Economia

Lavoro, come sono cresciute le assunzioni a tempo indeterminato. Report Inps

di

INPS

Tutti i numeri su assunzioni e contratti nel rapporto Inps

 

Complessivamente le assunzioni, riferite ai soli datori di lavoro privati, nel 2018 sono state 7.424.000, in aumento del 5,1% rispetto al 2017. In crescita risultano i contratti a tempo indeterminato (+7,9%), i contratti a tempo determinato (+4,5%), i contratti di apprendistato (+12,1%), i contratti di lavoro stagionale (+6,4%) e i contratti di lavoro intermittente (+7,9%). I contratti in somministrazione risultano pressoché stabili (+0,5%). Lo rileva l’Inps nel suo Osservatorio sul Precariato.

I MESI DI MAGGIORE CRESCITA

Per le assunzioni in somministrazione e a tempo determinato la fase di crescita si è conclusa tra luglio e agosto 2018: per i contratti a tempo determinato si registra infatti una dinamica negativa nell’ultimo bimestre, mentre per i contratti di somministrazione il calo è netto e rilevante (attorno al 20%) a partire da agosto.

LE TRASFORMAZIONI A TEMPO INDETERMINATO

Nel 2018 si registra, rispetto al 2017, un importante incremento delle trasformazioni da tempo determinato a tempo indeterminato, che risultano quasi raddoppiate (da 299.000 a 527.000: +228.000, +76,2%). Il trend di crescita, già elevato fin dai primi mesi dell’anno, evidenzia un’ulteriore accelerazione nell’ultimo bimestre con incrementi tendenziali superiori al 100%.

CHE COSA ARRETRA

Nel 2018 risultano in contrazione, invece, le conferme dei rapporti di apprendistato giunti alla conclusione del periodo formativo (-13,1%): tale flessione può essere ricondotta alla scadenza del triennio formativo degli apprendisti assunti nel 2015, anno in cui, a causa della possibilità di utilizzo dell’esonero triennale, le assunzioni con contratto di apprendistato si erano notevolmente ridimensionate.

I SALDI FRA ASSUNZIONI E CESSAZIONI

La differenza tra assunzioni e cessazioni negli ultimi dodici mesi segna a dicembre un saldo positivo e pari a +431mila di poco inferiore a quello del 2017 (+466mila). Lo rileva l’Inps nel suo Osservatorio sul Precariato. I saldi su base annua per le diverse tipologie contrattuali attestano un andamento sempre positivo per i rapporti di lavoro a tempo indeterminato (+200mila, in accelerazione a fine anno), per l’apprendistato (+81mila: livello tendenziale stabile nell’ultimo trimestre) e anche per i contratti in somministrazione. Positivi ma in forte e progressiva diminuzione quelli dei rapporti di lavoro a tempo determinato, dello stesso segno ma con un’intensità meno pronunciata risultano i saldi per il lavoro intermittente.

I COMMENTI DI SEGHEZZI DEL CENTRO STUDI ADAPT

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati