Economia

Perché l’Europa deve pensare a un piano straordinario per il lavoro

di

Alternanza scuola-lavoro

Il commento di Giuseppe Sabella, direttore di Think-in, esperto di Industria 4.0 e blogger di Start Magazine, sugli ultimi dati che riguardano l’occupazione

Come ormai noto a tutti, il nostro Istituto Nazionale di Statistica (Istat) ci ricorda mensilmente i livelli dell’occupazione; o, per dirla meglio, del non lavoro, visto che in Italia – come del resto nel sud Europa – continuano a restare alti gli indici della disoccupazione.

A gennaio, infatti, la disoccupazione in Italia è rimasta ferma al 10,5%, lo stesso livello di dicembre, a fronte di un lieve aumento delle persone occupate e di quelle che cercano lavoro. La crescita di 21mila occupati rispetto al dicembre 2018 riguarda però praticamente soltanto l’universo maschile (ferme le donne), mentre per i più giovani si registra un aumento di 0,3 punti (33%).

Allo stesso tempo, Eurostat comunica che in Europa il tasso di disoccupazione dell’eurozona è pari al 7,8%. Tra gli Stati membri, i tassi più bassi di disoccupazione a gennaio 2019 sono stati registrati in Repubblica Ceca (2,1%) e Germania (3,2%).

I tassi di disoccupazione più elevati sono stati osservati in Grecia (18,5% nel novembre 2018), in Spagna (14,1%) e, appunto, in Italia (10,5%). La Francia ha fatto registrare un 8,8%. Rispetto ad un anno fa, il tasso di disoccupazione è sceso in tutti gli Stati membri ad eccezione di Danimarca e Malta, dove è rimasto stabile.

Le maggiori diminuzioni sono state registrate a Cipro (dal 10,1% al 7,4%), in Grecia (dal 21,1% al 18,5% tra novembre 2017 e novembre 2018) e in Spagna (dal 16,4% al 14,1%).

Per quel che ci riguarda, è difficile fare previsioni sul mercato del lavoro quando gli investimenti sono in contrazione e in cui non vi sono misure per lo sviluppo che possano provocare un’inversione di tendenza.

A livello europeo, vi è però un elemento da tenere presente: a maggio vi sono le elezioni e vogliamo pensare che la nuova Ue avrà chiaro che necessita di un piano straordinario per il lavoro, soprattutto per paesi come Italia, Spagna, Francia e Grecia, dove gli indicatori della disoccupazione sono più alti.

Naturalmente, o si trovano risorse per qualche investimento nell’area mediterranea, o si concede più flessibilità agli stessi Paesi per il medesimo scopo. Dopodiché, oggi più che mai è importante spendere bene il denaro e finalizzarlo alla creazione di valore. E anche questa è una bella impresa.

Twitter: @sabella_thinkin

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati