Economia

Perché le prossime mosse della Fed influenzeranno la Bce

di

Bce Fed

Che cosa si dice nella Fed e gli scenari sulla Bce. Il commento di Fabrizio Jorio Fili, analista finanziario e asset manager

Potente dichiarazione ieri di Bullards, componente di rilievo della Federal Reserve statunitense e del Comitato Federale per gli acquisti a mercato aperto (FOMC): “La probabilità di una recessione negli Usa ha fatto un piccolo passo in su: la curva dei tassi ha quasi invertito”.

La Federal Reserve non ha mai negato l’appiattimento della curva e il suo tragitto a invertire, ma ne ha sempre minimizzato o escluso gli effetti recessivi – dimostrarti ed evidenti nel corso dei decenni – l’ammissione da parte di un suo componente non marginale è quasi liberatoria.

Una sfilata di dati negativi in questi ultimi 40 giorni ed una pessima settimana: ieri l’indice PMI manifatturiero dell’Eurozona (Indice dei direttori degli acquisti) scende sotto la soglia del 50 a 49.2 ( il più basso da 68 mesi).

Sotto 50 l’indice segnala contrazione produttiva, viceversa al di sopra è espansione. Ulteriore conferma dal dato riferito alla Germania a 47.6, il più basso nella serie storica da 74 mesi. Si allineano quello giapponese a 48.5 ( il più basso da 32 mesi) e quello cinese minore di 50.

La Germania è una economia manifatturiera ed esportatrice ed ecco perché poco importa che l’indice PMI dei Servizi sia a 52.3 spostando l’indice composto dai due elementi Manifatturiero e Servizi a a 51.4.

Non basta? Ieri l’indice ZEW, nella prospettiva “Aspettative economiche in Eurozona” tra i meno incoraggianti:

(Elaborazione FJF di dati ZEW Institute)

Forse meno grave – ma che tocca più da vicino le tasche del risparmio gestito – la visione degli analisti del panel dell’attendibilissimo rapporto ZEW, che vedono i corsi azionari italiani come i peggiori nel prossimo periodo insieme a Regno Unito e, in seconda istanza, Francia.

(Dati ZEW)

Per restar concreti aggiungiamo che ieri alle 14:30 CET lampeggiavano sugli schermi:

– l’indice della Federal Reserve di Filadelfia a -4.1 contro un dato atteso di +14 e un realizzato precedente periodo di 17 dove quel -4.1 rappresenta un valore assolutamente “tail” essendo al di sotto della peggiore opinione tra quelle degli analisti, bankers e economisti intervistati.

– Un PMI manifatturiero Usa a 53.7 verso un dato previsto nella rilevazione settimanale di 54.7 e un dato reale precedente di 54.9. Anche qui il dato odierno si spinge oltre il limite inferiore della forbice delle opinioni degli analisti e dunque definibile in termini probabilistici un dato di “coda” ovvero agli estremi della distribuzione normale. In vulgata: un valore fortemente poco probabile nelle aspettative ma  che si avvera tuttavia.

– un dato sul delta delle abitazioni esistenti a -1.2% contro un dato atteso di 0.8% e un precedente periodo di -6.4%.

Omettiamo beni durevoli e durevoli al netto dei trasporti anche essi entrambi in contrazione.

Il mercato del lavoro negli Stati Uniti si conferma saturo con una richiesta di sussidi iniziali a 216k verso un dato atteso di 229k e un precedente periodo 239k e un “continuativo” anche esso in diminuzione: ironicamente il problema futuro statunitense sarà come trovare/creare sufficienti nuovi posti di lavoro dal momento che è stata raggiunta – in via precaria e quasi teoricamente superata – la piena occupazione.

Per concludere una riflessione che esula dalla inversione della curva: in via generale assistiamo da fine dicembre a una diminuzione violenta dei rendimenti ovvero a una crescita dei prezzi dei corsi obbligazionari sovranazionali e una contestuale crescita delle quotazioni azionarie.

Ovvero:

-dal lato obbligazionario è un indicatore di quanto cattiva è percepita la situazione economica dagli operatori istituzionali per indurli ad un ricerca di porti sicuri di tale irruenza.

– dal lato azionario, è indicatore di una sicura aspettativa dei mercati di politiche monetarie di natura ulteriormente accomodante da parte delle Banche Centrali.

Negli Usa significa un prolungamento della pausa – le probabilità implicite estrapolate dai prezzi dei Federal Funds rivela un 84pct di probabilità che non vi siano aumenti dei tassi nell’intero 2019 – se non addirittura taglio dei tassi, come prezza il mercato nei futures Federal Funds ed Eurodollaro dal 2020.

Nell’Eurozona la possibilità di politiche monetarie speciali attraverso LTRO /TLTRO o – addirittura – di uno spostamento dell’aumento del tasso principale da parte della Bce come annunciato da Mario Draghi e atteso per Luglio 2019.

Caso questo poco probabile ma è assolutamente vero che la Bce dovrà tempestivamente seguire in qualche maniera  l’esempio della Federal Reserve – finalmente – ed essere maggiormente “ guidata dai dati di mercato” nelle sue decisioni.

Sempre che non ci sia Weideman quale successore del presidente Draghi.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati