Economia

L’Olanda spegne i sogni di Mediaset su Mfe e fa gioire Vivendi

di

mediaset

Il tribunale di Amsterdam accoglie il ricorso di Vivendi contro la nascita di Media For Europe (Mfe), la tv paneuropea progettata da Mediaset

 

Anche il tribunale di Amsterdam boccia il progetto Media For Europe di Mediaset, accogliendo il ricorso della francese Vivendi, che si oppone alla nascita della holding europea dei contenuti voluta da Mediaset.

Il Biscione è già a lavoro per modificare i suoi piani.

Andiamo per gradi.

IL PROGETTO

Partiamo dal principio. Mediaset vuole dare vita ad una tv panaeuropea (e per questo nel maggio 2019 ha acquisito il 9,6% del gruppo televisivo tedesco ProSiebenSat.1), che passa dalla fusione per incorporazione con la controllata spagnola, Mediaset Espana.

Media for Europe, questo il nome del progetto che dovrebbe riunire sotto il controllo di Fininvest tutte le attività di Mediaset del Vecchio Continente, dovrebbe avere sede legale in Olanda, domicilio fiscale in Italia e due sedi operative, una a Cologno e una a Madrid.

COSA CONTESTA VIVENDI

L’idea del Biscione, però, non è gradito a Vincent Bolloré, patron della francese Vivendi, che non condivide lo schema di governance della holding olandese. Secondo il progetto originario, Mediaset dovrebbe detenere un pacchetto del 35% di MFE, con poco più del 50% dei diritti di voto, a fronte del 23% di Vivendi.

AMSTERDAM BOCCIA LA FUSIONE

La fusione transfrontaliera, così come immaginata da Mediaset, non ha convinto nemmeno il tribunale di Amsterdam. L’Olanda, infatti, ha accolto il ricorso cautelare di Vivendi, bloccando Media For Europe.

UN CAMBIO DI ROTTA

La sentenza arrivata nelle ultime ore rappresenta un vero e proprio cambio di rotta per il tribunale olandese, che solo pochi mesi fa aveva dato ragione a Mediaset, bocciando il ricorso urgente presentato da Vivendi per bloccare la nascita della nuova holding.

Il tribunale di Amsterdam aveva stabilito che “il sistema delle azioni a voto speciale non fosse in violazione della legge olandese e che l’esito della Corte di Giustizia europea sul ricorso dei francesi contro parte della ‘legge Gasparri’ fosse troppo incerto, aggiungendo che Mfe non avesse violato le norme olandesi sulle fusioni”, spiega CorCom.

ANCHE MADRID FERMA MFE

Lo stop al progetto è arrivato, nei mesi scorsi, anche da Madrid, dove però si cerca una soluzione “amichevole”.

MEDIASET: A LAVORO PER REVISIONE PIANO

E proprio la prima bocciatura a MFE arrivata dalla Spagna aveva spinto Mediaset a mettere il progetto in stand by, lavorando ad un nuovo progetto.

LA SODDISFAZIONE DI VIVENDI

La decisione del tribunale di Amsterdam fa gioire Vivendi, che si dice “molto soddisfatta per la decisione dei giudici di Amsterdam, che riteniamo sia nell’interesse di tutti gli azionisti di Mediaset, ovvero quello che abbiamo sempre cercato di ottenere in tutti i tribunali dei diversi Paesi e alla Corte europea”.

MEDIASET SCENDE IN BORSA

Vacilla in Borsa Mediaset, che al momento in cui scriviamo (15.30) sta perdendo oltre il 2%, a 1,52 euro.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati