skip to Main Content

Perché la aspettative inflazionistiche lievitano. Report Economist

Rapporto Istat 2022

Le banche centrali hanno urgentemente bisogno di convincere la gente che sono seriamente intenzionate a ridurre l’inflazione. Ma diverse prove suggeriscono che far cambiare idea al pubblico potrebbe essere molto difficile

 

I prezzi al consumo in tutto il mondo ricco stanno aumentando di oltre il 9% su base annua, il tasso più alto dagli anni Ottanta. È preoccupante constatare che il pubblico comincia ad aspettarsi un’inflazione costantemente elevata. I dati che indicano che le aspettative di inflazione a medio termine degli americani sono aumentate hanno contribuito a scatenare le turbolenze del mercato della scorsa settimana, culminate con l’aumento dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve di tre quarti di punto percentuale. Le banche centrali hanno urgentemente bisogno di convincere la gente che sono seriamente intenzionate a ridurre l’inflazione. Ma una serie di prove suggerisce che far cambiare idea al pubblico potrebbe essere straordinariamente difficile – scrive The Economist.

La differenza di opinioni tra esperti e profani è diventata abissale. Bernardo Candia, Olivier Coibion e Yuriy Gorodnichenko, tre economisti, esaminano le aspettative di inflazione di quattro gruppi in America. Quelle dei previsori professionisti e dei mercati finanziari rimangono vicine all’obiettivo della Fed del 2%. Ma le convinzioni dei consumatori sono sempre meno. Essi prevedono un aumento dei prezzi di oltre il 5% nel corso del prossimo anno. Le imprese, esposte all’aumento dei costi delle materie prime, dei salari e di altri fattori produttivi, prevedono un’inflazione ancora più elevata.

Le aspettative sono in aumento anche al di fuori dell’America. Una serie di dati messi insieme dalla Fed di Cleveland, dalla società di consulenza Morning Consult e da Raphael Schoenle della Brandeis University misura le aspettative di inflazione del pubblico in vari luoghi. Nel maggio 2021, un intervistato nel paese ricco mediano pensava che l’inflazione nel prossimo anno sarebbe stata del 2,3%. Ora si aspetta un tasso del 4,2%.

Le banche centrali hanno il problema di far scendere nuovamente queste aspettative. Questo perché poche persone, a parte gli investitori e i giornalisti finanziari, prestano attenzione a ciò che dicono. Un nuovo articolo di Alan Blinder dell’Università di Princeton e colleghi lo dice in modo più diretto. “Le famiglie e le imprese hanno un basso desiderio di essere informate sulla politica monetaria”. Un sondaggio del 2014 ha rilevato che solo un quarto degli americani era in grado di individuare Janet Yellen, l’allora presidente della Fed, da una lista di quattro persone. Quattro americani su dieci credono che l’obiettivo di inflazione della Fed sia superiore al 10%. Non c’è da stupirsi che l’impatto degli annunci di politica monetaria della Fed sulle aspettative di inflazione sia “in sordina”, secondo un recente studio di Fiorella De Fiore della Banca dei Regolamenti Internazionali e colleghi.

E gli americani non sono i soli. Alla fine degli anni 2000, i ricercatori della Banca d’Italia valutarono se i cittadini sapessero cosa fosse l’inflazione. Molti avevano solo una comprensione confusa: la metà degli intervistati confondeva le variazioni dei prezzi con i livelli dei prezzi. Negli ultimi anni il Giappone ha attuato un forte allentamento monetario per aumentare l’inflazione. Ma nel 2021, secondo un sondaggio ufficiale, oltre il 40% dei giapponesi non aveva “mai sentito parlare” di questo piano.

Nel corso degli anni precedenti la pandemia, l’apatia dell’opinione pubblica nei confronti della politica monetaria non aveva molta importanza. L’inflazione era bassa e stabile. Ora conta molto. Le aspettative di crescita vertiginosa potrebbero incorporarsi nei salari e nei prezzi, spingendo l’inflazione complessiva ancora più in alto. Gli strumenti convenzionali dei banchieri centrali potrebbero fare ben poco per ridurle. Anche l’effetto dell’aumento dei tassi di interesse non è del tutto chiaro: secondo un recente sondaggio The Economist/YouGov, il doppio degli americani ritiene che tassi più alti aumentino l’inflazione piuttosto che ridurla. Cosa si può fare di più? La storia indica diverse opzioni.

Una è quella di fare annunci drastici o inaspettati. Ciò potrebbe comportare un aumento dei tassi di interesse al di fuori delle riunioni programmate, decisione presa dalla banca centrale indiana a maggio. La Banca centrale europea (Bce) ha utilizzato questo stratagemma per perseguire un altro obiettivo: contenere gli spread dei titoli di Stato, che altrimenti minaccerebbero una crisi del debito. Nel 2012 Mario Draghi, allora capo della Bce, promise improvvisamente di fare “tutto il necessario” per salvare l’euro. Secondo una ricerca condotta da Michael Ehrmann della Bce e Alena Wabitsch dell’Università di Oxford, le parole generarono un elevato traffico su Twitter tra i non addetti ai lavori, suggerendo che avevano fatto breccia. La genialità della dichiarazione, suggeriscono altre ricerche, è stata quella di concentrarsi sul fine (“preservare l’euro”) piuttosto che sui mezzi (“acquistare obbligazioni”), più facili da comprendere per il pubblico. La Bce ha cercato di ripetere il trucco più di recente, ad esempio convocando una riunione di emergenza per affrontare l’aumento degli spread.

Altri hanno giocato a lungo. Paul Volcker, presidente della Fed dal 1979 al 1987, si è fatto una reputazione di quello che gli economisti chiamano un “pazzo” dell’inflazione: qualcuno disposto a tollerare un’elevata disoccupazione per sconfiggere la bestia. Alla fine il pubblico ha recepito il messaggio. Un recente articolo di Jonathon Hazell della London School of Economics sostiene che i “cambiamenti nelle convinzioni sul regime monetario di lungo periodo” successivi a Volcker si sono rivelati più importanti di qualsiasi altro fattore per sconfiggere l’inflazione prima del 19 dicembre. Andrew Bailey, capo della Banca d’Inghilterra, ha cercato di abbracciare il Volcker che è in lui, ad esempio dando ai britannici l’impressione di preoccuparsi più dell’inflazione che dei loro salari.

Il nemico pubblico numero uno

Un’altra soluzione è il coinvolgimento dei politici. Questa soluzione ha dei potenziali svantaggi. I politici spesso sostengono schemi anti-inflazione strampalati, come il controllo dei prezzi. Tuttavia, potrebbero essere in grado di aiutare. Dopo tutto, il 37% degli americani ritiene che il presidente abbia “molto” controllo sull’inflazione, contro il 34% della Fed.

La nomina di Volcker da parte di Jimmy Carter nel 1979 dimostrò che era seriamente intenzionato a ridurre l’inflazione. In Gran Bretagna, Margaret Thatcher e i suoi seguaci hanno parlato di stabilità dei prezzi; la loro volontà di tagliare i bilanci pubblici ha probabilmente confermato queste parole, raffreddando l’economia. Oggi, in America, il presidente Joe Biden afferma che “combattere l’inflazione” è la sua “massima priorità economica” (anche se si mostra meno incline a inasprire la politica fiscale).

L’apatia dell’opinione pubblica nei confronti del sistema bancario centrale potrebbe essere un complimento a rovescio nei confronti dei politici degli anni ’80 e ’90. Nessuno aveva bisogno di preoccuparsi dell’inflazione. Nessuno aveva bisogno di preoccuparsi dell’inflazione quando era bassa. I responsabili politici di oggi sono limitati proprio da questo successo. Per far scendere le aspettative di inflazione, quindi, potrebbero dover tentare tutto ciò che è in loro potere per far sì che la gente si alzi e ascolti.

(Estratto dalla rassegna stampa estera a cura di eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie da EnergiaOltre!

Errore