Economia

Mascherine: Bruxelles snobba l’Italia e coccola la coppia Francia-Germania?

di

von der Leyen recovery fund

Tutti i dettagli sulla polemica per la distribuzione delle mascherine tra Stati europei. Fatti, parole, commenti e reazioni da Bruxelles, Berlino, Parigi e Roma

LE PAROLE DELLA PORTAVOCE DELLA COMMISSIONE EUROPEA

La Commissione europea ha ricevuto le notifiche da Germania e Francia della decisione di bloccare l’esportazione di mascherine e altro materiale protettivo in altri Stati membri dell’Ue. “Nel trattato c’è questa possibilità”, ha detto una portavoce della Commissione, Sonya Gospodinova. “Per ragioni imperative gli Stati membri sono autorizzati a limitare la libera circolazione” delle merci, si legge in un’agenzia Agi diretta da Mario Sechi.

IL TWEET DEL MINISTRO BELGA

“Dobbiamo essere solidali nella ripartizione delle maschere di protezione. Un blocco delle esportazioni fra gli Stati membri non è nello spirito dell’Unione europea”. Lo scrive su Twitter la ministra della salute del Belgio, Maggie De Block, criticando la decisione annunciata da alcuni Paesi Ue, fra cui Germania e Francia, di vietare temporaneamente l’esportazione di mascherine di protezione per far fronte alla domanda interna legata all’emergenza coronavirus.

IL COMMENTO DEL MINISTRO SPERANZA

Dobbiamo lavorare insieme. Nella mia richiesta di un più forte e veloce coordinamento c’è anche questo: non dobbiamo farci la guerra fra Paesi europei con il solo rischio di aumentare il prezzo dei dispositivi” protettivi, come le mascherine. “Abbiamo bisogno di lavorare e decidere insieme sulla base delle esigenze che ci sono dove conviene utilizzarle nel più breve tempo possibile”. Così il ministro della Salute, Roberto Speranza, al termine del Consiglio Salute straordinario sul coronavirus. Noi siamo già al lavoro da molte settimane” sul rifornimento di mascherine, ha spiegato Speranza, “ma ci sarebbe bisogno di un unico livello di gestione degli acquisti, provando poi insieme a capire in quale parte d’Europa, nel singolo momento, c’è più bisogno. Io penso che questa sia la linea giusta”. “Se saremo tutti insieme a fare gli acquisti potremo trattare in maniera più significativa” anche con Paesi terzi che producono dispositivi di protezione, ha continuato il ministro, “questa è la chiave di volta e la richiesta del governo italiano”. “Il virus non arriverà nello stesso momento con la stessa forza in tutti i territori, quindi un coordinamento di natura internazionale è la chiave per affrontarlo nella maniera più intelligente – ha detto Speranza – dobbiamo lavorare insieme in questa direzione, e da parte dei grandi Paesi europei con cui mi sono particolarmente confrontato (Germania, Francia, Spagna), c’è un’indicazione che va in questa direzione”.

LE PRECISAZIONI DEL COMMISSARIO UE

“Sui dispositivi di protezione la situazione in Europa è molto specifica, le scorte non sono state molto elevate e non lo erano negli ultimi mesi e ora il rischio è maggiore e gli stati membri devono agire a livello nazionale e sulla base del loro fabbisogno”. Così il commissario Ue alla gestione delle crisi Janez Lenarcic al termine del consiglio straordinario Ue sul coronavirus. “Noi affrontiamo la situazione in tre modi – ha aggiunto -, con un appello alla solidarietà, questi dispositivi devono essere trasferiti nei luoghi dove sono più necessari e poi invitiamo ad un uso razionale”. Lenarcic ha poi annunciato che è stato avviata una “procedura di acquisto centralizzato a cui partecipano 20 stati membri”, una procedura che “è in corso” e che “le prime offerte dovrebbero essere ricevute a inizio della settimana prossima e poi procederemo”. Lenarcic ha infine sottolineato che “la Commissione fa il massimo per garantire una sicurezza nell’approvvigionamento di questi materiali in Europa”.

LA POSIZIONE UFFICIALE DELLA FRANCIA

“Ciò che la Francia ha fatto” con le mascherine “non è una misura protezionistica ma un modo per avere una visione la più esaustiva possibile di ciò che abbiamo a disposizione”. Così il ministro della salute francese Olivier Veran risponde alle accuse rivolte ai Paesi che hanno bloccato le esportazioni di materiale protettivo. “Abbiamo già cominciato a constatare un aumento del prezzo di alcuni materiali, della rivendita nei mercati non ufficiali o online con esportazioni anche fuori dalla zona euro – ha continuato il ministro. E’ nell’interesse dell’Europa realizzare questo monitoraggio della nostra capacità di produzione delle maschere, di stoccaggio e dei bisogni che devono essere basati sui dati scientifici”. Veran ha poi detto che c’è una “perfetta convergenza” con il ministro Speranza e che “tutti dovrebbero fare questo lavoro preparatorio per avere una visione concertata a livello europeo. Ma la Francia non sarà un’eccezione alla sua richiesta di solidarietà, come ha sempre dimostrato”.

CHE COSA HA DETTO IL MINISTRO TEDESCO DELLA SALUTE

“In Germania non abbiamo vietato l’esportazione” delle mascherine protettive come misura presa nell’ambito della crisi sul coronavirus, ma stabilito che prima di farlo bisogna “avere una buona ragione per farlo e chiedere un’autorizzazione alle autorità. Ma se si fa richiesta per l’export verso un Paese europeo o per un’organizzazione internazionale, ovviamente, è più probabile che venga data l’autorizzazione”. Così il ministro della Salute tedesco, Jens Spahn, risponde a chi gli chiede una risposta alle critiche avanzate dalla sua omologa belga verso i Paesi Ue che hanno bloccato l’export di materiale protettivo. “E’ importante che la decisione sia presa caso per caso, perché come ogni Paese riscontriamo una carenza di mascherine – ha continuato – e credo sia ancora più importante che in Ue ci sia un approccio unitario alla questione”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati