Economia

Lo stimolo fiscale di Joe Biden surriscalderà l’economia americana? Analisi Economist

di

biden

Cosa dobbiamo aspettarci dal piano fiscale di Joe Biden? L’analisi dell’Economist

Joe Biden entra per la seconda volta alla Casa Bianca durante una crisi economica. Il 14 gennaio ha presentato il suo piano per affrontare la recessione causata dalla pandemia. Visto dal basso verso l’alto, si tratta di una combinazione di spese vitali per i vaccini e l’assistenza sanitaria, di aiuti economici necessari e di altre dispense più discutibili. Visto dall’alto verso il basso, è un enorme stimolo finanziato dal debito. Il piano di Biden vale circa il 9% del PIL pre-crisi, quasi il doppio del pacchetto di spesa del presidente Barack Obama nel 2009. Ed è grande, anche in relazione al probabile calo della domanda che l’America potrebbe aspettarsi di subire una volta che si sarà lasciata alle spalle l’ondata invernale di covid-19, e visti gli stimoli già in atto – scrive The Economist.

Una domanda naturale da porsi, quindi, è se la proposta, pur essendo una mossa di apertura in una trattativa con il Congresso, potrebbe surriscaldare l’economia. La figura più importante che avverte che questo potrebbe accadere è Larry Summers dell’Università di Harvard. Le sue critiche sono notevoli sia perché è stato un consigliere di Obama, sia perché finora è stato forse il più importante sostenitore del deficit di spesa al mondo. “Se ci lasciamo alle spalle la paura, avremo un’economia in fiamme”, ha detto il 14 gennaio.

Ci sono tre ragioni principali per sospettare che il surriscaldamento potrebbe essere nelle carte: le prove emergenti che la recessione potrebbe rivelarsi temporanea, gli stimoli generosi e la strategia di politica monetaria della Federal Reserve. Prendiamo prima le prove che la recessione di oggi potrebbe essere più una pausa temporanea che un crollo prolungato. Il numero di posti di lavoro non agricoli rimane di 10 milioni, o il 6,3%, al di sotto del suo picco pre-pandemico, simile al calo registrato nel 2010 nel periodo peggiore dell’ultima crisi. Eppure, dopo la prima ondata di infezioni nel 2020, la disoccupazione è scesa molto più rapidamente di quanto gli esperti si aspettassero. Se la creazione di posti di lavoro dovesse tornare al ritmo medio raggiunto tra giugno e novembre 2020, il picco occupazionale pre-pandemico verrebbe riconquistato in meno di un anno. Solo a metà del secondo mandato vice-presidenziale di Biden è stato raggiunto un tale traguardo l’ultima volta.

A conferma di un rapido rimbalzo è il fatto che le perturbazioni economiche sembrano concentrate in alcuni settori, anziché diffuse su larga scala. L’America ha perso posti di lavoro, in rete, a dicembre, ma solo perché l’industria del tempo libero, dei trasporti e dell’ospitalità è stata decimata dall’allontanamento sociale. Il rapporto tra le aperture di posti di lavoro e i lavoratori disoccupati rimane elevato e, al di fuori dei settori interessati, la crescita dei salari non è diminuita molto. Anche il deficit di spesa è altrettanto concentrato. La spesa dei consumatori nella settimana fino al 3 gennaio è diminuita solo del 2,8% rispetto all’anno precedente, secondo Opportunity Insights, un gruppo di ricerca. Eppure la spesa al dettaglio per le merci è aumentata del 16,5%; sono i ristoranti e l’intrattenimento ad essere in difficoltà. E gli stimoli fiscali hanno più che compensato il crollo dei redditi nel 2020. A novembre, l’ultimo mese per il quale sono disponibili dati ufficiali, il reddito totale al netto delle imposte degli americani era superiore del 4,3% rispetto all’anno precedente.

In effetti, l’aritmetica degli stimoli è un secondo motivo per cui l’economia potrebbe riscaldarsi. Prima di dicembre, gli stimoli fiscali totali nel 2020 ammontavano a quasi 3 trilioni di dollari (circa il 14% del PIL nel 2019), molto più del probabile calo della produzione. Le misure di distanziamento sociale hanno fatto sì che gran parte di questa liquidità si sia accumulata nei conti bancari. Secondo Fannie Mae, una società di finanziamenti per l’edilizia residenziale sostenuta dal governo, a metà dicembre gli americani avevano accumulato circa 1,6 miliardi di dollari di risparmi in eccesso. È difficile sapere cosa potrebbe accadere a questo mucchio di denaro; gli economisti di solito partono dal presupposto che le famiglie sono molto meno propense a spendere inaspettatamente ricchezza (come ad esempio un aumento del mercato azionario) rispetto al reddito. Ma se la gente invece considera questi risparmi in eccesso come reddito ritardato, allora il cumulo di denaro rappresenta uno stimolo che non è ancora andato a segno, da utilizzare quando l’economia si riapre completamente.

A dicembre il presidente Donald Trump ha firmato un’altra legge per 935 miliardi di dollari di spesa in deficit, che ha esteso i sussidi di disoccupazione, ha fornito più sostegno alle piccole imprese, e ha inviato alla maggior parte degli americani un assegno di 600 dollari. Questo ha garantito che il mancato reddito continuasse ad essere sostituito. La proposta di Biden di 1,9 miliardi di dollari di stimolo, che include altri 1.400 dollari in assegni, renderebbe la spinta fiscale totale nel 2021 più o meno uguale a quella del 2020.

Jason Furman, un altro ex consigliere di Obama, calcola che l’impatto combinato del pacchetto di dicembre e del piano Biden sarebbe di circa 300 miliardi di dollari al mese per i nove mesi del 2021 per i quali le misure saranno in vigore. In confronto, il calo del Pil, rispetto al trend pre-crisi, è stato solo di circa 80 miliardi di dollari a novembre. In genere, i keynesiani sostengono che gli stimoli fiscali stimolano l’economia a causa di un notevole effetto “moltiplicatore”. Ma il caso che lo stimolo sia grande come la proposta di Biden “deve essere che si pensa che il moltiplicatore nel 2021 sia davvero piccolo”, dice Furman. Altrimenti, sembra destinato a portare la spesa totale dell’economia al di là di quanto può produrre l’anno prossimo, provocando un’esplosione dell’inflazione.

Se l’economia dovesse mostrare segni di un tale surriscaldamento, ci si potrebbe aspettare che la Fed aumenti i tassi di interesse per raffreddare le cose. Infatti, dal 6 gennaio, quando i Democratici si sono aggiudicati i seggi cruciali del Senato in Georgia che potrebbero consentire loro di far approvare un grande stimolo, il rendimento decennale del Tesoro è salito da circa lo 0,9% a circa l’1,1%. I rendimenti delle obbligazioni legate all’inflazione sono aumentati in modo approssimativo, suggerendo che gli investitori si aspettavano tassi d’interesse reali più alti, piuttosto che un’inflazione più elevata.

Ma la Fed sta inciampando su se stessa per segnalare che la politica monetaria rimarrà allentata – un terzo motivo per aspettarsi un surriscaldamento. Il momento di alzare i tassi di interesse è “non presto”, ha detto Jerome Powell, il suo presidente, il 14 gennaio. Egli ha anche fatto presente l’idea che la Fed potrebbe presto ridurre i suoi acquisti mensili di titoli del Tesoro e di titoli garantiti da ipoteca per 120 miliardi di dollari. Powell ha detto che la banca centrale ha imparato la lezione del 2013, quando gli accenni della Fed che potrebbe ridurre gli acquisti di attività hanno mandato in tilt i mercati obbligazionari. I responsabili della politica monetaria continuano a dire che preservare il “regolare funzionamento del mercato” è uno degli obiettivi di questi acquisti, nonostante non si siano riscontrate disfunzioni nei mercati obbligazionari dalla primavera.

La Fed è così disposta a mantenere il pedale dell’acceleratore  perché, in contrasto con la ripresa dalla crisi finanziaria, sta cercando di superare l’obiettivo del 2% di inflazione, per compensare i continui deficit. La strategia, annunciata l’estate scorsa, è ancora in fase di digestione da parte degli investitori. Non è chiaro se i responsabili politici siano impegnati a “puntare sull’inflazione media” come fine a se stessa, o semplicemente come mezzo per impedire che le aspettative di inflazione scivolino troppo durante la crisi, sostiene David Mericle della Goldman Sachs, una banca. Dato che le aspettative di inflazione sono aumentate di recente, questa distinzione potrebbe rivelarsi importante. In ogni caso, la Fed è stata chiara sul fatto che non aumenterà i tassi fino a quando l’inflazione non sarà “sulla buona strada per superare moderatamente il 2% per un certo periodo di tempo”.

Coloro che si impegnano con zelo a far uscire l’economia mondiale dalla trappola dei bassi tassi e della bassa inflazione degli anni ’20 potrebbero accogliere con favore l’ancora più grande esplosione dell’inflazione che l’attuale mix di politica fiscale e monetaria potrebbe consentire. La Fed, tuttavia, non è in quel campo. Se il surriscaldamento la provocasse in aumenti dei tassi più precoci di quanto i mercati si aspettano, l’assunzione di denaro a basso costo che sta alla base degli attuali prezzi degli attivi alle stelle e la sostenibilità del debito pubblico in aumento potrebbe cominciare a disfarsi.

Un tale scenario rimane un rischio più remoto. Il risultato più probabile è che il Congresso sia d’accordo su uno stimolo minore di quello proposto da Biden e che il surriscaldamento, se dovesse verificarsi, si rivelerà temporaneo. Al di là di questo, nessuno sa davvero quanto velocemente l’economia possa crescere senza innescare l’inflazione. Se la politica economica dovesse rimanere in un territorio inesplorato, tuttavia, i suoi limiti di velocità potrebbero essere messi alla prova con maggiore frequenza.

Articolo tratto dalla rassegna stampa estera di Eprcomunicazione

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati