Economia

Banca Etruria, Popolare Vicenza e Veneto Banca. Ecco rischi e incognite sul progetto del governo pro truffati

di

Popolare vicenza

I dettagli sul piano del governo. Le attenzioni di Bruxelles. Le incognite tecniche. E i dubbi espressi a Start Magazine da Andrea Augello, che nella scorsa legislatura come membro della commissione parlamentare sulle crisi bancarie seguì da vicino il caso di Banca Etruria-Boschi oltre ai crac di Popolare Vicenza e Veneto Banca. L’approfondimento di Alessandro Sperandio

Rischia di complicarsi l’iter per il rimborso ai cosiddetti “truffati” delle banche: 300mila piccoli investitori coinvolti nel crac degli istituti di Banca Etruria, Popolare di Vicenza e Veneto Banca per il quale il governo ha stanziato in manovra 525 milioni l’anno fino al 2021 per indennizzarli. La norma rischia, infatti, di cadere sotto la “tagliola” dell’Europa e di incappare in una procedura di infrazione.

ECCO IL PROGETTO DEL GOVERNO PRO TRUFFATI DI BANCA ETRURIA, POPOLARE DI VICENZA E VENETO BANCA

Ma come nasce la vicenda? Nella prima versione del provvedimento, approvata alla Camera, era previsto l’obbligo di dimostrare di essere stati spinti ad acquistare i titoli dalle banche in violazione delle norme a tutela dei risparmiatori con una sentenza favorevole del tribunale o dell’Arbitro finanziario Consob (Acf). Ma poi nel passaggio al Senato con il maxiemendamento presentato dall’esecutivo, è stata modifica e si è deciso di concedere il rimborso in maniera generalizzata, in virtù di “violazioni massive degli obblighi di informazione, diligenza, correttezza, buona fede oggettiva e trasparenza”, il cosiddetto “misselling”.

CHE COSA DICE AUGELLO A START MAGAZINE

“Ma ora è emersa un’altra circostanza non nota e preoccupante – dice a Start Mag l’ex senatore di Fratelli d’Italia Andrea Augello che da tempo si occupa del caso dei risparmiatori truffati -. Lo scorso 16 dicembre il direttore generale del Tesoro, Alessandro Rivera, che per legge deve accertare in Italia la compatibilità delle norme finanziarie nazionali e internazionali che vengono applicate nel nostro Paese, ha messo nero su bianco come la norma che dovrebbe ristorare i risparmiatori sarebbe carente ed esposta a procedura di infrazione. Ciò per due ragioni: non dà i rimborsi caso per caso ai risparmiatori ma lì eroga erga omnes contraddicendo i principi di misselling e quelli statuiti dalla commissione Ue. E allarga la platea alle microimprese e alle onlus mentre secondo le regole europee dovrebbero essere solo i privati cittadini” a beneficiarne.

TUTTI I DETTAGLI SVELATI DAL FATTO QUOTIDIANO

Il riferimento è un articolo del Fatto Quotidiano secondo cui l’ufficio legislativo del ministero dall’Ufficio di coordinamento del Tesoro (Ucadt), la struttura di supporto di Rivera, avrebbe scritto che “l’eliminazione della condizione dell’accertamento e del relativo danno e la conseguente automatica corresponsione dell’indennizzo, in ragione di criteri vaghissimi e non qualificanti non possono essere considerati compatibili con i limiti imposti dall’Ue”. Anche perché, annotano, l’indennizzo riguarderebbe soprattutto gli azionisti che, a differenza degli obbligazionisti, “posseggono strumenti di capitale di rischio e non di debito”. “Insomma – ammette Augello – il fatto curioso è che questa relazione tecnica trasmessa il 16 dicembre dalla struttura di supporto all’ufficio legislativo del Mef è stata completamente travolta dal maxiemendamento che va in direzione opposta: manca però qualsiasi relazione tecnica che spieghi perché il governo si è poi convinto di non andare incontro alle sanzioni della commissione Ue”.

COME BRUXELLES STA SEGUENDO LA NORMATIVA ITALIANA E I RILIEVI DI AUGELLO

Non solo. Nei giorni scorsi il portavoce della Commissione Ue ha dichiarato ad alcuni organi di stampa che sono stati già presi contatti con Roma: “Ciò fa temere che ci siano problemi – ha sottolineato Augello -. Nonostante il ministro Tria abbia dichiarato in audizione di non aver ricevuto nessun avviso di procedura di infrazione, non ha smentito che la norma sia stata attenzionata. Ma la notizia è preoccupante perché l’Ue chiamerà non solo il ministro ma anche Rivera e questo significa che manderemmo a difendere una decisione del Parlamento un tecnico che l’ha definita passibile di sanzione europea”.

PERCHE’ C’E IL RISCHIO CHE I RISPARMIATORI TRUFFATI NON PRENDANO SOLDI NEL 2019 E I LORO DIRITTI VADANO IN PRESCRIZIONE

“Tutto questo – aggiunge Augello, protagonista nella scorsa legislatura nella commissione sulle crisi bancarie con domande incalzanti anche sulla vicenda Etruria-Boschi – è preoccupante principalmente per i risparmiatori perché se entriamo nella spirale della procedura non solo non prenderanno i soldi nel 2019 ma c’è il rischio che i loro diritti vadano in prescrizione – contrattuale ed extracontrattuale – visto che la manovra non contiene deroghe”. Conclusione è possibile che la Ue per contestare la norma aspetti il decreto attuativo “che potrebbe arrivare a fine marzo”.

APP Intesa Sanpaolo Mobile

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati