skip to Main Content
ads

Tenaris dei Rocca pagherà una multona per il caso Petrobas

Tenaris

Il produttore di tubi in acciaio per l’industria petrolifera e del gas Tenaris (della famiglia Rocca) pagherà 78 milioni di dollari per chiudere indagine Sec su presunti pagamenti illeciti a Petrobras

Tenaris (società controllata dal gruppo Techint della famiglia Rocca) sborserà 78 milioni di dollari per chiudere un’indagine della Sec americana sulle presunte tangenti a Petrobras.

L’indagine della americana riguardava eventuali pagamenti impropri a un manager di Petrobras avvenuti tra il 2008 e il 2013 al fine di ottenere commesse per Confab Industrial, controllata dalla holding lussemburghese San Faustin attraverso la Tenaris dei fratelli Rocca.

In base all’accordo con la Sec, la società, che fornisce tubi d’acciaio e servizi all’industria energetica, non ammette né nega le conclusioni.

Nella nota che ufficializza l’accordo Tenaris precisa che la risoluzione con la Sec sia “nell’interesse della società e dei suoi stakeholder”.

Nello stesso tempo, anche il dipartimento di Giustizia Usa, riporta la nota, ha informato Tenaris di aver chiuso la sua indagine parallela sulla questione senza assumere provvedimenti.

La scorsa settimana il tribunale di Milano aveva dichiarato il ‘non doversi procedere’ per la presunta corruzione internazionale commessa in Brasile dai fratelli Gianfelice e Paolo Rocca e Roberto Bonatti (allora amministratori e soci della San Faustin Sa) in quanto l’azione penale non doveva essere iniziata per difetto di giurisdizione.

Comunque notizia pesa sul titolo Tenaris a Piazza Affari, la compagnia è la peggiore del Ftse Mib. Le quotazioni scendono del 2% anche se gli operatori giudicano positivamente l’intesa in quanto elimina un elemento di incertezza e un fattore di rischio pù significativo per il titolo, sottolinea Radiocor.

Tutti i dettagli.

LA MULTA CHE PAGHERÀ TENARIS

Tenaris ha accettato di pagare 53 milioni dollari di sgravio e interessi anticipati e una sanzione civile di 25 milioni dollari, quindi un un totale di 78 milioni di dollari, per chiudere l’indagine della Sec.

IL PROCEDIMENTO AVVIATO DALLA SEC

La Sec aveva avviato infatti un’indagine in merito pagamenti impropri tra il 2008 e il 2013 a un manager della compagnia energetica statale brasiliana Petrobras per commesse Confab, controllata carioca del gruppo.

LA POSIZIONE DEL GRUPPO GUIDATO DA PAOLO ROCCA

Con l’accordo, Tenaris non ammette né smentisce che la sua controllata, Confab Industrial, abbia pagato 10,4 milioni di dollari in tangenti tra il 2008 e il 2013 a un direttore della società pubblica brasiliana, Petrobras appunto, per una serie di contratti di fornitura di tubi per un valore totale di 1,4 miliardi di euro.

I RISULTATI DELL’INDAGINE INTERNA

Come spiega la società stessa, dopo aver appreso di queste accuse in relazione a un’indagine dell’authority brasiliana, Tenaris ha condotto, con l’assistenza di consulenti esterni, un’indagine interna. Da questa non risultano prove a sostegno di un coinvolgimento da parte di Tenaris o i suoi amministratori, funzionari o dipendenti in relazione a comportamenti impropri pagamenti. Come riporta Bloomberg, tali pagamenti sono stati effettuati in base ad un accordo tra a una terza parte che lavora per Confab e un funzionario di Petrobras.

I RISULTATI DELL’INDAGINE INTERNA COMMISSIONATA DA PETROBRAS

Inoltre, nemmeno un’indagine interna commissionata da Petrobras ha riscontrato alcuna prove che Confab abbia ottenuto vantaggi o benefici commerciali non leciti da Petrobras in cambio di pagamenti, inclusi contratti ottenuti in modo improprio.

Si ricorda comunque che nel 2018 anche Petrobras ha raggiunto un accordo di 853,2 milioni di dollari con le autorità statunitensi e brasiliane per porre fine a molteplici indagini su un vasto programma di tangenti in Brasile.

IL COMMENTO DEGLI ANALISITI

Infine, secondo gli analisti la multa non scuoterà i conti del gruppo.

“La spesa di 78 milioni di dollari non ha un impatto rilevante per Tenaris perché rappresenta soltanto lo 0,4% della sua capitalizzazione di mercato” spiega Benstinver ripresa da MF.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore