Economia

Come va il Pil? Rapporto Cer

di

Italia pil

La flessione dell’attività economica potrebbe aver superato questa settimana il punto di minimo: comincia così a definirsi il percorso di risalita del Pil nella seconda parte dell’anno. Il rapporto Cer a cura degli economisti Stefano Fantacone e Antonio Forte.

Le attività economiche manifestano dunque segni di recupero anticipati rispetto all’uscita ufficiale dal lockdown, prevista a partire dal prossimo 4 maggio. Un andamento che avvalora l’aspettativa di un rimbalzo del Pil nella seconda parte dell’anno.

E’ quanto emerge tra l’altro dall’Osservatorio Covid-19 datato 24 aprile a cura del Cer (Centro europa ricerche) a cura degli economisti Stefano Fantacone e Antonio Forte.

+++

I CONSUMI ELETTRICI SEMBRANO RISALIRE

Potrebbe aver preso avvio questa settimana la risalita dei consumi elettrici, che anticipa gli andamenti della produzione industriale. Il grafico 1 (pannello A) mostra le variazioni congiunturali dei consumi elettrici a partire dall’ultima settimana di gennaio.

Come si osserva, la caduta è stata molto rapida fra la seconda e la terza settimana di marzo, quando la contrazione ha quasi raggiunto il 12%. Anche nella terza settimana di marzo la flessione è stata pronunciata, attestandosi al 9%.

Successivamente e fino alla scorsa settimana, si sono continuate a registrare variazioni negative, ma di entità più contenuta (-1,1% in media). La settimana corrente (dati dal 20 al 23 aprile) ha invece registrato un primo aumento, pari al 6%. In termini cumulati, la contrazione dei consumi elettrici ha raggiunto il 30% la scorsa settimana, mentre risale al -25% questa settimana (grafico 1, pannello B).

UN PROFILO TRIMESTRALE PER LA RISALTA DAL PIL

Le attività economiche manifestano dunque segni di recupero anticipati rispetto all’uscita ufficiale dal lockdown, prevista a partire dal prossimo 4 maggio. Un andamento che avvalora l’aspettativa di un rimbalzo del Pil nella seconda parte dell’anno.

Secondo le valutazioni del CER, la variazione del prodotto scenderebbe a circa il -12% nel primo semestre, ma potrebbe poi registrare un aumento superiore al 9% nel periodo giugno-dicembre, a condizione che non si verifichino perdite permanenti di capacità produttiva (grafico 2).Un profilo diverso da quello della recessione del 2008-2009, quando vi furono due semestri consecutivi caratterizzati da contrazioni del prodotto di minore entità e di pari dimensione.

Tale differenza deriva dalla particolare caratteristica della recessione attuale che, lo ricordiamo, è interamente policy driven, ossia determinata dal razionamento imposto alle scelte di consumo e produzione per far fronte all’emergenza sanitaria. È definitorio che queste scelte si riflettano in una volatilità del sistema economico che non può avere riscontri in precedenti episodi ciclici.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati