skip to Main Content

Non solo Bitcoin. Perché le criptovalute barcollano

Criptovalute

Crollano le quotazioni di Bitcoin e delle altre valute digitali sulla scia del veto della Banca centrale cinese. Tutti i dettagli

 

Scivolano le quotazioni delle Criptovalute dopo che la Banca Centrale Cinese (Pboc) ha definito come “illegali” tutte le transizioni in valuta digitale, promettendo azioni severe sui mercati.

Il Bitcoin lascia sul campo il 3,62% a 42.367, 8 dollari, con un calo settimanale del 9,75%.

Anche le criptomonete più piccole, che in genere salgono e scendono in tandem con bitcoin, sono crollate.

Sotto pressione anche Ethereum, che cede il 7,44% a 2.880,08 dollari, arretrando del 16,94% su base settimanale.

Non è la prima volta che la Cina è ruvida con le criptovalute. All’inizio di quest’anno, Pechino ha annunciato un giro di vite sul mining di criptovalute, ricorda Cnbc.

Sempre la Pboc aveva già ordinato alle banche e agli istituti di pagamento non bancari come Ant Group (fintech del colosso cinese Alibaba) di non fornire servizi relativi alle criptovalute.

E per un paese che chiude alle criptovalute c’è anche uno che apre. Come il Laos. In settimana il paese del sud-est asiatico ha autorizzato l’estrazione e il commercio di criptovalute, in un cambiamento di politica per trarre profitto dalla repressione dell’estrazione di valuta digitale in Cina.

Senza dimenticare il recente passo di un social network verso le criptomonete. Twitter che consentirà agli utenti di usare il bitcoin per il servizio Tips (mance).

Tutti i dettagli.

LA DECISIONE DELLA BANCA CENTRALE CINESE

La People’s Bank of China (Pboc) ha affermato che i servizi che offrono trading, corrispondenza degli ordini, emissione di token e derivati per valute virtuali sono severamente vietati.
Anche gli scambi di criptovalute all’estero che forniscono servizi nella Cina continentale sono illegali, ha precisato la Pboc.

L’istituto cinese ha anche aggiunto che i lavoratori degli scambi di criptovalute esteri saranno indagati.

La mossa arriva dopo che il Consiglio di Stato cinese ha promesso a maggio di reprimere l’estrazione e il commercio di bitcoin come parte degli sforzi per respingere il rischio finanziario, innescando un’importante svendita di criptovalute.

L’IMPATTO SUI TITOLI DELLE CRIPTOVALUTE

E oggi la notizia da Pechino ha colpito bitcoin e altre monete digitali facendo pressione sui titoli relativi a criptovalute e blockchain.

Secondo i dati di Coin Metrics, il prezzo del bitcoin è sceso di oltre il 3% su base 24 ore su 24, l’ultimo scambio a circa 42.239 dollari. Ethereum, il secondo asset digitale più grande, è sceso del 7% a 2.860 dollari. Giù anche l’XRP (-7%) e il cardano (-3,7%).

Anche i titoli con una forte esposizione alle criptovalute sono crollati nel trading pre-mercato, con Coinbase in calo di quasi il 4%, MicroStrategy in calo del 5% e Riot Blockchain in calo di oltre il 6%.

L’APERTURA DEL LAOS AL MINING DI VALUTE DIGITALI

Giro di vite cinese per le criptovalute, che in settimana avevano potuto beneficiare di due importanti notizie.

Il Laos ha autorizzato operazioni minerarie e commerciali nel suo territorio, contraddicendo le politiche della sua banca centrale che aveva emesso avvisi contro le criptovalute solo un mese prima. La mossa arriva mentre la piccola nazione asiatica cerca di trovare fonti di reddito alternative per affrontare le conseguenze della pandemia di Covid-19.

L’ufficio del primo ministro ha dichiarato che sei società sono ora autorizzate a condurre attività legate alla criptovaluta nel paese. Ora, secondo quanto riferito, il governo avvierà i lavori per regolamentare queste attività. Il Laos potrebbe anche cercare di attirare alcuni dei minatori cacciati dalla Cina, essendo un sostituto stretto che può anche offrire molta energia idroelettrica a basso costo che attualmente non viene utilizzata al massimo delle sue potenzialità.

LA MOSSA DI TWITTER

Infine, Twitter ha aperto al Bitcoin. Il social network fondato da Jack Dorsey permetterà agli utenti di pagare usando la criptovaluta. Nel dettaglio Twitter ha lanciato a livello globale il servizio Tips, ossia le mance che può inviare agli utenti che attivano il servizio, gratuitamente. L’azienda ha introdotto le mance come prova a maggio per un aiuto ai creatori al fine di guadagnare pagamenti dai loro per i contenuti che pubblicano su Twitter.

I suggerimenti di Bitcoin sono facilitati da Strike, un’app di portafoglio Bitcoin che funziona sul protocollo Lightning Network. Lightning è progettato per consentire transazioni più veloci ed economiche utilizzando Bitcoin. La società dietro Lightning ha ricevuto finanziamenti proprio dal ceo di Twitter Jack Dorsey, un convinto sostenitore di Bitcoin che ha twittato a giugno che era “solo una questione di tempo” prima che Twitter supportasse i pagamenti tramite il protocollo, ha ricordato The Verge.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore