Economia

Perché gli investitori sui mercati scommettono sull’energia verde

di

Aie investitori energia

Visioni e previsioni sulle mosse degli investitori nel settore energia in un approfondimento di Bloomberg


Gli speculatori del carbonio sono probabilmente tornati in un mercato destinato a essere schiacciato dalle ambizioni climatiche dell’Unione Europea, scrive Bloomberg. È un segnale rialzista per un mercato che è salito di circa il 60% da quando il mercato ha toccato il fondo a metà marzo, al culmine del lockdown in Europa. Ora, con l’apertura delle economie, la domanda si è vista stimolata dagli operatori finanziari, piuttosto che dalle aziende di servizi pubblici o industriali che hanno ancora una domanda relativamente bassa per i permessi.

“Ciò suggerisce che gli investitori finanziari stanno tornando pian piano”, ha detto Bo Qin, analista di BloombergNEF. “Ci aspettiamo una ripresa della domanda da parte degli speculatori nella seconda metà del 2020”.L’aumento dei prezzi è avvenuto in un contesto di domanda di energia insolitamente bassa. La maggior parte dei permessi del mercato del carbonio della UE per inquinare sono utilizzati dalle utility che acquistano quando hanno bisogno di bruciare più combustibili fossili per produrre energia. Il modo in cui il mercato si sta muovendo fa sembrare che gli investitori stiano iniziando a valutare il ruolo del sistema europeo di scambio di quote di carbonio nell’obiettivo di neutralità climatica dell’UE, a sua volta un pilastro chiave nel piano di ripresa economica del blocco di 750 miliardi di euro (824 miliardi di dollari). E mentre i governi di tutto il mondo intensificano gli sforzi per rallentare il riscaldamento globale, la grande azienda petrolifera BP Plc ha più che raddoppiato il costo percepito delle emissioni di carbonio.

L’azienda britannica ha rivisto le sue prospettive di prezzo per includere uno scenario di 100 dollari per tonnellata entro il 2030 di questa settimana, quadruplicando l’attuale prezzo dei permessi in Europa. La situazione odierna è un richiamo al 2018, quando i prezzi delle emissioni sono saliti bruscamente, quando gli investitori finanziari hanno ottenuto i permessi in attesa che la UE riduca l’offerta. Oggi gli investitori possono anticipare simili misure rialziste come parte delle misure aggressive della regione per ridurre le emissioni di gas serra. “Significa che la gente sta prendendo il sistema UE seriamente”, ha detto Louis Redshaw, amministratore delegato di Redshaw Advisors. “Pensano che il sistema diventerà più rigido e pensano che il prezzo salirà”. Eppure, non tutti sono convinti che gli speculatori siano tornati. Secondo Nicolas Girod, amministratore delegato di ClearBlue Markets, è possibile che i servizi pubblici stiano solo acquistando permessi a basso costo da utilizzare in futuro. Ma se gli speculatori tornano, potrebbe far tornare i prezzi a 30 euro a tonnellata quest’anno, ha detto.

(Estratto dalla rassegna stampa internazionale a cura di Epr Comunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati