Economia

Leonardo, ecco i conti 2019 di Profumo

di

Leonardo

Via libera dell’assemblea degli azionisti al bilancio 2019 di Leonardo. Tutti i dettagli con la conferma di Profumo come amministratore delegato e la nomina di Carta come presidente al posto di De Gennaro

Via libera dell’assemblea degli azionisti al bilancio 2019 di Leonardo.

Il gruppo dell’aerospazio e difesa archivia l’esercizio con ordini pari a 14.105 milioni di euro e con un portafoglio ordini che si attesta a 36.513 milioni di euro, in crescita dell’1,1% e con una copertura in termini di produzione equivalente pari a oltre 2,5 anni. I ricavi mostrano una crescita a doppia cifra e salgono a 13.784 milioni di euro, +12,6%. L’utile è pari a 822 milioni.

Nel corso dell’assemblea è stato confermato amministratore delegato Alessandro Profumo ed è stato nominato presidente Luciano Carta, che prende il posto di Gianni De Gennaro (qui il curriculum di Carta).

Ecco tutti i dettagli

LA DISTRIBUZIONE DEL DIVIDENDO

Disco verde dell’assemblea anche alla proposta di distribuzione di un dividendo a valere sull’utile dell’esercizio 2019 pari a 0,14 euro. Il dividendo sarà posto in pagamento a decorrere dal 24 giugno 2020, con record date (ossia data di legittimazione al pagamento del dividendo) 23 giugno 2020 e previo stacco della cedola n. 11 in data 22 giugno
2020.

EFFETTO COVID

Leonardo segnala che, in considerazione dell’emergenza sanitaria connessa all’epidemia da Covid-19 e tenuto conto delle previsioni normative emanate per il contenimento del contagio, l’intervento in assemblea da parte degli aventi diritto è avvenuto esclusivamente per il tramite del rappresentante designato dalla società.

NESSUNO SPOSTAMENTO

Leonardo “non ha assunto nessuna determinazione in tal senso” e non e’ “attualmente in corso alcuna riflessione al riguardo”. Lo afferma Leonardo nelle risposte scritte anticipate agli azionisti in vista dell’assemblea (che si e’ tenuta oggi) rispondendo ad un quesito sul possibile spostamento della sede legale in Olanda e della sede fiscale in Gran Bretagna.

+++

ECCO IL TESTO DEL COMUNICATO STAMPA DI LEONARDO RELATIVO AI CONTI 2019

L’Assemblea degli Azionisti di Leonardo Spa, riunitasi a Roma in data odierna, ha deliberato sui seguenti punti all’ordine del giorno:

Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2019

L’Assemblea degli Azionisti di Leonardo Spa ha approvato il Bilancio della Società per l’esercizio 2019 e ha preso visione del Bilancio Consolidato.

Principali dati economico-finanziari al 31 dicembre 2019

Il percorso di crescita previsto dal piano industriale trova piena realizzazione nel 2019, con risultati in linea o superiori rispetto agli obiettivi prefissati.

Il sensibile incremento dei ricavi in tutti i settori di business, trainato dai successi commerciali ottenuti, è stato accompagnato dall’aumento del risultato operativo, in grado di compensare anche il minore apporto di talune joint venture strategiche. La sostenibilità di tale crescita nel lungo periodo e la creazione di valore del Gruppo sono garantite dagli investimenti effettuati in persone, competenze e tecnologie innovative. Il risultato netto del periodo, in sensibile incremento rispetto all’anno precedente, beneficia della forte crescita del risultato operativo, dei minori oneri di ristrutturazione, della riduzione dell’ammortamento di attività derivanti da Purchase Price Allocation, oltre che degli effetti derivanti dalla transazione con Hitachi, classificati nel risultato delle “Discontinued operations”.

L’indebitamento netto di Gruppo del 2019 include l’effetto dell’adozione del principio contabile IFRS 16 sui contratti di leasing per € 451 mil (€458 mil alla data di prima iscrizione), il pagamento dei dividendi (€ 81 mil), nonché l’acquisizione di Vitrociset (€ 110 mil inclusivo della posizione finanziaria netta della società acquisita di € 63 mil) e di altre partecipazioni minori. Al netto di tali fenomeni l’ammontare dell’Indebitamento netto di Gruppo sarebbe rimasto sostanzialmente invariato rispetto al 2018. Nel dettaglio, i risultati dell’esercizio 2019 evidenziano

Ordini: pari a 14.105 milioni di euro. Gli ordini del 2018 includevano, nel segmento degli Elicotteri, l’acquisizione dell’ordine NH90 Qatar per circa € 3 mld; al netto di tale fenomeno, tutti i business risultano in crescita.

Portafoglio ordini: pari a 36.513 milioni di euro mostra, rispetto al 2018 un incremento del 1,1% e assicura una copertura in termini di produzione equivalente pari a oltre 2,5 anni.

Ricavi: pari a 13.784 milioni di euro, registrano, rispetto al 2018 (€ 12,2 mld), un significativo incremento (12,6%), principalmente riconducibile all’Elettronica per la Difesa e Sicurezza ed all’Aeronautica.

EBITA: pari a 1.251 milioni di euro, presenta una significativa crescita rispetto al 2018 (€ 1.120 mil), confermando una solida redditività (ROS del 9,1%, in linea con il precedente esercizio) per effetto del miglioramento registrato nell’Elettronica per la Difesa e Sicurezza, negli Elicotteri e nelle Divisioni dell’Aeronautica, che ha più che compensato la flessione del risultato del Consorzio GIE-ATR e del segmento manifatturiero nel settore Spazio oltre che, gli investimenti associati al rafforzamento delle strutture centrali a supporto del percorso di crescita del Gruppo.

EBIT: pari a 1.153 milioni di euro presenta, rispetto al 2018 (€ 715 mil), un miglioramento pari a € 438 mil (+61,3%) dovuto, oltre che al miglioramento dell’EBITA, alla riduzione degli oneri di ristrutturazione ed al completamento di gran parte degli ammortamenti legati alle attività immateriali iscritte in occasione dell’acquisizione di Leonardo DRS (Purchase Price Allocation).

Risultato netto ordinario: pari a 722 milioni di euro, beneficia rispetto al precedente esercizio principalmente del miglioramento del risultato operativo, al netto del relativo carico fiscale.

Risultato netto: pari a 822 milioni di euro accoglie, a seguito della firma della transazione con Hitachi, gli effetti del rilascio di gran parte del fondo stanziato a fronte delle garanzie prestate in occasione della cessione del business trasporti di Ansaldobreda S.p.A. Il dato del 2018 includeva gli effetti della sentenza di assoluzione nei confronti di Ansaldo Energia e di un’altra operazione minore, che avevano portato alla rilevazione, all’interno del risultato delle “Discontinued Operations”, di un provento di € 89 mil.

Free Operating Cash Flow (FOCF): risulta positivo per 241 milioni di euro (€ 336 mil nel 2018).

L’indebitamento netto di Gruppo riflette positivamente l’andamento del FOCF. Tuttavia, rispetto al dato del 31 dicembre 2018 (€ 2.351 mil), si attesta ad € 2.847 mil, per effetto principalmente dell’iscrizione delle passività finanziarie derivanti dall’applicazione dell’IFRS 16 “Leasing” (l’effetto al 1 gennaio 2019 sull’Indebitamento Netto di Gruppo è stato pari ad € 458 mil), dell’impatto sulla posizione finanziaria netta dell’operazione Vitrociset (€ 110 mil, inclusivo della posizione finanziaria netta della società acquisita di € 63 mil) e della distribuzione di dividendi (per € 81 mil). Gli effetti dell’adozione del principio IFRS16 “Leasing” sul bilancio 2019 sono riportati nella Nota “Effetti del nuovo principio contabile IFRS16 “Leasing” della Relazione sulla gestione.

Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2019 di Sistemi Dinamici S.p.A.

L’Assemblea degli Azionisti ha approvato il Bilancio di esercizio al 31 dicembre 2019 di Sistemi Dinamici S.p.A.

Dividendo 2019

L’Assemblea degli Azionisti ha approvato la proposta di distribuzione di un dividendo a valere sull’utile dell’esercizio 2019 pari a 0,14 euro, al lordo delle eventuali ritenute di legge, con riferimento a ciascuna azione ordinaria che risulterà in circolazione alla data di stacco cedola, escluse le azioni proprie in portafoglio a quella data, fatto salvo il regime di quelle che risulteranno effettivamente assegnate, in virtù dei vigenti piani di incentivazione, nell’esercizio in corso. Il dividendo sarà posto in pagamento a decorrere dal 24 giugno 2020, con record date (ossia data di legittimazione al pagamento del dividendo) 23 giugno 2020 e previo stacco della cedola n. 11 in data 22 giugno 2020.

Nomina del nuovo Consiglio di Amministrazione L’Assemblea degli Azionisti, dopo avere determinato in 12 il numero dei relativi componenti e fissato in tre esercizi la durata del relativo mandato, ha provveduto alla nomina del nuovo Consiglio di Amministrazione della Società per il triennio 2020-2022 che terminerà con l’Assemblea convocata per l’approvazione del bilancio al 31 dicembre 2022.

Il nuovo Consiglio di Amministrazione risulta così composto: Luciano Carta, Alessandro Profumo, Carmine America, Pierfrancesco Barletta, Elena Comparato, Paola Giannetakis, Federica Guidi, Maurizio Pinnarò, Dario Frigerio, Marina Rubini, Patrizia Michela Giangualano e Ferruccio Resta.

L’Assemblea ha inoltre nominato Luciano Carta Presidente del Consiglio di Amministrazione della Società, provvedendo altresì a determinare i compensi spettanti all’organo consiliare (euro 90.000,00 lordi annui per il Presidente del Consiglio di Amministrazione; euro 80.000,00 lordi annui per ciascuno degli altri Consiglieri).

Il nuovo Consiglio di Amministrazione procederà nella prima riunione utile alla valutazione in ordine alla sussistenza dei requisiti di indipendenza in capo ai propri membri ai sensi di legge e del Codice di Autodisciplina.

Relazione sulla Remunerazione

Con riguardo alla Relazione sulla politica in materia di remunerazione e sui compensi corrisposti, l’Assemblea ha approvato – nel rispetto della normativa di riferimento – con deliberazione vincolante la prima sezione della Relazione (con il 96,83% del capitale rappresentato in Assemblea) e con deliberazione non vincolante la seconda sezione della Relazione (con il 72,71% del capitale rappresentato in Assemblea).

Bilancio di Sostenibilità e Innovazione 2019

La Società ha presentato ai suoi Azionisti il Bilancio di Sostenibilità e Innovazione 2019, che descrive l’approccio di Leonardo per creare valore e impatti positivi nel lungo termine sotto il profilo economico, ambientale e sociale, i temi di maggiore interesse per l’azienda e gli stakeholder (c.d. temi materiali) e il contributo al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (SDGs) delle Nazioni Unite. Il Bilancio di Sostenibilità e Innovazione 2019 svolge la funzione di Dichiarazione consolidata di carattere non finanziario ai sensi del Decreto Legislativo 254/2016. Il documento è stato redatto in conformità ai GRI Sustainability Reporting Standards del Global Reporting Initiative (GRI) secondo l’opzione di rendicontazione “core” e tiene in considerazione gli standard SASB (Sustainability Accounting Standards Board), il framework dell’International Integrated Reporting Council (IIRC) e le raccomandazioni della Task Force on Climate-related Financial Disclosures (TCFD).

Incarico di revisione legale dei conti

L’odierna Assemblea ha infine deliberato, su proposta motivata del Collegio Sindacale formulata ai sensi della normative di riferimento, il conferimento dell’incarico di revisione legale dei conti per il novennio 2021-2029 alla società EY S.p.A.

Partecipazione all’Assemblea

L’Assemblea ha registrato una consistente partecipazione degli azionisti istituzionali – in larga maggioranza esteri – presenti con circa il 52% del capitale sociale presente in assemblea.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati