Economia

Quale futuro societario per l’Inter?

di

inter

Sempre più insistenti le voci che riguardano un possibile cambio di assetto societario per l’Inter, che è alla ricerca di nuovi soci e investitori

Suning cerca aiuto. Il colosso cinese al comando dell’Inter è a caccia di nuovi soci e investitori. Non da escludere l’ipotesi di cessione della maggioranza.

LA SITUAZIONE

Sono sempre più insistenti le voci che riguardano un possibile cambio di assetto societario per l’Inter. Verso la fine del 2020 la società nerazzurra ha fatto girare tra diversi advisior un “teaser” alla ricerca di possibili investitori. Questa necessità di trovare nuove risorse nasce da diversi fattori racchiusi in un solo dato: il bilancio 2020, pesantemente influenzato dalle misure di prevenzione al Covid, segna un rosso di 102 milioni di euro. Ad aggravare la situazione pendono sui conti dei nerazzurri due bond in scadenza nel 2022 per un valore di 375 milioni.

LA PANDEMIA HA COLPITO SUNING

Non è solo l’Inter però a destare preoccupazioni a Zhang Jindong, chairman del gruppo. La pandemia ha infatti colpito duramente l’impero di Suning, tanto che a metà dicembre diversi giornali cinesi hanno diffuso la notizia del passaggio di tutte le azioni di Suning Holdings Group (escluso il gioiello e-commerce da 35 miliardi di euro Suning.com) dal valore stimato di 130 milioni di euro alla Taobao Software, una società nell’orbita di Alibaba. Cos’abbia ricevuto la famiglia Zhang in cambio non è chiaro, anche se è possibile supporre si tratti di un finanziamento. All’interno di Suning Holdings Group c’è anche il 70% dell’Inter (il restante 30% è nelle mani del fondo di Hong Kong LionRock).

IL RUOLO DEL FONDO BC PARTNERS

Secondo le indiscrezioni raccolte da Calcio e Finanza il fondo di private equity britannico Bc Partners è nettamente in testa alla gara per entrare in società. La trattativa è ancora in una fase preliminare ma nulla è da escludere: Bc Partners non avrebbe problemi a entrare come socio di minoranza ma il fondo potrebbe anche essere interessato a trovare un accordo per rilevare in futuro la società. Come ipotizza il Sole24ore i fondi solitamente investono nel medio-breve periodo, quindi Bc Partners potrebbe entrare come socio soltanto a fronte di una way out, ovvero la possibilità, tra 3-5 anni, di uscire dall’investimento con un premio già garantito oppure, in alternativa, prendere il comando nel giro di tre anni. Ufficialmente la volontà di Suning sembrerebbe solo quella di cercare nuovi soci.

È arrivata infatti la dichiarazione del presidente dell’Inter Steve Zhang, figlio del magnate cinese, a smentire una qualsiasi ipotesi di cessione. Stona però la mancata presa di posizione del padre che, come suggerisce il Sole24ore, potrebbe indicare una divisione sul tema all’interno della famiglia. Non sono infatti da dimenticare le nuove direttive del governo cinese che ha ulteriormente irrigidito la stretta sugli investimenti nel calcio sia in patria sia all’estero.

IL CASO DEL MILAN

Cinque anni fa, dall’altra sponda di Milano, quella rossonera, era partito un simile teaser, anche in quell’occasione, ufficialmente per la cessione di una quota di minoranza. In poco tempo il Milan è passato tra le mani di Mr Bee, Mr Li e infine il fondo Elliot. Se il futuro riserverà un destino simile ai cugini nerazzurri si scoprirà soltanto nelle prossime settimane

Articoli correlati