skip to Main Content

Recovery Plan, Bruxelles sta smontando la tabella di marcia. Report Le Monde

Piano Ripresa

La tabella di marcia della Commissione europea sul piano di ripresa è stata ampiamente rivista. L’approfondimento del quotidiano francese Le Monde

La Commissione europea – scrive Le Monde – rinvia le proposte di risorse proprie per finanziare la ripresa.

Una parte della difficile impalcatura che ha permesso agli europei di concordare un piano di ripresa da 750 miliardi di euro, finanziato da un prestito comune, è appena andata in frantumi.

Lunedì 19 luglio, la Commissione ha annunciato che non avrebbe presentato il giorno successivo, come previsto, la sua proposta sulle nuove risorse proprie – i prelievi che devono tornare alla Commissione e permetterle di rimborsare il prestito comune (12,9 miliardi di euro tra il 2021 e il 2027, da 15 a 25 miliardi di euro all’anno dal 2028, quando il capitale comincerà ad essere rimborsato) senza che gli Stati membri siano chiamati a contribuire. “Vedremo durante la seconda parte dell’anno. Per il momento, non abbiamo fissato una data”, ha detto l’esecutivo europeo.

Si sapeva che l’argomento non era unanime tra i 27. I paesi frugali (Danimarca, Svezia, Paesi Bassi, Austria), che per principio rifiutano di aumentare il bilancio dell’Unione europea (UE), erano, come la Germania, più che riluttanti a introdurre nuove risorse proprie, poiché l’idea di dare più autonomia finanziaria a un’Europa che attualmente dipende dai loro contributi li offendeva. Detto questo, poiché era necessario trovare un compromesso tra loro e il Parlamento europeo sul piano di risanamento, hanno finalmente accettato, un anno fa, l’introduzione di nuovi prelievi comunitari.

Si era convenuto che la Commissione avrebbe presentato i suoi piani a giugno. È stata persino concordata una tabella di marcia. Il 1° gennaio 2023, tre tasse dovevano essere introdotte per finanziare l’Europa: una tassa sui giganti digitali, un meccanismo di aggiustamento del carbonio alle frontiere (per tassare le importazioni nell’UE di beni prodotti da paesi terzi in condizioni che non soddisfano gli standard dell’UE in materia di cambiamento climatico) e un sistema di scambio di emissioni (ETS) ampliato. Inoltre, era previsto che il 1° gennaio 2026 sarebbero state introdotte altre due risorse proprie, la tassa sulle transazioni finanziarie e una base imponibile comune per le imprese.

VUOTO DI SOSTANZA

Un anno dopo, questa tabella di marcia è stata ampiamente smontata. “Abbiamo deciso di mettere in pausa il nostro lavoro” sulla tassa digitale, che avrebbe dovuto portare 1,3 miliardi all’anno, ha annunciato la Commissione europea il 12 luglio. Per giustificare la sua decisione, l’esecutivo comunitario ha citato l’accordo sulla tassazione delle multinazionali, concluso sotto l’egida dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE), grazie all’impulso americano, e approvato dal G20 di Venezia. Si tratta di “un accordo storico (…) che risponde alle sfide create dalla digitalizzazione dell’economia”, spiega un portavoce dell’istituzione. Mentre il G20 deve concordare la sua attuazione entro ottobre, per l’entrata in vigore nel 2023, Bruxelles “concentrerà i suoi sforzi su questo obiettivo” e rinvierà il suo progetto.

Ma Washington sorveglia la Silicon Valley e il presidente americano Joe Biden, con il quale gli europei vogliono ristabilire una relazione transatlantica pacifica dopo gli anni di Trump, ha insistito affinché Bruxelles rinvii il suo progetto di tassa digitale. “La Commissione ha mostrato debolezza politica decidendo questo rinvio sotto la pressione di Washington”, dice l’eurodeputata di Macron Valerie Hayer.

Il 14 luglio, nell’ambito del pacchetto legislativo destinato a mettere l’Europa sulla strada della neutralità del carbonio nel 2050, la Commissione ha presentato un meccanismo di aggiustamento alle frontiere che è stato notevolmente ridimensionato rispetto a quanto previsto. Sotto la pressione di Berlino e dei suoi alleati del nord, che non vogliono far arrabbiare Washington e che sono ansiosi di preservare le loro esportazioni, Bruxelles prevede che le entrate di questo meccanismo non supereranno i 2 miliardi di euro all’anno, mentre ci si aspettava dai 5 ai 14 miliardi di euro all’anno. Infatti, il commissario al bilancio Johannes Hahn ha reso chiaro il suo disaccordo votando contro tutte le proposte di legge presentate quel giorno.

Naturalmente, la Commissione prevede di compensare questo basso livello con un’estensione piuttosto generosa del mercato del carbonio: dovrebbe portare 9 miliardi di euro all’anno, là dove era stata fissata una fascia tra 3 e 10 miliardi. Ma invece di arrivare dall’industria pesante, come nell’attuale ETS, queste entrate dovrebbero essere prelevate dalle famiglie, che dovranno sostenere le conseguenze della sua applicazione ai combustibili per riscaldamento e auto.

BRUXELLES HA CEDUTO AD ANGELA MERKEL

La Commissione, presieduta dalla tedesca Ursula von der Leyen, ha infine accettato la richiesta di Angela Merkel, che ha messo in piedi un regime ETS in Germania e vuole proteggere gli interessi della sua industria. Un’iniziativa che esaspera Parigi, dove il ricordo dei “gilet gialli” rimane ancora vivido, e irrita la maggior parte degli altri paesi europei, preoccupati per le conseguenze sociali che potrebbe avere.

“Secondo l’accordo di luglio 2020, che è giuridicamente vincolante, la Commissione, che è la custode dei trattati, era obbligata a presentare una proposta di risorse proprie in giugno”, dice Valérie Hayer. Nulla impedisce alla Commissione, ha proseguito, di continuare ad esplorare le sue vie iniziali “nel caso in cui l’accordo OCSE dovesse infine fallire” e di “proporre che le entrate che verranno dall’accordo OCSE, se dovesse essere finalizzato, siano parzialmente convertite in risorse proprie”.

L’UE-27 dovrebbe comunque rinunciare all’unanimità a questi prelievi. Data la resistenza che hanno mostrato un anno fa quando hanno negoziato tra di loro e con il Parlamento europeo – all’epoca, il piano europeo di ripresa era in bilico – è difficile immaginare che questo accada. Tanto più che un tale trasferimento richiederà anche l’approvazione dei parlamenti nazionali. Questi sono tutti passi politici ad alto rischio.

(Estratto dalla rassegna stampa di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore