skip to Main Content

Perché la Cina si prepara a una crescita fiacca

Economia Cina

Fatti, numeri e scenari sull’economia della Cina nell’approfondimento del quotidiano Le Monde

 

I fallimenti delle piccole imprese – scrive Le Monde – sono in aumento, dato che l’economia cinese, colpita dalla pandemia, dovrebbe rallentare nei prossimi mesi.

Nel suo desiderio di rivaleggiare con New York in termini di simboli, Shanghai ha anche la sua Times Square, il suo crocevia dove, su uno schermo gigante, si alternano informazioni economiche e pubblicità di marche di lusso. All’inizio di gennaio, mentre la pioggia, il grigio e il freddo sembrano cospirare per scoraggiare i consumatori a correre nei negozi, lo schermo azzurro mostra con orgoglio la progressione del prodotto interno lordo (PIL) cinese nei primi tre trimestri del 2021: + 9,8%. Ma le curve nella parte inferiore dello schermo sono meno ottimiste. Dopo un’impennata spettacolare nel primo trimestre del 2021 (che dovrebbe essere paragonato al primo trimestre del 2020 quando il paese si è praticamente fermato), la crescita sta rallentando.

Il suo livello esatto per il 2021 sarà noto solo il 17 gennaio. Secondo gli esperti, dovrebbe essere intorno all’8%. D’altra parte, l’annata 2022, senza essere catastrofica – un anno di congresso del Partito Comunista Cinese (PCC) non può esserlo – sarà chiaramente inferiore: 5,1%, secondo le previsioni pubblicate dalla Banca Mondiale il 21 dicembre 2021.

La Banca Mondiale identifica due rischi principali: una ripresa dell’epidemia di Covid-19 che potrebbe portare a “maggiori interruzioni dell’attività economica” e un “rallentamento grave e prolungato nel settore immobiliare altamente indebitato”.

Senza essere pessimista, la Banca Mondiale è quindi prudente. A differenza di Morgan Stanley. La banca americana, che prevede una crescita cinese del 5,5% quest’anno, vede quattro ragioni per essere ottimista: le autorità stanno attuando una politica fiscale e monetaria più accomodante, la crisi immobiliare non è stata risolta ma sembra essere sulla via di essere messa sotto controllo, il governo sembra anche mostrare flessibilità nel risolvere la carenza di elettricità che il paese ha subito in autunno e le esportazioni dovrebbero rimanere forti nel 2022.

Più crescita guidata dalle esportazioni

Gli ultimi indicatori sono piuttosto incoraggianti. Nel dicembre 2021, l’attività industriale sarebbe stata la più alta nella seconda metà dell’anno. Il Caixin Manufacturing PMI, pubblicato il 4 gennaio, è balzato inaspettatamente a 50,9, mentre gli esperti si aspettavano solo 50, la cifra che delimita l’aumento dell’attività. Lo stesso indice per i servizi, pubblicato il 6 gennaio, è salito da 52,1 a 53,1. I libri degli ordini si stanno riempiendo di nuovo.

Ma, contrariamente a quanto vorrebbe il PCC, la crescita sembra essere guidata più dalle esportazioni che dal consumo. Il governo prevede che il commercio (esportazioni e importazioni) avrà raggiunto 6.000 miliardi di dollari (5.300 miliardi di euro) nel 2021, un salto del 24% rispetto al 2019, prima della pandemia. Va notato che quasi la metà delle esportazioni sono ora destinate ai paesi emergenti. Per Henry Gao, uno specialista del commercio internazionale con sede a Singapore, questo dimostra che “le ‘nuove vie della seta’ funzionano”.

Nonostante questa buona notizia, il premier Li Keqiang è preoccupato. Mercoledì 5 gennaio, ha annunciato “misure più forti per tagliare le tasse e gli oneri per garantire un buon inizio dell’economia cinese nel primo trimestre, al fine di stabilizzare la situazione macroeconomica generale”. Anche se non ha specificato l’importo di questo sgravio fiscale, sarà principalmente rivolto alle piccole e medie imprese. Un settore che genera molti posti di lavoro e che è stato “duramente colpito dalla pandemia”, secondo Li Keqiang.

Crollo delle attività in caduta libera

Infatti, i dati resi pubblici a fine dicembre 2021 dal South China Morning Post meritano attenzione. Nei primi undici mesi del 2021, 4,3 milioni di piccole imprese hanno chiuso. Non solo questo è un numero record, ma anche il numero di nuove imprese sta crollando. Solo 1,3 milioni di nuove imprese sono state registrate durante questo periodo. Nel 2020, 6,1 milioni di nuove imprese sono state create e nel 2019, 13,7 milioni. Per la prima volta, ci saranno più chiusure che start-up e il divario tra le due curve è impressionante.

Per spiegare questa strage, gli esperti indicano l’aumento del prezzo delle materie prime ma anche le molteplici perturbazioni quotidiane dovute alla politica zero Covid. In questo contesto cupo, i giovani cercano la sicurezza del lavoro. Più di 2,1 milioni di persone hanno fatto il concorso per entrare nel servizio civile nel 2021, un numero record.

Il 5 dicembre 2021, uno dei consiglieri del primo ministro, Li Daokui, ha addirittura fatto scalpore annunciando che i prossimi anni saranno i più difficili che il paese abbia visto dagli anni ’90. Come per confermare queste previsioni, la Conferenza Centrale sul Lavoro Economico tenutasi il 9 e 10 dicembre 2021 sotto la presidenza di Xi Jinping ha segnalato una “tripla pressione: una contrazione della domanda, shock dell’offerta e prospettive più deboli”. Il comunicato finale si riferisce alla “stabilità” venticinque volte, rivelando la preoccupazione dei funzionari.

Riconoscere i problemi

La banca centrale cinese ha sostenuto l’attività due volte nel dicembre 2021: prima abbassando il tasso di riserva obbligatoria per le banche all’inizio del mese in modo che potessero prestare di più e poi riducendo uno dei suoi tassi chiave (il tasso primario dei prestiti a un anno) il 20 dicembre al 3,80% dal 3,85%. È la prima volta in venti mesi che la banca abbassa questo tasso, una misura, ancora una volta, destinata a ridurre il costo del credito.

Ma per risolvere i problemi, bisogna riconoscerli. Le chiusure di imprese e le difficoltà dei cinesi a sbarcare il lunario sono evidenti a qualsiasi osservatore, ma non appaiono nelle statistiche. Lou Jiwei, ex ministro delle finanze, si è persino lamentato a dicembre che non c’erano “abbastanza dati per mostrare il lato negativo” delle cose. Per esempio, le statistiche ufficiali registrano la creazione di imprese ma non il numero di chiusure. “Perché abbiamo questo giudizio su questa tripla pressione? Dove sono i dati su cui si basa? Le cifre [ufficiali] sono abbastanza buone”, ha osservato.

Che due economisti considerati riformisti facciano commenti politicamente sconvenienti a pochi giorni di distanza l’uno dall’altro è sufficiente per alcuni per speculare sulle tensioni al vertice tra uno Xi Jinping che si affida principalmente alle imprese statali e un primo ministro che è più favorevole all’economia di mercato. Ma finora, anche nelle questioni economiche, il primo ha avuto l’ultima parola.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore