Economia

L’industria tedesca si sta ingrippando? Dati, commenti e scenari

di

Germania

Gli ordini di fabbrica in Germania sono diminuiti dell’1% rispetto a ottobre, deludendo le attese degli economisti, che si aspettavano una flessione dello 0,1%. Fatti, numeri, commenti e analisi

 

E’ un corto circuito quello che si sta producendo in Europa. La stagnazione fa diminuire la domanda e questo ha riflessi sull’economia europea più robusta, ossia quella tedesca, che se inizia a perdere colpi avrà effetti nefasti per gli altri Paesi europei.

Uno scenario che appare sempre meno lontano secondo gli ultimi dati pubblicati oggi. Ecco tutti i dettagli.

GLI ULTIMI DATI PESSIMI IN GERMANIA

Segnali negativi per l’industria tedesca a novembre. Gli ordini di fabbrica sono diminuiti dell’1% rispetto a ottobre, deludendo le attese degli economisti, che si aspettavano una flessione dello 0,1%, secondo il consensus raccolto da Bloomberg. Il calo, aggiustato per i giorni lavorativi, sale al 4,3% sul novembre 2017. Pesa sul risultato la diminuzione del 3,2% degli ordini dall’estero – dove si segnala il -11,6% dell’Eurozona – a fronte di una crescita interna del 2,4%.

LO SCENARIO PER L’ECONOMIA TEDESCA

Secondo l’economista di Markit, Chris Williamson, l’economia tedesca crescerà dello 0,2% nell’ultimo trimestre dopo una contrazione nel periodo luglio-settembre. “Il rischio di una recessione è aumentato, ma non la vediamo ancora nelle nostre proiezioni”, ha avvertito Williamson. Così l’indice preliminare composito dei direttori acquisto della zona è sceso a 51,3, il minimo da novembre 2014, da una lettura di 52,7, ben al di sotto delle aspettative a 52,8.

I NUMERI TEDESCHI CHE PREOCCUPANO

Più nel dettaglio, il Pmi dei servizi è sceso a 51,4 da 53,4 di novembre, sotto le previsioni. In frenata anche per il manifatturiero con l’indice sceso a 51,4 da 51,8 di novembre, anche in questo caso sotto le stime a 51,9. “Il Pmi segnala che l’economia del blocco si espanderà dello 0,2-0,3% questo trimestre e probabilmente più in direzione della parte bassa”, ha concluso Williamson.

IL COMMENTO DI LA MALFA

Ha scritto nei giorni scorsi su Start Magazine l’economista Giorgio La Malfa: “A fine 2018 si sono fatti più intensi i segni di rallentamento dell’economia mondiale. Vengono in particolare dalla Cina che ha rivisto al ribasso le previsioni di crescita per il 2019 e dalla Germania che, essendo essenzialmente un’economia esportatrice, riflette subito la debolezza della domanda globale. Non potranno non esservi riflessi anche sulle esportazioni italiane e quindi sulla nostra crescita che è già così bassa”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati