Economia

L’Italia, il ruolo auspicabile della Bce e il Mes cavallo di Troika

di

bce

Fatti, analisi e scenari a latere del Consiglio europeo. L’approfondimento di Giuseppe Liturri

Nel giorno in cui, i principali organi di informazione internazionali, come Bloomberg e Financial Times, rilanciano la disponibilità della Bce a fare tutto il necessario per evitare la frammentazione del sistema finanziario e evitare crisi del debito pubblico, l’Italia si presenta al Consiglio Europeo con richieste da ultima spiaggia o manifestamente non accoglibili.

In un lungo articolo dal titolo “La Bce potrebbe essere la porta sul retro per arrivare a mutualizzare il debito”, si spiega chiaramente come stanno le cose: o i Paesi del nord (Germania in testa) accettano che la Bce acquisti senza limiti debito pubblico emesso dagli Stati membri, che significa di fatto rendere solidalmente responsabili di tale debito tutti i Paesi dell’eurozona, oppure l’alternativa è accettare il crollo dell’eurozona. Non sembrano esserci alternative. Il vantaggio di questa opzione, rispetto all’emissione di eurobond (tutta da definirsi nei dettagli e nei tempi), è di tipo politico. Le opinioni pubbliche dei Paesi nordici non capirebbero tale mutualizzazione nascosta e quindi potrebbero accettarla, almeno nel breve periodo.

La crescita del debito pubblico che Paesi come Spagna ed Italia hanno davanti a sé e talmente rilevante, che solo un intervento della Bce potrebbe renderlo sostenibile, prevenendo una catastrofica nuova crisi dei debiti sovrani.

Economisti ed operatori di mercato interpellati da Bloomberg e Financial Times, sono stati concordi nell’affermare che la Bce potrebbe presto ampliare la portata del programma di acquisti di titoli pubblici. Addirittura, in casi estremi, potrebbe dedicare all’Italia tutto il programma PEPP per 750 miliardi.

Queste misure non appaiono essere al di fuori del mandato della Bce, continuano gli economisti di Bloomberg. Infatti la stabilità dei prezzi e la stabilità finanziaria sono gli obiettivi che la Bce può e deve conseguire anche attraverso il massiccio acquisto di titoli pubblici.

Ma vi è di più. La Bce potrebbe impegnarsi a mantenere quei titoli nel suo bilancio fino a 30 anni, rinnovandoli quindi ogni volta alla scadenza. Siamo ad un passo dall’ammissione che quei titoli non saranno mai rimborsati.

Allo stesso modo si estende l’ombrello protettivo della Bce sulle banche. Con una decisione di ieri sera, Francoforte ha consentito alle banche di presentare, come garanzia per i prestiti ricevuti dalla banca centrale, anche titoli classificati dalle agenzie di rating come spazzatura (junk) dopo il 7 aprile 2020. La grande stampa ha presentato questa misura come positiva per le banche italiane, cariche di BTP che sono solo due gradini sopra il livello “investment grade”. Ma hanno trascurato di sottolineare che l’indice di rischiosità delle banche francesi e tedesche è nettamente superiore a quello delle banche italiane e, in caso di turbolenza dei mercati, sarebbero proprio quelle banche ad avere bisogno di rifinanziarsi d’urgenza presso la Bce, presentando garanzie assimilabili a spazzatura. L’unica a quel punto disponibile nei loro attivi. Questa misura della Bce non si estende però agli acquisti di titoli pubblici nell’ambito del QE e del più recente PEPP.

La strategia della Bce – mutualizzare il debito, passando dalla porta di servizio degli acquisti illimitati e rinnovati ad libitum – potrebbe però rivelarsi presto insostenibile per la protesta dei contribuenti del blocco nordico.

Allora, l’economista interpellato da Bloomberg (Gilles Moec, capo economista di AXA a Londra ed in passato alto funzionario alla banca centrale francese) propone la monetizzazione “lenta” del debito. La Bce potrebbe comprare i crediti delle banche verso le imprese e trasformarli in prestiti a 30 anni a tasso zero.

Significa spostare i debiti dei privati (imprese, famiglie) dai bilanci delle banche a quello della Bce, attraverso la creazione di moneta di banca centrale. Insomma un nuovo QE, questa volta comprando prestiti bancari che la Bce attenderebbe 30 anni prima di incassare.

In questo crepitare di soluzioni fantasiose, che ruotano tutte intorno allo stesso principio, cioè il ruolo centrale della Bce, sembrano davvero di retroguardia le richieste del governo italiano. Che senso ha chiedere 37 miliardi al Mes, quando ce ne vorrebbero almeno 6 volte tanto per rilanciare la nostra economia e quando, soprattutto, la Bce è quasi costretta a fare il suo lavoro altrimenti salterebbe l’eurozona?

Il senso purtroppo è chiaro. Poiché la condivisione del rischio attuata dalla Bce è incondizionata ma surrettizia in quanto trasferisce di fatto il rischio dall’Italia a tutti gli altri azionisti della Bce stessa, in qualche modo il nostro Paese deve essere messo sotto stretta sorveglianza macroeconomica. È la libbra di carne che bisogna pagare, di nascosto.

Allora il Mes è il cavallo di Troia perfetto per insediare la Troika a Roma. Ma almeno ce lo dicano chiaramente, smettendo di nascondersi dietro la foglia di fico delle spese sanitarie.

MES, SURE, BEI, EUROBOND: FATTI, NUMERI, OBIETTIVI, PROBLEMI E RISCHI

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Articoli correlati