Advertisement skip to Main Content

Aumento Capitale Mps

Mps e Carige sono banche zombie, ecco perché

Nello stato in cui sono, Mps e Carige non hanno reali possibilità di sopravvivenza; ma come tutti gli zombie possono camminare ancora a lungo anche se, più passa il tempo, minore sarà il loro valore. L'analisi dell'economista Alessandro Penati

 

Carige e Mps hanno una qualità degli attivi troppo bassa e una struttura dei costi troppo elevata per poter sperare di sopravvivere autonomamente.

La loro cessione è dunque inevitabile; rinviarla rischia solo di ridurre ulteriormente il valore delle due banche, aumentandone il costo del dissesto.

Ridurre i costi e aumentare il patrimonio non serve però a far crescere i ricavi, che possono venire soprattutto dal flusso delle commissioni visto che realisticamente non ci potrà essere un significativo contributo dal margine di interesse, ferma restando la politica monetaria della Bce.

Ma poiché Carige, come Mps, ha venduto le “fabbriche prodotto” per far cassa e migliorare i ratio patrimoniali, il compratore chiede che vengano disdettati i contratti di distribuzione in essere con terzi, facendosi carico delle penali previste, per poter distribuire i propri prodotti.

L’attività bancaria è ormai diventata prevalentemente distribuzione e un’acquisizione serve ad aumentare il numero dei risparmiatori e delle imprese clienti a cui vendere prodotti e servizi finanziari.A queste condizioni Bper avrebbe acquistato la quota di Fitd in Carige al valore simbolico di 1 euro, per poi lanciare un’Opa in Borsa da 71 milioni per l’11,7 per cento sul mercato.

Inoltre, con la fusione la banca acquirente tipicamente ottiene il beneficio fiscale delle Dta (Deferred tax asset, le perdite pregresse della banca target che possono essere utilizzate per abbattere le imposte sugli utili futuri).

La legge di bilancio li ha limitati al minimo tra 500 milioni e il 2 per cento delle attività della banca acquisita, che nel caso di Carige sarebbero circa 400 milioni di cui Bper avrebbe potuto beneficiare. Senza contare il badwill (ovvero la differenza tra il minor prezzo pagato e il patrimonio netto) che può essere considerato dall’acquirente come profitto da capitalizzare, anche se ai soli fini contabili (non per la regolamentazione).

L’offerta di Bper per Carige ha la stessa struttura di quella di Unicredit per Mps. Per prima cosa si vuole che l’acquisizione, e la successiva fusione, non peggiori i requisiti patrimoniali e la struttura dei costi della banca acquirente, e per questo si chiede: la cessione di tutti i crediti deteriorati e una valutazione conservativa dell’intero attivo; la manleva per rischi legali e contingenze negative; la ristrutturazione per ridurre i costi operativi; e dopo che tutte le minusvalenze, costi di ristrutturazione e svalutazioni sono state fatte emergere, un aumento di capitale “preventivo” a carico dei vecchi azionisti per portare i ratio patrimoniali in linea con quelli più elevati dell’acquirente.

Se si guarda alle offerte di Bper e Unicredit con occhio disincantato si coglie un elemento curioso: oltre al valore economico dei vari benefici concessi all’acquirente, il venditore, lo Stato per Mps, o il Fidt per Carige, verserebbe nella banca come aumento di capitale “preventivo” più soldi di quanti ne incasserebbe dalla successiva vendita. In pratica, è il venditore che paga l’acquirente, anche se indirettamente; l’opposto di quanto avviene in ogni normale transazione. Il che equivale ad attribuire a Mps o Carige un valore negativo.

Con la tipica creatività italica questo prezzo negativo è stato ribattezzato “dote”, ma altro non è che il pagamento da parte del venditore affinché il compratore si accolli la banca.In entrambi i casi l’aumento di capitale “preventivo” serve solo a mascherare questo pagamento a favore del compratore.

Anche se nessuno lo dice apertamente, Mps e Carige sono banche zombie: nello stato in cui sono non hanno reali possibilità di sopravvivenza; ma come tutti gli zombie possono camminare ancora a lungo anche se, più passa il tempo, minore sarà il loro valore.

(estratto di un articolo pubblicato su Domani Quotidiano; qui la versione integrale)

Back To Top