo, senza penalizzare gli agricoltori o i consumatori resi vulnerabili dall’inflazione dei prezzi, la coalizione FOLU sostiene che il primo passo da compiere è la riallocazione dei sussidi pubblici all’agricoltura, in modo da pagare di più per le pratiche benefiche per il clima e la biodiversità. Questi sussidi sono stati introdotti diversi decenni fa, in un contesto diverso, quando era necessario aumentare la produttività”, sottolinea Gillespy. All’epoca era legittimo, ma oggi dobbiamo riallinearli alle problematiche del momento: ambiente, sostenibilità, ecc.”.

Soprattutto, però, la coalizione chiede che le aziende agroalimentari si assumano le proprie responsabilità coinvolgendole nella transizione, pur riconoscendo la difficoltà di mettere attorno a un tavolo tutti gli attori della catena alimentare. “Nonostante alcuni impegni volontari, il settore privato non è riuscito finora ad attuare la riduzione delle emissioni di gas serra necessaria per raggiungere l’obiettivo di 1,5°C”, aggiunge Gillespy.

In un settore caratterizzato da forti disuguaglianze tra una manciata di giganti, che controllano la fornitura di sementi agli agricoltori, i prodotti fitosanitari, i fertilizzanti e la lavorazione delle materie prime, e i circa 860 milioni di agricoltori e contadini di tutto il mondo, il raggiungimento di una discussione equa è una sfida. Per la coalizione FOLU, ciò significa una maggiore regolamentazione da parte delle autorità pubbliche.

Raccogliere i fondi

Gli esperti citano l’esempio del regolamento europeo contro la deforestazione importata, che si applicherà progressivamente a partire dalla fine del 2024 e mira a vietare le importazioni di prodotti come il cacao, il caffè, l’olio di palma o la gomma che hanno portato alla deforestazione o al degrado delle foreste, obbligando le aziende a rivedere le loro fonti di approvvigionamento.

Sebbene il rapporto della coalizione FOLU non pretenda di risolvere la questione di chi debba pagare per la transizione, i suoi autori sperano di aprire la strada a un’accelerazione degli investimenti. Avremo bisogno di tutti gli strumenti disponibili per raccogliere i fondi necessari alla transizione dei nostri sistemi alimentari”, insiste Mario Herrero. Ciò richiederà investimenti da parte del settore privato, fondi pubblici, ma anche approcci basati sul costo reale del cibo [tenendo conto delle esternalità].

È una questione urgente, poiché le questioni agricole sono state a lungo relegate in secondo piano nei negoziati sul clima. Ci sono segnali che potrebbero cambiare: all’ultima conferenza mondiale sul clima, la COP28, tenutasi a Dubai nel dicembre 2023, circa 160 Paesi si sono impegnati a includere l’agricoltura e l’alimentazione nei loro piani climatici.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

Back To Top