Economia

Nomine Rai: il patto De Russie und Plaza

di

Rai

Promozioni dei vicedirettori di rete Rai rinviate a dopo le Europee. Un congelamento tattico che aumenta il bottino di nomine da spartire dopo i nuovi assetti politici.

La Rai è già proiettata nel futuro prossimo. A Saxa Rubra e a Viale Mazzini l’infallibile intuito dei cacciatori di nomine sta già ridisegnando gli assetti dei vertici in vista del del Salvini day. Ovvero chi occuperà la stanza dei bottoni dell’amministratore delegato e chi andrà a dirigere Tg e reti.

Il tam tam della giungla Rai conferma che Gennaro Sangiuliano, Antonio Preziosi, Angela Mariella, Paolo Corsini e Giuseppina Paterniti sono fra i più accreditati sul fronte del d day, cioè dello sbarco dei leghisti sulle spiagge di viale Mazzini e di Saxa Rubra dopo il preventivato, ma ancora tutto da dimostrare, trionfo alle Europee e la successiva ed altrettanto tutta da confermare scalata di Palazzo Chigi.

Una visione plastica degli accordi in corso si è avuta nei ricevimenti svoltisi a distanza di due mesi nei blasonati alberghi del centro di Roma: l’Hotel De Russie e il Plaza. Alla presenza del presidente del Parlamento europeo, Antonio Tajani, nei saloni del De Russie, fra i monsignori, i politici, conduttrici, aspiranti giornaliste e il generone romano che a marzo affollavano la festa di compleanno di Preziosi, sarebbe stata cementata l’alleanza fra il direttore di Rai Parlamento e il direttore del Tg2 Gennaro Sangiuliano con l’obiettivo di puntare alternativamente al ruolo di amministratore delegato e di direttore del Tg1.

Alleanza implicitamente rilanciata fra le righe della sontuosa presentazione all’Hotel Plaza di via del Corso del libro “ Sua maestà il Tg1. 10 direttori svelano 30 anni di segreti” scritto dalla storica giornalista della ammiraglia dell’informazione televisiva Ida Peritore.

Il patto del De Russie und Plaza, come è stato ironicamente battezzato per definirlo una parodia del patto di non aggressione Molotov-Ribbentrop, sembrerebbe tuttavia destinato a fare i conti con un’agguerrita concorrenza in casa leghista.

A contestarlo sarebbe soprattutto Angela Mariella, vicedirettore del Giornale Radio, che vanterebbe un filo direttissimo con due big della Lega che si occupano direttamente della Rai: il vice ministro allo Sviluppo economico Dario Galli e il presidente della Commissione Trasporti della Camera, Alessandro Morelli, già al vertice di Radio Padania, e attuale condirettore del Populista, blog considerato vicino a Matteo Salvini.

Da non sottovalutare anche lo spessore propositivo di Paolo Corsini, già apprezzato interlocutore di riferimento di Maurizio Gasparri a Saxa Rubra, e della attuale direttrice del Tg3 Giuseppina Paterniti, entrambi in attesa di ulteriori avanzamenti.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati