Economia

Perché critico la chiusura dei centri commerciali nei fine settimana

di

antitrust

“Trovo la decisione di chiudere i centri commerciali nel fine settimana inutile e poco ponderata”. Il commento di Mario Sassi

 

Per chi come me ha passato tutta la sua vita professionale in aziende industriali della filiera agroalimentare e almeno 20 anni nella grande distribuzione e nella rappresentanza di categoria del commercio “prendere parte”, condividere,  solidarizzare, non significa, almeno nelle intenzioni, temere di trovarsi in un conflitto di interesse. Non avendo interessi personali da difendere, non ho conflitti. Semmai opinioni. Condivisibili o meno.

Per questo trovo assolutamente corretto il comunicato congiunto di Cncc, Confcommercio Lombardia, Confimprese, Federdistribuzione e  Fipe, che critica fortemente il provvedimento che prevede la chiusura nei fine settimana degli spazi della media e grande distribuzione non alimentare, tra cui i centri commerciali, e che impone la chiusura anticipata alle 23 dei pubblici esercizi. Personalmente credo abbiano ragione.

Trovo la decisione inutile, poco ponderata e quindi molto pericolosa. Una pezza, come si usa dire, peggio del buco creato dalla pandemia. La seconda ondata sta indubbiamente rischiando di provocare pesanti conseguenze. La paura di perdere il controllo della situazione è forte. Ma le conseguenze non possono essere decisioni contraddittorie scaricate su alcune categorie. Il diritto alla salute e il diritto di non trovarsi soli con il proprio problema dopo una vita di sacrifici e quando si hanno pesanti responsabilità sull’occupazione gestita deve però trovare un equilibrio accettabile. Altrimenti salta tutto. C’è una rabbia montante che ad un certo punto esploderà: i segnali ci sono tutti.

Aggiungo al comunicato, che sottoscrivo, due considerazioni. Nel dibattito politico si sta affermando sempre di più un pensiero pericoloso secondo il quale si può vietare tutto ciò che non è ritenuto necessario. Quindi non si vietano solo i comportamenti che non vanno bene e che però non vengono sanzionati come dovrebbero. Si va ben oltre quando si decide in base a criteri che non hanno alcun riferimento oggettivo che esistono attività superflue o addirittura dannose. Nei luoghi e nei contenuti.  E in base a questa considerazione si decide ciò che è necessario e quello che non lo è. Oggi sembra facile. Si chiude ciò che non si riesce a controllare indipendentemente dalle conseguenze economiche che questo potrebbe creare.

Da una parte i generi alimentari e dall’altra il resto. Da qui i giorni della settimana o i periodi dell’anno ritenuti superficialmente idonei alla chiusura. Quelli buoni per farci la spesa e quelli no. E pretendere di calarli dall’alto. È chiaro a tutti che tra una sciarpa e il pane quotidiano non c’è partita. Però questa alternativa non riguarda la produzione ma solo i luoghi del consumo. C’è quindi chi pretende di stabilire una gerarchia. Si può produrre tutto ma non si può vendere. O si può stabilire che in uno stesso luogo di vendita solo alcuni prodotti possono essere venduti.

Non importa se i contagi nella prima ondata hanno riguardato più logistica e centri di lavorazione della carne, per fare due esempi concreti, rispetto alla grande distribuzione. C’è però qualcuno che pensa di poter decidere cosa è superfluo e ciò che è necessario alterando l’equilibrio economico di chi deve gestirne le conseguenze in termini di giorni e orari di apertura, di disagi creati ai clienti, di prodotti da vendere e di costi relativi. C’è in tutto questo un pensiero negativo, un retropensiero, un giudizio che prescinde la situazione. E questo non è accettabile.

Si possono riempire gli autobus negli orari di punta, annunciare che tutto ciò non ha alcuna conseguenza sul contagio e contemporaneamente non considerare e omettere che nella grande distribuzione in tutto il periodo del lockdown, grazie all’impegno delle aziende e dei lavoratori addetti,  i contagi sono stati insignificanti.

Mutande e abiti quindi non è necessario acquistarli nel week end. Maionese e merendine, per citarne due a caso, si. Per ora.

I centri commerciali si possono aprire in Lombardia durante il week end però solo per gli alimentari. Come se fosse una cosa fattibile e senza conseguenze.  Gli investimenti fatti da bar, ristoranti, grande distribuzione per rendere i loro  luoghi idonei, controllati ed equilibrati sul piano economico si possono dunque gettare dalla finestra.

Anziché intensificare verifiche, strumenti e controlli si scaricano le conseguenze sui gestori. I danni previsti sono facilmente calcolabili. Non è accettabile.

Chiudere gli esercizi commerciali, circoscriverne le attività, scaricare su di loro le responsabilità di una realtà di cui non hanno alcuna responsabilità senza un confronto con i diretti interessati attraverso le loro rappresentanze è un errore che rischia di essere pagato molto caro.

Tutti questi mesi non possono essere passati invano. Né pensare che il problema sia circoscrivibile agli indennizzi. In alcuni sottosettori  tra l’altro sono difficilmente praticabili o inutili. L’impressione che le decisioni siano prese senza una coerenza complessiva è molto forte. Così non va.

 

(Estratto di un articolo pubblicato su mariosassi.it)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati